Anteprima Fullmetal Alchemist

L'alchimia di Fullmetal Alchemist per voi

Articolo a cura di

Fullmetal Alchemist

L'alchimia. Arcana arte che permette di modificare secondo il proprio volere ogni elemento esistente in oggetti di varia natura. Questa tecnica però è posseduta da solo certe persone, e alcuni di questi sono i fratelli Edward (Ed) e Alphonse (Al) Elric, i protagonisti della storia in oggetto. I due scopriranno ben presto che questo titpo di manipolazione ha un costo, come ogni scambio che si rispetti.
Novelli alchimisti per passione, Ed e Al passavano le giornate con la loro madre, l'amica Winry e la zia Pinako. La loro infanzia trascorre così nella più completa spensieratezza, sebbene il padre manchi sempre da casa.
Tuttavia l'infanzia priva di preoccupazioni sparirà ben presto, quando la madre morirà giovanissima lasciando i due fratelli soli al mondo.
Accecato da una tristezza senza pari, Ed deciderà di osare ciò che è proibito dalle leggi dell'alchimia. La trasmutazione umana, che in teoria permetterebbe di ricreare una vita con alcuni elementi naturali.
Grazie ad un circolo di trasmutazione (necessario per un classico processo di alchimia) inizia il tentativo. Tutto sembra andare per il meglio, quando alcuni raggi di luce, balenando nelle vicinanze, accecano i presenti.
Alcuni anni dopo scopriremo cosa il destino ha deciso per Ed e Al, che nel frattempo hanno abbandonato la loro città natale: Ed ha perso un braccio e una gamba, sostituiti da due protesi meccaniche, e lo spirito di Al, mancante del proprio corpo, si trova all'interno di una corazza che giaceva vicino al circolo della trasmutazione. Ma la madre?

Questo è l'agghiacciante inizio di una delle serie tv, nata nel 2003 e progettata dallo studio Bones, tra le più belle di sempre.
I due fratelli, menomati dall'alchimia fallita, partiranno alla ricerca dell'utopistica pietra filosofale che permetterebbe qualunque alchimia possibile, per poter rigenerare i propri corpi.
Pur avendo avuto un'infanzia distrutta, i due fratelli mostrano subito il loro carattere positivo, solare, che li porterà a stringere molte amicizie e, come tradizione vuole, scontrarsi con molti nemici.
Questo è solo una piccola parte dell'epopea che ci venne raccontata: la serie colpisce per la grandissima narrazione, fatta di drammi quasi incredibili, molti momenti di comicità, e ottima caratterizzazione dei personaggi presentati.
Nella realizzazione tecnica, forse di maggiore impatto è il comparto sonoro, dove ogni canzone presentata, iniziale o conclusiva, è curata in ogni minimo particolare: non colpisce quindi che l'OST ufficiale sia reperibile in diversi CD con numerosissime tracce sonore.
Pur essendo un'opera televisiva del 2003, attualmente non sfigurerebbe a livello visivo: ottime le animazioni, il charadesign (curato da Yoshiyuki Ito) e la struttura dei grandi ambienti, contornati da panorami da sogno. I tratti sono piacevoli, ed i personaggi disegnati in modo accattivante.
Andando oltre il livello tecnico, la serie non diminuirà assolutamente la qualità col procedere delle puntate, andando invece a migliorarsi ogni volta, soprattutto quando lo spettatore si affezionerà ai personaggi.
Le 51 puntate presenti renderanno unica l'esperienza: è difficile menzionare difetti evidenti, che si potrebbero trovare tuttavia nella trama dura, cruda, a volte cinica ma pur sempre affascinante, quasi poetica.
E' presente inoltre un film uscito al cinema in Giappone quest'estate, che promette di chiudere il cerchio cominciato con la serie televisiva.
Oltre ad occuparsi di FMA (abbreviazione della serie, conosciuta anche come Hagaren), lo studio Bones ha creato altre famose serie come il visionario Rahxephon e il nuovissimo Eureka Seven.

Come se non bastasse, esiste una versione cartacea, composta per ora da 12 volumi giapponesi e svariate versioni sparse per il mondo. Il disegno è di Amy Martin.
Oltre l'opera televisiva, al manga, e al film, non può non mancare il marketing che frutta incassi da record per i produttori e gioie per i numerosissimi fan.
Si svaria dal classico action figure al vestito da cosplay (dove i fan si vestono come i loro beniamini). Troviamo pupazzi di pezza, l'orologio celeberrimo che Ed porta sempre con se, poster di qualunque misura e -considerando che la serie appartiene alla Square-Enix, celeberrima software house giapponese- non possono mancare i videogiochi dedicati, per Playstation 2, Gameboy Advance e Nintendo DS.
E' inutile poi, menzionare che c'è un'innumerevole quantità di siti dedicati alla serie, tra i quali spicca quello ufficiale.
Di grande sorpresa è stata infine la notizia, diffusa ufficialmente lo scorso ottobre, dell'acquisizione da parte di Panini Comics dei diritti dell'anime, che verrà quindi portato in Italia per la gioia di tutti i fan.