Recensione Ghost in the Shell Movie 1 Deluxe Edition

In arrivo da Panini Video il Film culto di Mamoru Oshii.

Articolo a cura di

Una doverosa premessa..

Ghost in the Shell è un film di culto per tutti gli appassionati dell’animazione. Indipendentemente dai gusti personali, di certo è innegabile l’importanza che il lungometraggio ha rivestito in questo ambito, come testimoniato dal successo di critica e di pubblico che ha avuto in Italia come all’estero.

La trama

Il film di Ghost in The Shell è intimamente legato all’omonima opera cartacea di Masamune Shirow, osannato autore nipponico, fautore tra gli altri di opere quali Dominion, Orion, e di questa -Ghost in The Shell per l’appunto- rivisitazione della realtà in chiave fantascientifica, che costituisce la sua più nota creazione.
La storia del film, pur prendendo spunto dal manga di cui recupera personaggi ed atmosfere, se ne discosta andando a trattare un caso in particolare: quello del “Signore dei Pupazzi”. Protagonista delle vicende narrate è il maggiore Motoko Kusanagi, una donna cyborg facente parte della sezione 9 della polizia di Tokyo, una squadra speciale per la sicurezza interna alle dirette dipendenze del governo che si trova ad operare in un contesto piuttosto difficile, finendo spesso per scontrarsi con le altre sezioni della polizia ed i particolar modo con la sezione 6. La squadra, alle dipendenze dello scorbutico Daisuke Aramaki, è composta da numerosi esperti dotati degli strumenti tecnologicamente più avanzati presenti in circolazione: tute mimetiche, fucili di precisione, laboratori di manutenzione e rapidi ponti di accesso al cyberspazio; tra tutti Motoko è la più abile e la più dotata, ma al tempo stesso è l’elemento più difficile da gestire.
Grazie alla connessione neurale alla rete (operazione ormai comune in una realtà fantascientifica quale quella ideata da Shirow), il “Signore dei Pupazzi” è in grado di inserirsi nelle menti delle persone e far fare ciò che vuole ad ignari cittadini, senza uscire allo scoperto. Un criminale capace di manovrare a suo piacimento chiunque egli voglia costituisce un enorme pericolo per la sicurezza interna del paese ed è per questo motivo che la sezione 9 gli da la caccia. Quale è il suo vero obbiettivo, e perché egli cerca un contatto con la sezione 9? Che si tratti di una sfida? Motoko Kusanagi ed i suoi sottoposti dovranno risolvere questo mistero, e nel corso delle indagini scopriranno che le cose sono assai più complicate di quanto sospettassero...

L'ambientazione

Nodo essenziale dell’opera di Shirow, dalla chiara ambientazione cyberpunk, è il rapporto tra uomo e macchina, tra umanità e tecnologia. La realtà nella quale opera la sezione 9 è un mondo caratterizzato da connessioni cibernetiche, corpi meccanici e cervelli prodotti in laboratorio, un mondo ove l’uomo è un tutt’uno con la scienza. In un simile contesto assume rilevanza focale la figura dei cyborg, esseri in parte organici ed in parte robotici, dotati di un “Ghost” ovvero un'anima, elemento chiave dell’opera. E’ proprio tramite il “Ghost” che Shirow riesce a realizzare un'analisi della complessità della mente umana, facendo di Motoko lo strumento per esprimere le speranze e le illusioni che caratterizzano l’umanità. Gli interrogativi sulla propria esistenza, sui propri obbiettivi, sui propri sogni e sulle proprie paure sono filtrati da Motoko, che è un cyborg, ma è al contempo il personaggio più umano dell’intera opera dell’autore nipponico. Shirow reinventa in chiave cyberpunk la realtà quotidiana: nonostante lo sviluppo tecnologico, i problemi che attanagliano i membri della sezione 9 sono gli stessi del giorno d'oggi. Egli dimostra in questo modo come certe paure e certi interrogativi, siano connaturati alla natura umana ed inscindibili da essa...

L'edizione Panini Video

L’edizione in prova è la “Deluxe”, venduta da Panini Video a 22€ sul sito ufficiale. Obbiettivamente non abbiamo modo di confrontarla con una edizione “Standard”, possiamo però constatare che non si tratta di una edizione “lussuosa”, almeno non nel senso cui ci avevano abituato prodotti come “Steamboy” o “Tokyo God Fathers”. Ma è altrettanto vero che il prezzo è estremamente contenuto (24€ a fronte dei 53€ dell’edizione Deluxe dei 2 titoli succitati). Pertanto crediamo vada dato atto a Panini di aver realizzato una edizione ad un prezzo contenuto e di buona fattura, per quanto il termine adottato -“Deluxe”- pare forse eccessivo.
Per quel che riguarda i contenuti, il dvd si presenta con una sovracopertina cerata ed all’interno contiene una cartolina dedicata all’opera di Shirow.
Il menu, per quanto scarno, è funzionale e mantiene intatto lo spirito cibernetico dell’opera.
La qualità video (in formato 16:9) risente fors’anche del tempo (l’opera originale risale a 10 anni fa) e pertanto non è certo impeccabile. Ciò nonostante dobbiamo ammettere la totale assenza di artefatti grafici e che l’effetto di “sporco” che si può notare ogni tanto su alcuni elementi non è certo imputabile a Panini. Si tratta comunque di un difetto che non inficia la visibilità dell’anime, che anzi resta godibilissimo. L’audio (il dvd presenta 3 tracce: italiano DTS, italiano 5.1 e giapponese 5.1) ha piacevolmente impressionato, Panini ha lavorato davvero bene da questo punto di vista: gli effetti sonori sono resi davvero benissimo. Tra gli extra, oltre alla sfilza di Trailer dell’editore, è possibile notare un interessante Making of di 30 minuti (in giapponese con sottotitoli in italiano) in cui vengono mostrate le tecniche di lavorazione utilizzate per Ghost in the Shell, ed ancora, delle schede sui personaggi e sugli autori dell’opera.

Ghost in the Shell Movie 1 Deluxe Edition Personalmente non sono mai stato un amante di Shirow e ammetto di essermi avvicinato a quest’opera con diffidenza. Ciò nonostante mi sono dovuto ricredere, questo film mi ha piacevolmente impressionato, e nel complesso la realizzazione di Panini è più che buona. L’edizione non è forse in grado di accontentare i fan più accaniti di Shirow, che avrebbero preferito un prodotto più costoso ma più completo -proprio per questo l’adozione del termine deluxe è impropria- ma certo questa edizione soddisfa l’utente medio che credo in questo caso di rappresentare. In definitiva consigliamo l’acquisto a tutti gli appassionati di fantascienza, oltre che chiaramente agli amanti di Shirow, ed a chiunque cerchi un anime d’azione interessante e di grande qualità. Ghost in The Shell resta uno dei prodotti migliori dell’animazione giapponese di sempre e questa edizione Panini è certamente la migliore pubblicata fino ad oggi in Italia.