Recensione Ranma 1/2 - 1st Season Box

Nuova edizione per uno degli anime più visti di sempre!

Articolo a cura di

Ranma ½, un passo indietro

E' passato relativamente poco tempo dall'uscita dell'ultima collection di Ranma, ovvero Ranma ½ - Gli scontri decisivi, ma ecco uscire una nuova edizione dei primi episodi di questo celebre anime.
Cos'ha dunque di nuovo questa proposta Dynit, per far gola a fan e potenziali compratori?
Innanzitutto abbiamo di fronte l'intera prima serie dell'anime in questione (altresì denominata serie 'nibunnoichi', da 18 episodi), forse la migliore di tutte a livello di trama e sicuramente la più elaborata dal punto di vista della qualità grafica. Inoltre troviamo i primi 7 episodi della prima stagione della seconda serie (la 'nettouhen', composta da 143 puntate).
Troviamo poi non il doppiaggio andato in onda sulle varie reti locali sparse per la nazione, ma quello già utilizzato sulla precedente edizione targata DynIt, cioé una traduzione realizzata ex-novo per il mercato home video, con conseguente eliminazione delle censure applicate nella edizione televisiva primieva.
Se questo ancora non basta, allora forse vale la pena di dare un'occhiata più da vicino a questo prodotto, appartenente alla nuova generazione di Season Box di casa DynIt.

I (molti) protagonisti

-Ranma Saotome: Egocentrico e presuntuoso, Ranma è stato costretto a fidanzarsi con una ragazza praticamente mai incontrata prima per via di un accordo preso in giovinezza dai genitori di entrambi; esperto di arti marziali (un po' tutte e nessuna in particolare) vive costantemente alla ricerca di qualche tecnica che gli permetta di perfezionare il proprio stile di lotta. Durante un allenamento in Cina è caduto in una sorgente maledetta, per cui quando si bagna con l'acqua fredda si trasforma in un'avvenente ragazza, per ridiventare maschio se bagnato con l'acqua calda. Paradossalmente, per quanto egli si senta profondamente uomo quasi mai manca di utilizzare la propria versione femminile per riscuotere vantaggi e ottenere attenzioni normalmente riservate al gentil sesso.

-Akane Tendo: E' la scalognata ragazza destinata a diventare la fidanzata di Ranma, ovviamente non per propria scelta... il loro fidanzamento è stato combinato dai rispettivi padri una decina di anni prima della nascita di entrambi, e Akane pare non essere troppo contenta di questa decisione, come Ranma d'altronde. E' una ragazza manesca e violenta (essendo l'erede di un dojo di arti marziali può capitare), oltre che collerica, ma ciononostante risulta comunque altruista e tendenzialmente gentile, se non la si fa arrabbiare.

-Genma Saotome: Padre di Ranma e fondatore della Scuola di Arti Marziali Indiscriminate Saotome, è un vero e proprio arrivista, teso al perenne fine di trovare il proprio tornaconto da ogni questione, pubblica o privata che sia. E' un grande sostenitore della teoria che i disagi continui, in ogni forma e condizione possibile, fortifichino lo spirito e il corpo come nessun'altro allenamento sa fare (oltre a far risparmiare molti soldi) e per questo ha trascinato il proprio figlio in Cina, dove anch'egli è caduto in una sorgente maledetta, che lo trasforma in un panda gigante quando si bagna con l'acqua fredda.

-Soun Tendo: Padre di Akane, Nabiki e Kasumi, incarna lo stereotipo del padre di famiglia, imperturbabile, generoso e a tratti anche credulone, quasi come un samurai ligio all'onore che sembra sempre più fuori luogo in questa serie ad ogni episodio che passa. Per via della promessa fatta con Genma decenni prima, ha accolto in casa propria sia lui che Ranma (come fidanzato di Akane ed erede del suo dojo, la palestra di famiglia). E' un uomo a tratti coraggioso, codardo e dotato di un'altra infinità di qualità tra loro contraddittorie, il che contribuisce a renderlo un personaggio paradossalmente comico.

