First look First Look Giugno 2007

Le novità di inizio estate

Articolo a cura di

Giugno 2007

L'articolo che vi apprestate a leggere vuole essere solamente uno specchietto delle nuove uscite mensili, in cui oltre alla trama potrete sapere le nostre iniziali impressioni sulle potenzialità dei manga pubblicati. I nostri giudizi completi saranno da ricercare nelle future recensioni.

I fumetti di questa edizione:

-Manga
Cafè Kichijoji
Ororon The Devil
Veritas
Twisted Toyfare Theatre

-Comics
Il Marchio Della Succube

Cafè Kichijoji



Nome: Cafè Kichijoji
Autore: Kyoko Negishi e Yuki Miyamoto
Editore: Dynit
Pagine: 170
Prezzo: 4.90€


In una caffetteria di Kichijoji, a Tokyo, cinque affabili camerieri garantiscono un servizio eccellente... a base di risate! Manga improntato totalmente sulla comicità, e costituito da piccoli episodi - siparietti - scollegati tra loro, Café Kichijoji ha come protagonisti i camerieri, tutti rigorosamente maschi, di una caffetteria.
I personaggi non ci si discostano molto dagli stereotipi del genere: ci sarà quello minuto e dalle fattezze effeminate, il bello e affascinante, l'occhialuto bacchettone e così via. La novità risiede invece nella mancanza totale di elementi femminili, se non in personaggi secondari che appaiono e scompaiono, cosa che rende probabilmente questo manga più indirizzato ad un certo tipo di pubblico, benché le varie gag, spesso al limite del demenziale, siano divertenti per tutti.
Oltre alle storie normali, ci sono anche dei mini episodi coi personaggi in super deformed.
Il tratto è abbastanza classico, ma morbido e ben definito, di certo un punto a favore. Peccato per il background, abbastanza spartano. Da segnalare una colorazione dell' inchiostro tendente al violaceo.
L'edizione presenta un formato più grande del normale e sovracoperta: se comparato al numero di pagine però forse il prezzo di 4.90€ è un po' alto.
Una proposta interessante per chi vuole farsi qualche risata spensierata.

Ororon the Devil



Nome: Cafè Kichijoji
Autore: Mizuki Hakase
Editore: Dynit
Pagine: 200
Prezzo: 5.90€


Chiaki è apparentemente una normale teenager, ma un giorno uno strano incontro cambierà la sua vita. A lato della strada infatti, incontrerà uno strano ragazzo, ferito e sanguinante, cui offrirà subito le sue cure e la sua ospitalità. Una volta rinvenuto, il bello e affascinante Ororon non solo mostrerà molta gratitudine alla ragazza, ma rivelerà anche di essere il re degli inferi, sceso sulla terra per oscuri motivi. Inoltre farà subito capire che Chaki non è una persona normale, bensì il frutto dell'amore proibito tra un'umana e un arcangelo del paradiso. Inizia così la convivenza tra i due, e mentre da un lato Ororon riveste le sue attenzioni verso la sua salvatrice e non nasconde di essere attratto da lei (benché quest'ultima non si possa di certo definire avvenente), dall'altro la protegge facendo mattanza di tutte le presenze demoniache che si aggirano nei paraggi, attirate dalla natura mistica di Chiaki.
Decisamente particolare questo manga proposto da Dynit. Nonostante il tema dell' amore tra i due sia palesato e costituisca una parte importante della storia, si spazia anche nel fantastico, introducendo elementi del passato dei due protagonisti, scontri tra demoni e strane situazioni che sembrano legare l'intera situazione a qualcosa di più di un semplice e casuale incontro.
Pregevoli i disegni, abbastanza originali, peccato che la qualità sia altalenante e non sempre gli sfondi siano molto definiti.
Molto buona l'edizione: ottima carta e soprattutto sovracoperta di alta qualità. Un po' meno apprezzabile il prezzo di 6.50€.
Ricordando per certi versi Angel Sanctuary (vuoi anche per le tematiche trattate), Ororon sembra proporre un mix abbastanza equilibrato di varie tematiche, rendendo la lettura abbastanza interessante e non noiosa. Benché lo stile del racconto sia più orientato allo shojo, potrebbe piacere a più palati.

Veritas



Nome: Veritas
Autore: Yoon Joon-Sik
Editore: J-POP
Pagine: 176
Prezzo: 5.90€



Veritas è la nuova serie manwha, giunta in patria al quinto volumetto, pubblicata dalla JPop.

La storia ha per protagonista Ryong, un giovane molto determinato avente come unico obbiettivo diventare il ragazzo più forte. Durante una rissa si imbatte in Noe Ho; quest' ultimo sfoggiando una tecnica perfetta si sbarazza di molti avversari in un istante. Ryong si allena senza tregua cercando di dimostrare a Noe che è degno di essere suo allievo e dopo un anno di duri allenamenti riesce a convincerlo. Noe insegna al giovane una tecnica distruttiva estremamente potente e dopo alcuni mesi di apprendimento si allontana da Ryong asserendo di dover compiere una missione. Un anno più tardi, in cui il giovane non ha mai cessato di perfezionare la sua tecnica, Ryong viene avvicinato da un losco figuro vestito di nero. Questi reca in una teca il braccio di Noe e asserisce di averlo ucciso e di volere il suo allievo. Ryong in preda all'ira attacca lo sconosciuto, ma viene immediatamente sconfitto. Scopre quindi dell'esistenza di una organizzazione atta al perfezionamento delle tecniche d'attacco e che riunisce tutti i migliori maestri del mondo, molte volte costringendoli; Noe è caduto nel tentativo di distruggere tale organizzazione.
Ryong decide quindi di fingersi accondiscendente per introdursi nelle fila nemiche e vendicare il suo maestro. L'organizzazione si serve di una scuola come copertura e quì Ryong fa la conoscenza di numerosi ragazzi e ragazze estremamente dotati, tutti desiderosi di essere i più forti.

