Anteprima Fairy Tail

Le avventure del mago Natsu e della sua bizzarra compagine.

anteprima Fairy Tail
Articolo a cura di

Fairy Tail è un nuovo Anime tratto dall'omonimo shonen manga, un manga cioè per ragazzi fino ai 18 anni, realizzato da Hiro Mishima e pubblicato in Giappone dall'Agosto del 2006. Nell'Ottobre dello scorso anno, la prima puntata di Fairy Tail è stata trasmessa nel Paese del Sol Levante ed è tuttora in corso la prima stagione giunta alla 34esima puntata (al 21 Giugno 2010).
Poco tempo dopo la trasmissione delle prime puntate sulle tv giapponesi, Mediaset ne ha acquistato i diritti per la trasposizione in italiano. É quindi molto probabile che vedremo questo anime trasmesso molto presto anche sulle nostre televisioni (probabilmente su "Italia 1").
L'autore di Fairy Tail, nella produzione del manga, ha tratto grossa ispirazione da altre opere di grande successo, mettendoci però del suo. Come chiunque con un minimo di cultura in materia potrà subito rendersi conto, lo stile usato per questo lavoro è sia graficamente che strutturalmente ispirato principalmente (ma non esclusivamente) a uno dei manga più famosi e di più grande successo tanto in Giappone quanto in Italia: One Piece! Qual'è la peculiarità dell'autore? Lo vedremo fra qualche istante!

Ambientazione

La storia è ambientata nel Regno di Fiore, un Paese in cui la magia e i maghi sono cosa comune e questi ultimi sono per la maggior parte aggregati in Gilde. Fairy Tail, il titolo della serie, è anche il nome della gilda di cui fanno parte i protagonisti della nostra storia.
Le Gilde sono organizzate diversamente tra loro: ognuna ha la sua autonomia. Principalmente ci sono però tre gradi a cui i maghi possono aspirare: essere semplici membri e partecipare alle varie attività; diventare maghi di classe S, cioè quelli che possono accedere alle missioni dell'omonimo grado, ritenute le più pericolose; diventare il maestro della gilda, cioè colui che gestisce, come un manager, l'intera congregazione. Ovviamente più si sale in questa scala più è richiesta una maggiore abilità fisica, magica, e intellettuale. Al di sopra della struttura Gildica, per proteggere i comuni abitanti di Fiore (i non maghi) e per prevenire che la magia venga usata in modo distruttivo, esistono due sovrastrutture: il consiglio dei maestri di gilda, e il Consiglio Supremo dei Maghi (d'ora in avanti chiameremo quest'ultimo semplicemente “Consiglio”), composto solo da pochissimi scelti tra i maghi più saggi e potenti. Makarov, il maestro di gilda di Fairy Tail è, ovviamente, uno dei membri del Consiglio.
I maghi appartenenti alle gilde, svolgono missioni che vengono commissionate alla gilda cui appartengono, che, per far si che i membri possano scegliere quale missione svolgere, affiggono i manifesti di queste ultime nella bacheca comune. Le missioni di classe S vengono affisse invece su una bacheca riservata ai maghi in possesso di quel grado. Ogni mago o gruppo di maghi, può richiedere l'affidamento di una missione, togliendola dalla bacheca e chiedendone l'approvazione al maestro di gilda. I maghi, quindi, possono partecipare in gruppo a una missione. Generalmente, i maghi di una gilda si uniscono formando squadre i cui membri collaborano per la riuscita delle missioni. Queste squadre, generalmente rimangono invariate nel tempo diventando “team ufficiali”. Ovviamente non mancano personaggi che invece preferiscono lavorare da soli, o per superbia o per carattere. A ogni missione completata corrisponde una ricompensa che va divisa quasi esclusivamente tra i membri della squadra che l'ha compiuta (non è ben chiaro se la gilda ne ricavi una percentuale, anche se questa sembra la cosa più probabile). Le missioni possono essere di vario tipo: dal ritrovamento di un oggetto o una persona, all'uccisione di un mostro, ad aiutare un popolo a combattere contro un'invasore esterno, specialmente se si tratta di altri maghi. A quanto pare non ci sono vincoli sul cosa possa essere l'oggetto di una missione.
Ed eccoci alla peculiarità di quest'opera, ciò che la rende diversa dalle altre: non solo l'autore ha avuto grande fantasia nella produzione stessa dell'opera per quanto riguarda la storia, ma è riuscito a coniugare la freschezza caratteriale dei personaggi (come già visto con One Piece), dove le battute riescono a rompere anche la drammaticità di un momento critico, con un aspetto davvero innovativo nel genere: l'autore è riuscito ad eliminare finalmente lo stereotipo di mago che le altre opere ci avevano inculcato fin'ora (sia da parte giapponese che occidentale). Mishima, infatti, ha creato dei maghi che non usano passivamente la magia facendone il loro unico punto di forza (che finora è stato anche indice di debolezza fisica), ma ha disegnato dei maghi che sono agilissimi e forti combattenti, oltre ad usare la magia. Inoltre, questa, viene spesso usata solo per rafforzare ulteriormente gli attacchi fisici del combattente o per fargli da scudo! Chi avrà l'occasione di vedere l'anime o leggere il manga, la storia è colma di combattimenti fisici più che "magici". Questa è una fondamentale innovazione!

