Recensione InuYasha - Il Castello al di là dello Specchio

Il 2° film giunto in Italia per la fortunata serie targata Rumiko Takahashi

Articolo a cura di

Il Castello al di là dello specchio

Secondo lungometraggio in versione italiana per questa lunga serie targata Rumiko Takahashi, Il Castello al di là dello specchio si delinea inizialmente come la conclusione ideale dell'opera, per poi rivelarsi essere nient'altro che un altro intermezzo, non permettendosi minimamente di voler porre fine ad una serie così fortunata...

Trama

Il film comincia nientemeno che con un combattimento: l'intero gruppo di InuYasha, tranne InuYasha stesso (che è purtoppo relegato in forma umana causa plenilunio) è alle prese con il loro più acerrimo nemico, ovvero lo stesso Naraku, temibilissimo demone ormai totalmente inumano... il combattimento va avanti a fasi alterne, finché il sole non sorge completamente e InuYasha trabocca nuovamente dei suoi poteri da mezzo-demone; a questo punto il combattimento è ormai deciso e neanche l'assurda potenza di Naraku può niente contro le forze coadiuvate di InuYasha, Kagome, Miroku e Sango... in pochi secondi è morto e di lui non rimane niente; perfino la maledizione del vortice della mano destra, sulla mano di Miroku, svanisce. E' così che il gruppo si divide e ognuno di loro è intento nel prendersi una piccola pausa dopo uno stress così grande, prima di rimettersi alla caccia dei frammenti della sfera.
Ma a questo punto, Kagome e InuYasha vengono assaltati da Kagura e Kanna, neanche lontanamente intenzionate a vendicare il loro "genitore", e in questa occasione fa il suo ingresso la loro nuova "datrice di lavoro", la Principessa Kaguya, figura di natura divina di cui si parla nientemeno che nel Taketori Monogatari ("Storia di un tagliabambù"), un classico della narrativa giapponese, ed è così che parte una nuova avventura di InuYasha e compagni.
Riuscirà InuYasha a salvare Kagome, rapita da Kaguya e usata come ostaggio?
Quale delle due personalità del mezzo demone vincerà il duello di volontà che si scatenerà nel profondo del Castello delle Illusioni, il suo io umano o quello demoniaco?
Naraku è davvero morto definitivamente o è solo un'altra delle sue assurda macchinazioni dagli oscuri intenti?

Le risposte, ovviamente, nel DVD.

Aspetto Tecnico

Il tratto del disegno sia nel character design che nei fondali, risulta ottimamente curato, questo grazie spesso e volentieri all'apporto della computer-grafica.
L'edizione italiana, targata Dynamic, vanta una doppia traccia italiana in 5.1 (DTS e Dolby Digital) e una traccia in giapponese, sempre Dolby Digital 5.1; i menu sono, come al solito, scorrevoli e intuitivi e oltre a questo, il DVD contiene anche una ben vasta gamma di contenuti extra, quali diversi trailer e filmati dell'opera, anticipazioni del prossimo movie di InuYasha, un'art gallery e una scheda informativa sulla fiaba giapponese da cui è tratto il mito della Principessa Kaguya.

Inuyasha (Manga) Questo è un lungometraggio che, definendolo in una sola parola, possiamo chiamare travolgente: la narrazione è continua e serrata, e su 100 minuti di visione, almeno 75 sono composti da azioni dinamiche decisamente coinvolgenti; in definitiva un ottimo prodotto, ma consigliato solo a chi ha la capacità e la perseveranza di seguire la trama dell'intera serie.