Recensione InuYasha - Box Prima Stagione

Tornano le prime avventure del mezzo-demone in un inedito formato!

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Anime

Inu-Yasha, stagione prima!

Ogni saga ha un inizio, anche quelle più lunghe e quelle interminabili, per quanto spesso sia difficile ricordare i primi episodi di ognuna di queste. Anche InuYasha, nonostante sia, tra le serie di lunga durata, una delle più recenti arrivate in Italia, ha ormai alle spalle ben cinque stagioni e cinque anni dalla prima messa in onda.
Ecco quindi che trova il suo perché una nuova edizione della prima serie, rieditata nel formato che sembra essere diventato piuttosto celebre nell'ultimo periodo, contenente in un solo box l'intera stagione, in modo tale da limitare i costi (sia per la casa produttrice che per l'utenza), diminuire l'ingombro ed eliminare gli sfibranti periodi di interruzione fra un'uscita e l'altra.
Ecco finalmente disponibile la prima stagione di InuYasha in formato box: per chi se l'è persa, per chi non riesce a reperire i vecchi dischi e ancora per chi non ha mai seguito la serie per non aver mai visto i primi episodi.

Tokyo! Qualche secolo fa...

Cosa fareste se un giorno la vostra vita venisse stravolta, e di punto in bianco vi trovaste a oltre mezzo millennio nel passato, in un'epoca di guerre, superstizioni e barbarie, circondati da predoni, santoni, demoni, guerrieri e ogni sorta di creatura sovrannaturale?
E' quello che capita alla protagonista di questa storia, Kagome Higurashi, una normalissima ragazza giapponese che, per cause apparentemente sconosciute, si ritrova catapultata nella Tokyo di un passato talmente remoto che la stessa città ancora non esiste.
In questo strano mondo, così distante dalla realtà quotidiana, Kagome incontrerà un ragazzo, il mezzo-demone Inu-Yasha, che dopo un burrascoso incontro comincerà a seguirla, un po' per proteggerla, un po' per impadronirsi della preziosa reliquia che la ragazza custodisce: la Sfera dei Quattro Spiriti, mistico talismano di cui si è trovata in possesso senza neanche sapere come. Questo oggetto, all'apparenza insignificante, è capace di aumentare all'ennesima potenza la forza dei demoni, che per questo motivo la ricercano, anche a costo della propria vita.
Kagome e InuYasha verranno così invischiati in un vortice di avventure, incontri e scontri con uomini, demoni e creture ancora più strane, molte delle quali saranno alla ricerca della Sfera o avranno fini ben più malvagi, oscuri e intricati.
E quando la Sfera verrà infranta, sparpagliando i suoi frammenti ovunque, le cose si faranno ancora più complicate per i due malcapitati, che saranno così costretti a viaggiare per il mondo allo scopo di recuperare tutte le minuscole parti del prezioso oggetto, incontrando, tra una disavventura e l'altra, anche dei buoni amici e nuovi alleti, mentre pian piano cominceranno a dipanarsi le trame dell'oscuro passato del mezzo-demone.
E' questo l'inizio delle avventure di Kagome nel medioevo giapponese, sempre sul filo del rasoio, e alla perenne ricerca dei frammenti della preziosa reliquia: ecco l'inizio delle sue avventure in compagnia dell'impulsivo mezzo-demone, ecco l'inizio della saga di Inu-Yasha.

I protagonisti

Kagome Higurashi: Studentessa di 3a media che, il giorno del suo quindicesimo compleanno, cadendo in un mistico pozzo, sito nel tempio di famiglia di cui gli Higurashi sono proprietari da generazioni, viene a trovarsi in pieno medioevo giapponese; in un luogo e un'epoca che le riserveranno non poche sorprese e nelle quali capirà di non essere una persona poi così 'comune' come sembra a un primo sguardo. E' una ragazza positiva, che cerca sempre di trovare il lato buono delle cose, ma può dirsi anche spontanea, aggressiva, impulsiva, dolce, sensibile e spesso anche un po' maschiaccio; insomma, con un caratterino che, sommato a quello quasi intrattabile di Inu-Yasha, promette certo di fare fuoco e fiamme!