Trama e Personaggi

Il protagonista fondamentale della storia è una ragazza, Lucy Hearfilia, giovane dalle nobili origini ma fuggita di casa per perseguire il proprio desiderio di diventare una maga. È dal suo punto di vista che la storia ci viene raccontata. Diventata da poco un'evocatrice di spiriti stellari, evocazione che avviene usando la magia e delle particolari chiavi, Lucy sogna di entrare nella gilda di Fairy Tail, una delle più prestigiose, con alcuni dei maghi più potenti, come il famoso Salamandra e ovviamente Makarov. Sebbene contenga alcuni dei maghi più potenti di Fiore, Fairy Tail è anche una delle gilde più presa di mira dalle altre gilde e dal Consiglio. Un po' proprio perché i suoi maghi sono tra i più potenti, un po' perché la maggior parte di questi combina sempre un sacco di disastri nel compiere le proprie missioni, lasciando ombra di distruzione ovunque mettano piede, o per un motivo o per un altro. Salamandra, come vedremo, è uno dei maghi più problematici da questo punto di vista.
Ma veniamo alla trama! La nostra storia inizia cosí: un giorno, Lucy, che si trova in una cittadina di mare, sta facendo shopping di oggetti magici e chiavi per nuove evocazioni. Nel frattempo viene a sapere che in città è arrivato il mago Salamandra della gilda di Fairy Tail. Non ci pensa due volte, allora, a correre a conoscere il mago nella speranza di ottenere la sua attenzione e una raccomandazione per entrare a far parte anche lei della stessa gilda. Come poi scopriremo, però, il mago che pare sia Salamandra, in realtà è un impostore che sta usando un incantesimo di charme per portare sulla sua nave le più belle ragazze della cittadina per farne “dono” alla sua ciurma, conservandone ovviamente un paio per se! Lucy, inconsapevole del pericolo, finisce per diventare vittima dell'incantesimo, quando un giovane strampalato, Natsu Draconil e il suo gatto volante Happy (ha delle piccole ali che scompaiono quando il suo potere magico è basso), arrivano nella piazza dove l'impostore si sta “esibendo” e accidentalmente rompono l'incantesimo che sta assuefacendo Lucy. Capito il trucco, la ragazza, per ringraziare i due di averla salvata, anche se per caso, gli offre il pranzo. Durante il pasto la ragazza confessa loro di voler entrare nella gilda di Fairy Tail e che è una evocatrice. Interrogato su cosa ci facesse in quel posto, Natsu risponde di essere alla ricerca di Igneel (che poi scopriremo essere un potentissimo drago). Dopo il pranzo, la ragazza si separa dagli altri due e si siede su una panchina in città. Viene approcciata da Borat, il finto Salamandra (Lucy ancora non sa che in realtà è un impostore, ha solo capito che usa la magia in modo “inappropriato”). Scoperto che la ragazza vuole entrare in Fairy Tail, Borat riesce a convincerla ad andare sulla sua nave con la promessa di farle avere il permesso di aggregarsi alla gilda se avesse partecipato alla “festa” che avrebbe organizzato in serata. Arrivata sulla nave, però la ragazza scopre il vero intento di Borat ma per lei è troppo tardi, egli è comunque un mago e riesce a immobilizzarla. Intanto Natsu scopre che il mago che aveva incontrato poco prima, Borat, si sta spacciando per Salamandra di Fairy Tail, ma c'è un problema: il vero Salamadra è proprio Natsu! In realtà, il ragazzo non si arrabbia tanto perché Borat sta usando il suo nome, quanto per il fatto che le sue azioni screditano la gildal! Deciso così a punire l'impostore, corre (o meglio, vola, portato da Happy) sulla nave in festa. I due arrivano