Il tratto di Kim è ottimo, così come la chiarezza degli scontri e delle inquadrature, solitamente tallone d' achille tipico dei fumetti di questo genere.

L'edizione JPop è come di consueto ottima sotto tutti i punti di vista: nessun errore ortografico/grammaticale riscontrato, presenza delle tavole a colori originali, sovracopperta, ottima rilegatura e carta/inchiostratura perfette.

Il manwha è marcatamente d'azione, per certi versi il paragone più consono è con Inferno e Paradiso, benchè rispetto a quest'ultimo manchino le scene più spinte di Oh! Great.
Per gli amanti del genere è un acquisto caldamente consigliato.

Twisted Toyfare Theatre


Nome: Twisted Toyfare Theatre
Autore: Pat Mccallum, Tom Root, Douglas Goldstein
Editore: SaldaPress
Pagine: 108
Prezzo: 10€


Dopo essersi fatta apprezzare per la pubblicazione di opere per appassionati, fra le quali il manga de L'uomo tigre e Re in incognito, la casa editrice Saldapress pubblica nel nostro paese un'opera tanto bizzarra quanto originale e comica.

Twisted Toyfare Theatre è una serie di volumi stile comics realizzati da un gruppo di appassionati americani. La particolarità dell' opera risiede nel fatto che i protagonisti delle varie storie autoconclusive non sono personaggi disegnati a mano o col computer, bensì action figures e set ripresi mediante fotocamera a cui viene aggiunto del testo, esattamente come avviene per un fotoromanzo. Pat e soci utilizzano tutte le figures realizzate dalla Mego in decenni di attività, oltre che altre linee di giocattoli, per realizzare parodie dissacranti dei personaggi oggetto della trama.

In questo caso non si può dunque parlare di capacità tecniche nel campo del disegno, ma per quanto riguarda la composizione artistica dei vari set e delle pose dei vari personaggi non si può non riconoscere la genialità del gruppo, confermata dalla sagacia delle varie battute e dalla follia delle storie.

Il primo volume ha per protagonisti principali l'uomo ragno, hulk e La Cosa, ma i comprimari coinvolti nella follia dei racconti sono veramente tanti: dai Puffi ai CHiPs, da Jabba a Spock, da Boss Hogg ai G.I. Joe.

Il prezzo è molto alto per un albo di 108 pagine, ma ampiamente ripagato dalla capacità dell' opera di divertire.
Decisamente consigliato a tutte le tipologie di lettore, anche solo per rivedere in chiave ironica mostri sacri dei "tempi andati", quali Poncherello dei CHiPs o Boss Hogg di Hazzard.

Link diretto al download dell' episodio "Sulla Strada":
http://saldapress.grupposaldatori.com/uplo...1_anteprima.pdf

Il Marchio della Succube



Nome: Il Marchio Della Succube
Autore: Irene Florens (disegni) e Ashly Raiti (storia)
Editore: Stratelibri
Pagine: 198
Prezzo: 5.90€


Il Marchio della Succube rappresenta l' ultimo accordo fra la casa editrice Stratelibri e l'americana TokyoPop.

Conosciuto in patria con il titolo di "Mark of the Succubus", questo fumetto entra di diritto in quel nuovo genere che tenta di fondere lo stile giapponese e quello prettamente occidentale; in questo caso giappo-americano come si evince dall' ambientazione scelta.
L'opera è pensata come una miniserie composta da tre numeri con cadenza annuale, due dei quali usciti in patria e il terzo di prossima pubblicazione.

La storia ha per protagonista Maeve, un' apprendista succube. Le succubi sono demoni aventi il compito di tentare gli uomi e condurli alla distruzione; per divenire ufficialmente una succube si deve affrontare un esame: per questo motivo Maeve si reca sulla terra e soggiornando fra i comuni mortali cerca di approfondire la loro cultura. Per una succube è fondamentale capire gli usi e costumi degli umani al fine di sedurli e condurli alla depravazione.
Obbiettivo secondario è la creazione del proprio marchio, un disegno realizzato dalla succube ed applicato alla vittima designata: tale disegno deve essere unico e personale.
Ambientazione della storia è la Barlow High School, dove Maeve è registrata come una comune studentessa; il suo arrivo a Barlow è segnato immediatamente dalla profonda amicizia che la lega allo studente Aiden.
Fulcro del fumetto risulta il rapporto d'amore nascente fra i due e la conseguente contrapposizione umanità-demone scatenato in Maeve da questo sentimento.

I disegni risultano molto particolari, una evoluzione di quanto già visto in altre opere di fusione di differenti generi quali le nostrane Witch, giusto per citare uno dei più famosi, ma non sempre regolari: alcune tavole risultano molto ben dettagliate, altre molto scarne e poco curate.

L'edizione è ben realizzata, a parte un paio di errori di ortografia presenti nel volumetto: l'inchiostratura, la rilegatura e la carta scelti sono molto buoni.

Il prezzo è forse un pò alto, non per l' edizione in sè che risulta adeguata, ma vista la tipologia di fumetto, che potrebbe risultare poco appetibile sia per i puristi dei manga che per quelli del comics classico.
Di certo anche il target non aiuta, in quanto ci si trova di fronte un fumetto non particolarmente originale, a metà fra Buffy e uno shojo manga e probabilmente destinato ad un pubblico molto giovanile.

Link sito Stratelibri:
http://www.stratelibri.it/catalog/product_...roducts_id=1298

Link sito originale:
http://www.tokyopop.com/S-1558/1.html