Inu-Yasha: Mezzo-demone figlio di un demone maggiore e di una donna umana; Inu Yasha è infantile, impulsivo, violento e contraddistinto da un coraggio che rasenta la temerarietà... o la stupidità, a seconda del punto di vista da cui lo si osserva. Cinquanta anni fa, cercando di appropriarsi della Sfera dei Quattro Spiriti, fu inchiodato a un albero sacro dalla sacerdotessa Kikyo, divenendo di fatto quasi morto; solo recentemente il suo sigillo è stato sciolto, non si sa come, da Kagome, e il mezzo-demone è tornato alla vita divenendo, dopo alterne vicende, il compagno di viaggio della giovane ragazza.

Kaede: Anziana sacerdotessa del villaggio che probabilmente diventerà la città di Tokyo, Kaede è sorella di Kikyo e, da bambina, ha assistito di persona all'ultimo, fatale, incontro tra Inu-Yasha e Kikyo. Adesso che è un'anziana donna, assiste come può Kagome nella sua ricerca dei frammenti della Sfera e la sua casa è sempre un rifugio sicuro per la ragazza e tutta la sua compagnia.

Sesshomaru: Glaciale fratello di Inu Yasha, a sua differenza non è però un mezzo demone, ma un demone completo, potente e privo di scrupoli.
I due non sono mai stati in rapporti troppo buoni, e non chiedono che una scusa per cercare di farsi la pelle a vicenda; Sesshomaru non è però da considerarsi un individuo impulsivo e sprovveduto, essendo un abile e astuto calcolatore, oltre che un formidabile combattente. Particolare significativo dell'unico consanguineo noto di Inu-Yasha è che continui a celare i suoi veri pensieri attraverso una maschera di fredda e quasi snervante imperturbabilità, rimanendo impassibile anche al dolore più profondo.

Shippo: Cucciolo di demone-volpe esperto in giochi di prestigio che sfiorano l'illusionismo; Shippo incontrerà Kagome e Inu-Yasha in circostanze decisamente particolari, accattivandosi i favori della ragazza grazie alla sua apparenza di tenero cucciolo. Nonostante la sua età, è comunque coraggioso, sincero, curioso e, a dispetto delle apparenze, spesso risulta tutt'altro che inutile.

Kikyo: Potentissima sacerdotessa morta quasi 50 anni fa quando, nello scontro contro Inu-Yasha per il possesso della Sfera dei Quattro Spiriti, perse la vita, imprigionando lui contro un albero sacro. Era una donna totalmente dedita alla propria missione (la custodia della sacra reliquia), tanto da annullare quasi del tutto la sua componente femminile, a favore di quella sacerdotale.
Essendo ormai trapassata da tempo, non è partecipe degli ultimi avvenimenti, ma ciononostante impone comunque la propria presenza grazie a quanto è avvenuto quasi mezzo secolo prima, in quella nube di ricordi di cui ormai è testimone il solo mezzo-demone.

L'Edizione

Veniamo infine alla parte più interessante di questa recensione, ovvero questa speciale edizione proposta da DynIt. All'interno del box cartonato troviamo un digipack con i 4 DVD, inframmezzati da 8 cartoline in omaggio raffiguranti i vari personaggi della serie.
La serie è composta da 26 episodi, cosa che costringe ad avere 6/7 episodi a disco, con conseguente compressione spinta. Proprio in virtù di questo la qualità che si riscontra in ambito video (nel classico formato TV 4:3) è abbastanza sorprendente, dato che l'immagine resta nitida e priva di difetti di compressione, se non in qualche punto inevitabile, ma niente di macroscopico e di notabile ad una visione sommaria.
Ottimo anche il comparto audio: oltre alla traccia in giapponese in 2.0 abbiamo l'italiano Dolby Digital 5.1, che si è rivelato estremamente buono, con un ottimo equilibrio tra bassi e tracce multicanale, adattandosi a tutte le situazioni in modo egregio.
In definitiva un ottimo lavoro da parte di DynIt, con un'edizione che nonostante i pochi dischi non fa rimpiangere granché quella standard, a beneficio del rapporto qualità/prezzo.

InuYasha Con questo box ci troviamo di fronte a quello che può essere definito un buon affare (a patto di farsi piacere la serie, ovviamente), in quanto possiamo disporre di un'intera stagione di una serie decisamente lunga a un prezzo non certo esorbitante. L'unica carenza che possiamo trovare in questa edizione, sta casomai nell'assoluta assenza di extra (sigle senza crediti, interviste o gallerie di immagini), ma se si vuole puntare a contenere le spese, non è una perdita troppo tragica. Quindi, per concludere, per chi è un fan di InuYasha, questa è un'opportunità per accaparrarsi la prima stagione a poco prezzo, con la speranza che la DynIt continui con queste iniziative senz'altro meritevoli di plauso.