-Kasumi Tendo: Primogenita di Soun e sorella di Akane e Nabiki; è la sola vera ragazza della serie a cui sia associabile l'aggettivo di "femminile"; è infatti una giovane donna tutta casa e famiglia, totalmente dedita ad accudire il proprio padre e gli altri (sempre più numerosi) abitanti di casa Tendo, ai fornelli è una vera e propria dea e può essere considerata una perfetta donna di casa sotto pressoché qualsiasi punto di vista, anche se spesso e volentieri pecca pesantemente di ingenuità e generosità.

-Nabiki Tendo: Secondogenita di Soun e sorella di Akane e Kasumi; ha un solo obbiettivo nella vita, ovvero quello di accumulare più soldi possibile, e per farlo è disposta a sfruttare qualsiasi cosa: grazia, bellezza, furbizia, inganno, ricatto e raggiro sono solo alcune delle sue armi preferite. Ciononostante è una ragazza che tiene molto alla sua famiglia (per quanto questo interesse sia spesso secondario rispetto al dio-denaro) ed è una vera esperta del gioco d'azzardo.

-Tatewaki Aristocrat Kuno: Soprannominato (o meglio "soprannominatosi") il Tuono Blu del Liceo Furinkan (la scuola superiore frequentata da Ranma, Akane e Nabiki), è il bislacco capo del club di kendo dell'istituto ed è abilissimo con la spada (di legno). E' l'erede di un'antica, nobile e ricca famiglia, ama fare citazioni campate in aria in carattere aulico, per darsi un contegno, ed è convinto che tutte le donne che egli desidera non bramino altro che cadere ai suoi piedi e concedersi a lui... e se non lo fanno è solo per non essere considerate volgari. Ovviamente la realtà è ben altra, ma pare che qualcosa nella testa di Kuno gli impedisca di accettarlo; si strugge costantemente per Akane e "la ragazza col codino" (ovvero la versione femminile di Ranma) e odia ciecamente Ranma (in versione maschile) perché è fidanzato della prima e pare avere stretti rapporti con la seconda.

-Ryoga Hibiki: Ex compagno di scuola media di Ranma, è totalmente e inequivocabilmente privo del senso dell'orientamento (e spesso anche del più remoto barlume di logica), e sarebbe capace di perdersi anche per arrivare sul retro della propria casa (e in effetti lo ha fatto, in passato); ce l'ha con Ranma perché, inseguendolo in Cina, anche lui è caduto in una sorgente maledetta, che lo trasforma in un porcellino nero con l'acqua fredda. E' forte, resistente e caparbio, forse uno dei pochi avversari all'altezza di Ranma, anche se, essendo abbastanza duro di comprendonio, spesso non è un grande ostacolo; inoltre un forte sentimento provato nei confronti di Akane lo spinge costantemente a osteggiare Ranma. Si trova sempre in viaggio, un po' per cercare un rimedio al suo problema, ma più verosimilmente perché spesso e volentieri si perde anche per svoltare un angolo...

-Kodachi Kuno: Sorella di Tatewaki ed esperta di una ginnastica artistica "da combattimento": bella, egocentrica e soprattutto assolutamente e inequivocabilmente pazza (anche per la media, piuttosto alta, di questa serie), è soprannominata la "Rosa Nera" per via delle rose (velenose) che tira contro la gente. Odia fervidamente la ragazza col codino e Akane, colpevoli di avere relazioni di un qualche genere con Ranma, che lei ama oltre ogni dire, o almeno così dice... dall'esterno sembra invece che lo tratti alla stregua di un giocattolo (quando ha la possibilità di renderlo incosciente, legarlo e portarselo a casa).

-Shampoo: E' una ragazza appartenente a una tribù cinese di amazzoni, forte, bella e totalmente spregiudicata. Dopo aver cercato di uccidere Ranma, pare essersi totalmente innamorata di lui, non guardando in faccia a nessuno quando c'è di mezzo il suo bello, cosa che ha quindi fatto passare la sua passione omicida da Ranma ad Akane.

