Recensione Gurren Lagann - The movie 1/2

Il ritorno della spirale non sfonda il cielo

Articolo a cura di

Ci sono cose che, pur essendo scontate o banali o prevedibili, restano impresse nel cuore.
Nel caso specifico, Gurren Lagann, è stato un anime che ci ha appassionati ed emozionati nonostante non proponesse nulla di nuovo sotto nessun punto di vista. La serie di 27 puntate della GAINAX propone un mondo fresco e simpatico tutto da scoprire.
Tale anime ha colpito in tutti i sensi e non ha lasciato lo spettatore a bocca asciutta.
Purtroppo, come spesso succede per le opere di successo, vengono creati OAV per rimpolpare le vendite; e proprio a causa del loro scopo lucroso essi finiscono per risultare di scarso valore. Ed è questo il caso dei due film riassuntivi proposti per la serie della Spirale.
Proprio nel periodo in cui la Dynit si accinge a rilasciare in commercio la propria edizione del primo film: "Gurren Lagann - Guren Hen" (in italiano "Gurren Lagann - Childhood's end") eccoci pronti ad esaminare entrambi i film riassuntivi "Guren hen" e "Lagann Hen"!

Trama?!? -- Macché!!!

L'incipit del paragrafo e qualche indizio proposto nell'introduzione non dovrebbero lasciare adito ad alcun dubbio. Esatto! E' proprio come state pensando! Siamo di fronte a due OAV riassuntivi delle 27 puntate! Nulla di più, nulla di meno.
Per la durata di 4 ore circa (1h 52min + 2h 5min) vi verrà propinata la storia narrata nella serie. Ovviamente sono stati necessari parecchi tagli rispetto agli episodi dell'anime, come ad esempio tutte le vicissitudini dopo la partenza di Gamina, Simon e Yuko narrate nella prima parte e, soprattutto, non c'è traccia di una delle puntate migliori: quella delle terme, un vero capolavoro di simpatia e ironia.
I tratti salienti della trama sono riproposti di pari passo in entrambi i film: il primo finisce con la sconfitta dei generali di Lord Genome, il secondo riprende esattamente da dove aveva lasciato il primo.
In effetti c'è da dire che, mentre Guren hen è una riproposizione con molti cut e pochissime novità, Lagann hen dedica una mezzora abbondante al combattimento finale, modificandolo nella forma e nella sostanza e rendendolo, a nostro parere, molto più frivolo e fine a se stesso rispetto a quello della serie.
Vengono infatti proposti una miriade di mecha nuovi, scaturiti dall'energia della spirale sprigionata da ogni componente del team; perfino Nia ne possiede uno tutto suo!

Quattro chiacchiere

Sin dall'inizio Gurren Lagann non è mai stato una pietra miliare dell'animazione in fatto di tematiche e profondità espressive. Unico elemento di spicco che ha caratterizzato la serie è sempre, e solo, stato il carisma. Nulla più nulla meno.
Nonostante questa pecca, la serie è sempre stata leggera e godibile, soprattutto agli occhi di un pubblico non troppo esigente. Detto ciò, riscontriamo la stessa, medesima, identica situazione sui due OAV in questione. Carisma a parte, non vi è la benché minima traccia di approfondimenti psicologici né sui personaggi, né sul contesto. L'unico elemento evolutivo presente è il percorso di crescita di Simon. Questo però, non può essere annoverato come pregio o caratteristica di spicco, visto che si tratta semplicemente dello scorrere e della crescita parallela della psiche di un personaggio (tra l'altro quello principale).
In definitiva, anche questa parte dell'anime non è stata intaccata per nulla, poco profonda era e poco profonda è rimasta. Non si è riusciti a fare né di meglio né di peggio. Unica nota positiva è il carisma di Simon che è stato iperbolizzato al massimo.

Un po' di luce

Eccoci pronti ad esaminare l'unico aspetto che ha subito un miglioramento.
Graficamente l'anime è stato rispolverato. Sono migliorati i contrasti, gli effetti speciali e la spettacolarità. Sullo schermo danzano un tripudio di trivelle verdi che sfrecciano a destra e a manca senza posa. I mecha sono così grandi e spettacolari, al punto da utilizzare intere galassie come oggetti contundenti da sferrarsi l'uno contro l'altro nello scontro finale!
Gli effetti audio e il doppiaggio sono rimasti invariati: carismatici e ben focalizzati sulle azioni salienti.
La colonna sonora, anche se non troppo ricca di varietà, fa sempre il suo bell'effetto. D'altronde, come non citare Sorario Days come accompagnamento dello scontro per le sorti dell'intero universo. Un vero tocco di classe, senza dubbio con lo scopo d'intenerire i cuori di chi, come noi, ha amato la serie e la sua indimenticabile sigla.

Gurren Lagann - The movie 1/2 Giungiamo così, attraverso un percorso irto di aspetti negativi e riproposizioni poco ben accolte da un occhio (si spera) oggettivo, alla conclusione. I due movie, proposti dalla GAINAX, non fanno altro che ripercorrere i tratti salienti di una serie che è stato l’ultimo baluardo di successo del genere mecha. Quindi, nonostante il successo riscosso dalla serie, non possiamo fare altro che esprimere il nostro disappunto per un palese tentativo di lucro. Un finale di mezzora più spettacolare che mai e una colonna sonora composta da una delle sigle più gettonate di tutti i tempi non bastano certo per cancellare la brutta sensazione di deja vu che si protrae lungo tutta la visione di entrambi i film. Tutto ciò potrà bastare per uno stuolo di accaniti fan, ma nella mente di chi è più oggettivo, dopo un'analisi non certo positiva, non può che balenare il seguente pensiero: “con chi credete di avere a che fare?!?!?”

6