Recensione Clone Wars

Finalmente in DVD la famosa serie animata ispirata a Star Wars

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

The Clone Wars begun has

E’ giocoforza iniziare la recensione richiamando alla mente le gesta di Samurai Jack, uscito dalla mente di quell’artista dell’animazione che è Genndy Tartakovsky. Nonostante la trama del suddetto cartone (che resta di stampo americano ma che in più modi strizza l’occhio all’animazione giapponese) non sia certo di quelle che fanno esultare in quanto a originalità, è impossibile non restare coinvolti dalle avventure del samurai a spasso nel tempo. E’ infatti a livello visivo che Samurai Jack mostra tutta la sua forza, riuscendo a colpire con particolari giochi di luce e colori, contrasti o con interi episodi studiati per creare qualche particolare emozione nello spettatore (memorabile quella delle quattro stagioni). Se aggiungiamo che l’azione è predominante e resa con una frenesia senza pari, di sicuro vi sarete convinti che abbiamo a che fare con qualcosa di decisamente originale e che merita qualche attenzione.
Clone Wars non è altro che la trasposizione nell’universo di Star Wars dello stile che caratterizza Samurai Jack. Nata dalla volontà di George Lucas di creare un collegamento tra Episodio II ed Episodio III, questa serie è iniziata con pochi episodi brevi (trasmessi su Cartoon Network) e in seguito al successo si è deciso di prolungarla aumentando la durata delle puntate e il loro numero, dando quindi anche maggiori libertà ai creatori. Dopo l’uscita di Episodio III, e in attesa del DVD previsto per novembre, questo Clone Wars rappresenta una manna dal cielo per tutti i fan che vogliono placare la propria fame, in primis per il sottoscritto.

In una galassia lontana...

La storia prende luogo poco dopo gli avvenimenti di Episodio II - L’attacco dei Cloni. La guerra imperversa nella galassia, e gli Jedi sono dispersi nei vari sistemi per guidare le truppe acquistate dal pianeta Kamino. Tutta la prima parte di questa prima serie (in tutto sono 3, suddivise in altrettanti DVD) non è altro che un susseguirsi di piccoli episodi in cui si vedranno i vari Jedi condurre le proprie battaglie: Mace Windu su un pianeta deserto, Kit Fisto su uno acquatico e così via, il tutto nel classico stile di Tartakovsky e della sua troupe. Superata la fase iniziale, si comincia a imbastire una trama, e ritroviamo tutti i personaggi principali della saga nei loro rispettivi ruoli. Yoda e Obi Wan accettano riluttanti le pressioni di Palpatine per dare al giovane Anakin (ancora irrequieto nonostante la recente perdita della mano) il comando di un battaglione. Nel frattempo il perfido Conte Dooku assolda una killer Sith da mandare contro gli Jedi, destinata a scontrarsi col giovane Anakin. Nonostante la guerra e le battaglie la facciano da padrone, sono presenti anche altre situazioni, come dialoghi coerenti con la saga (che mostrano l’evolversi del carattere di Anakin, presumibilmente per diventare quello molto più maturo - nonostante gli esiti - di Episodio III) e diverse situazioni comiche non meno divertenti. Le animazioni non calano mai di qualità, e la computer grafica utilizzata nei compattimenti con le astronavi si integra alla perfezione. Inoltre non mancano i tocchi di classe, quell’utilizzo dei colori atto creare qualcosa di veramente artistico (stupendo il combattimento nelle rovine con le spade laser).

Il DVD

Sul piano dell’edizione non si potrebbe essere più soddisfatti, dato che, si sa, la Lucas punta sempre al top per quanto riguarda gli standard qualitativi, tanto che i DVD che sono abituato a recensire diventano quasi imbarazzanti a confronto.
Senza imperfezioni il video (in 16:9), mentre l’audio, nonostante sia soltanto in Dolby Sourround 2.0 per ovvie ragioni, riesce comunque ad eccellere con una resa impeccabile. Per quanto riguarda il doppiaggio, farà piacere sapere che buona parte dei doppiatori sono stati confermati dai film, e in generale non delude affatto. Peccato solo per Grievous, che verrà introdotto nel finale, di cui avrei gradito il particolare effetto sulla voce, ma come spiega il regista, non avevano nessuna informazione a riguardo e si sono dovuti arrangiare. Sulle musiche di John Williams (più qualcuna inedita) non mi pare neppure il caso di commentare.
Passando agli extra, dovrei elencarne fin troppi. Si parte con i commenti del regista e di Hyperspace (la sezione a pagamento del sito di Star Wars), passando per tutti gli speciali sulla creazione del cartone animato con interviste allo staff, alle connessioni con la saga cinematografica, galleria fotografica (poster, artwork e bozzetti), easter egg (ancora da scoprire! :P ), trailer di Episodio III, trailer di alcuni videogiochi e infine addirittura una demo per XBox di Republic Commando. Piatto ricco, non c’è che dire.

Clone Wars Come avrete capito sono rimasto colpito molto positivamente sia dal DVD (che grazie alle grandi distribuzioni può vantare un prezzo inferiore ai 20€) che dal cartone animato in se, che risulta sia interessante in quanto collegamento per la saga (e poi Star Wars è sempre Star Wars!) sia piacevole da vedere grazie allo stile dell’autore. Stile che però per sua stessa natura risulta particolare e che quindi potrebbe risultare un po’ indigesto per qualcuno; aggiungerei anche che chi cerca qualche sorta di trama più sviluppata può rimanere deluso dato che l’azione la fa comunque da padrone per buona parte dei 107’ del DVD, essendo un cartone animato che si basa essenzialmente sulla potenza visiva. Se questi due appunti non vi spaventano, potete andare a colpo sicuro.