Hands on Panini Digits

Panini entra nell'era digitale grazie alla sua nuova app

Articolo a cura di

Da qualche settimana ormai anche in Italia è finalmente giunta un’app capace di farci leggere i fumetti in formato digitale! Dopo mesi di attesa - inizialmente era prevista per inizio anno, ma causa alcuni problemi tecnici il rilascio è avvenuto solamente ora - Panini Digits è finalmente disponibile in App Store, per tutti i dispositivi iOS e scaricabile su PC/MAC dal sito dedicato. Per chi disponesse di dispositivi Android, non disperate! A breve dovrebbe avvenire la conversione dell’app, nel frattempo noi l’abbiamo provata e vi facciamo sapere cosa ne pensiamo.

L’attesa era tanta, soprattutto dopo il primo rinvio che sembrava non avere mai fine. Tuttavia la Panini sembra aver sfruttato il tempo a propria disposizione nel migliore dei modi. Partiamo dall'offerta iniziale, caratterizzata da una grande varietà di titoli di qualità come Wanted (Mark Millar), Takio (B.M.Bendis), Haunt (Kirkman). Il catalogo iniziale prosegue poi con le avventure di Conan (Busiek), la creatura di Stan Lee, Starborn (Roberson), i primi numeri ispirati al videogioco Rage (Nelson) e qualche proposta dal Bel Paese come Nirvana, l’ultima opera dei Paguri (Pagani e Caluri), Le Cronache del Mondo Emerso (Troisi, tratto dai libri della serie omonima della medesima autrice) e David Murphy (Recchioni).
A breve il già interessante catalogo dovrebbe arricchirsi con proposte del calibro di Kick Ass (reso celebre dal film omonimo uscito lo scorso anno) o The Goon, una vera e propria chicca del panorama fumettistico moderno.
Per ora mancano purtroppo i manga e le proposte Marvel, ma era preventivato poiché la Panini aveva già fatto sapere che in un primo momento non sarebbero stati disponibili: speriamo che arrivino presto per permettere il celere sviluppo dell’interessantissima applicazione.
Passiamo al funzionamento: se avete già avuto modo di provare altre app come ComiXology o le app dedicate della Marvel e DC Comics sapete già che funzionano attraverso una sorta di “lettura guidata”. Il fumetto scorrerà tra le nostre dita vignetta per vignetta in un fluire di dialoghi che faranno assomigliare la lettura quasi alla visione di un film. La tecnologia utilizzata è veramente interessante e aggiunge qualcosa alla lettura, qualcosa che, in un certo qual modo, rimpiazza il piacere di poter sfogliare realmente il fumetto tra le vostre mani - che è poi l’unica vera pecca del fumetto digitale. Prima di bocciare l’app senza avergli dato una possibilità, impauriti dal fatto che la lettura su un dispositivo possa non essere adatta a voi, vi consigliamo di provare almeno la lettura di uno dei fumetti gratuiti che sono stati resi disponibili sullo store.

Eh già, perché la Panini, in un impeto di generosità, ci permetterà anche di provare gratuitamente diversi interessanti titoli: il primo numero di Haunt -che siamo certi vi farà appassionare all’opera di Kirkman- e di Starborn, i numeri 0 (una sorta di preview “introduttiva”) di Conan, Nirvana e David Murphy. Con il primo aggiornamento è stato inoltre reso disponibile un episodio di The Goon, a cui presumibilmente seguiranno quelli a pagamento.
E un’ulteriore nota positiva è data dal prezzo dei fumetti a pagamento: si passa dagli € 0,79 per gli albetti da 20/24 pagine fino agli € 1,59 per quelli che raggiungono il doppio della foliazione; con qualche eccezione come il primo numero di David Murphy, 95 pagine proposte a € 0,79.

Potete trovare (e provare) Panini Digits sia al sito dedicato ">paninidigits.com
che sull'App Store.

Panini Digits Insomma, per adesso l’app Panini Digits è promossa a pieni voti. Aspettiamo con ansia l’ampliamento del catalogo con altri titoli di qualità, alla pari di quelli che sono stati senza alcun timore proposti in questa prima ondata - molto validi benché non molto noti al grande pubblico. Se Panini non avrà paura di osare, Panini Digits riserverà senza dubbio piacevoli sorprese!