La vita a casa Tendo

Come accennato, il protagonista di questa storia è Ranma Saotome, figlio di Genma, uno scalcinato esperto di arti marziali che, trascinando tempo addietro il figlio in Cina, è riuscito a far cadere entrambi in alcune fonti maledette, che li hanno resi capaci di trasformarsi se bagnati dall'acqua fredda e tornare in condizioni normali quando bagnati dall'acqua calda.
Comprensibilmente, questa loro peculiare capacità non è giudicata come una fortuna, quanto come una disgrazia; anche se da questo punto di vista la visuale del giovane e aitante Ranma, destinato a trasformarsi in una ragazza, sembra risultare ben più tragica di quella del padre che sembra accogliere in maniera piuttosto flemmatica l'idea di diventare un panda part-time.
A questa vera e propria tragedia umana se ne aggiunge un'altra forse peggiore (sempre dal punto di vista di Ranma), ovvero il fatto che il proprio sconsiderato padre gli abbia anche organizzato un fidanzamento con la figlia di un suo amico di gioventù. Tutto ciò sarebbe forse accettabile in un altro contesto, ma se al tutto fuorché pacato Ranma avviciniamo una ragazza facile all'ira come Akane, allora ogni situazione potrebbe trasformarsi in una polveriera pronta a esplodere.
Inizia quindi in maniera decisamente singolare il fidanzamento tra Ranma e Akane che, stando alle premesse, dovrebbero imparare col tempo a convivere, ma che invece, nel primo episodio come in quasi tutti gli altri, non perdono occasione per battibeccare, insultarsi e cercare di capire quanto l'altro è emotivamente coinvolto, in un "tira e molla" tipico delle più comuni commedie adolescenziali.
A questi (e al resto della famiglia Tendo) si aggiungeranno col tempo altri personaggi che spesso e volentieri, per i motivi più astrusi e bislacchi, insceneranno duelli che definire bizzari e strampalati è forse poco.
E forse è proprio qui la parte più appassionante e allo stesso tempo sconcertante di Ranma ½, ovvero che tutti quelli che combattono e in qualche maniera gareggiano per qualcosa in questo anime, lo fanno sempre nella maniera più singolare possibile, utilizzando le tecniche più strane. E, soprattutto, si adoperano indefessamente per le motivazioni più assurde e fuori dal comune.

Saprete resistere?

L'Edizione

I 25 episodi sono riportati su quattro DVD, quindi si contano circa 6-7 episodi a disco, come già per l'Inu Yasha 1st Season Box. Ci si aspetta di conseguenza una qualità video piuttosto limitata ma, complice la quasi totale mancanza di extra e la presenza di tracce audio dal basso profilo (oltre alla mancanza di sottotitoli), l'edizione riesce a mantenere decisamente un buon tenore.
Per quanto riguarda i sottotitoli, se ne deve denotare la totale mancanza, tranne che per la possibilità di attivare la traduzione dei cartelli. Dal profilo del comparto audio abbiamo invece solamente due tracce, un Italiano 2.0 e un Giapponese 1.0, il quale tra l'altro tende a risultare pressoché inutile a chi non conosca la lingua, mancando dei sottotitoli di traduzione integrale dal nipponico.
Il box salvaspazio (compreso di quattro cartoline inserite all'interno, riproducenti alcuni personaggi della serie), decisamente sottile, visto e considerato che contiene un totale di 25 episodi, è sicuramente apprezzabile; unica pecca, probabilmente la custodia esterna della confezione, in cartone, che potrebbe risultare decisamente poco resistente.

Infine, dal punto di vista dell'adattamento, seppur sia lodevole l'impegno della DynIt, che ha rieditato integralmente l'intera stagione, non si può far altro che riscontrare alcuni difetti, quali, in alcuni punti, traduzione e interpretazione imprecisa, e una revisione della timeline della serie, che ha causato dei marginali 'buchi' sia nelle anticipazioni di fine puntata sia durante alcuni flashback all'interno di certi episodi.

Ranma 1/2 - 1st Season Box Tutto sommato, nonostante i difetti sopra elencati, ci troviamo di fronte a una buona edizione che, sebbene non corredata ai vari extra a cui si può essere abituati (e che, in molti casi, risultano anche eccessivi), soddisfa tutte le richieste di un mercato standard: costi decisamente sottotono rispetto all'acquisto dei diversi dischi con i medesimi contenuti, qualità video di buona fattura e audio non disprezzabile e, da rimarcare, un ingombro fisico di entità minima. Un acquisto consigliato quindi a chi si è finalmente deciso ad avere i primi episodi di questa serie (per una volta tradotti ad arte e non censurati) o a chi voglia tentare l'impresa di vendere i propri vecchi dvd (già doppiati dalla DynIt) per prendere questa edizione, decisamente meno ingombrante.