proprio nel momento in cui Lucy ne ha più bisogno! Inizia così il combattimento tra Natsu e Borat, che si conclude abbastanza in fretta con una stracciante vittoria del primo. Ovviamente, con l'attacco che mette fine alla battaglia, Natsu pare esagerare “un po'” e distrugge anche mezza città! In questa occasione capiamo perché Natsu è famoso con il nome di Salamandra: è un mago elementale, cioè controlla un elemento, il fuoco, non a caso, che è perfino in grado di mangiare per rigenerare le proprie forze e riprendersi completamente nonostante un duro combattimento! Il ragazzo infatti è stato cresciuto dal drago Igneel che però un giorno è di colpo sparito senza lasciar traccia e poco dopo la sua scomparsa, nel cercarlo, arrivò a Fairy Tail. A questo punto, Natsu invita Lucy a entrar a far parte della gilda, che tra le altre peculiarità ha anche quella di avere un clima “familiare” e che non rifiuta nessuno che ne voglia entrare a far parte, a meno che non ci siano seri motivi per farlo.
Una cosa da notare per tutti i personaggi è che i nomi dati loro ne sono anche rappresentativi quanto lo sono anche le loro abilità magiche: Natsu, per esempio, è una parola che in giapponese significa “estate” e non a caso è un mago che controlla il fuoco, ha i capelli rossi ed è stato cresciuto da un drago sputa-fuoco.
Oltre a essere, come abbiamo visto, un fortissimo mago, Natsu è anche un bambinone, testardo e capriccioso. La cosa a cui tiene di più, oltre ai draghi, è la gilda di Fairy Tail, che come una vera famiglia lo ha accolto e si è presa cura di lui quanto dei suoi compagni, facendolo sempre sentire a casa.
Gli altri due personaggi principali della storia sono Gray Fullbuster, mago elementale del ghiaccio che ha all'incirca la stessa età di Natsu, con cui non va molto d'accordo (sarà per l'opposizione ghiaccio-fuoco?), e Elsa Scarlett, “la donna più forte di Fairy Tail”, maga di classe S che usa come tecnica principale lo exchange equipment, cioè può cambiare velocemente equipaggiamento, evocando da un posto non meglio definito, tanto armi quanto armature (e vestiti!). La sua arma principale è la spada. Elsa ha sempre fermato i continui battibecchi tra Natsu e Gray ed è temuta dalla maggior parte dei maghi di Fairy Tail per la sua forza, anche se ha il cuore tenero (come prevedibile). Per la sua possanza viene chiamata “Titania”. Tanto è inquietante e "pericolosa" che addirittura Gray e Natsu, cocciuti e sempre pronti a combattere tra loro, in sua presenza diventano improvvisamente “amiconi”. Gray, invece ha la brutta abitudine, acquisita, a quanto dice, a causa della sua maestra durante gli allenamenti tra neve e ghiacci, di spogliarsi improvvisamente.
Gli altri personaggi “buoni” sono tutti minori e dotati di una grossa varietà di abilità magiche. Anche i cattivi sono generalmente tutti personaggi minori. L'unico che può considerarsi il vero antagonista nella storia è anche uno dei membri più giovani del Consiglio dei Maghi, Jellal, le cui intenzioni (dalle puntate dell'anime trasmesse in Giappone) ancora non sono chiare. Chi ha intenzione di leggere il manga avrà modo di scoprirlo dopo non molti volumetti.

Fairy Tail Fairy Tail è indubbiamente l'anime più atteso del momento in America quanto in Italia. Come quasi tutte le serie di successo, anche Fairy Tail è stata pluri-premiata in vari modi, specialmente nella controparte cartacea, che oggi conta ben ventitré volumi e ne sono in programma per la stampa ancora un bel po'. Speriamo che la trasmissione delle puntate inizi presto!