Recensione Sei il mio cucciolo

Uno degli esperimenti meglio riusciti in campo shojo: novità!

Articolo a cura di

Presentazione

Sei il mio cucciolo è un titolo tanto strano quanto esplicativo della natura del manga in questione. Questa frase difatti spiega cosa ci troveremo di fronte: Sumire Iwaya, donna in carriera , è una giornalista fredda, priva di scrupoli, cinica quando si trova nel posto di lavoro, e al conntempo una donna debole, insicura e paurosa tra le mura domestiche.
Sumire, al ritorno dal lavoro, trova sotto casa una strana scatola abbandonata con all'interno un ragazzo, che chiamerà successivamente Momo come il suo cucciolo precedente. Da qui si dipana la trama di questa atipica storia d'amore. Essendo il genere shojo-sentimentale vi è sempre una storia d'amore (se non più d'una!), ma il canovaccio cambia sia per le modalità dell'incontro, dato che la protagonista non incontra certo il principe azzurro sul cavallo bianco, sia per lo sviluppo più "serio" che prende la storia.
Per concludere debitamente l'introduzione si deve anche segnalare che esiste un Live Action, una soap opera con attori in carne e ossa dedicata a questo fumetto. Ovviamente è confinata in Giappone e difficilmente verrà importata, ma comunque testimonia il successo che sta avendo "Kimi Wa Pet" (questo il nome originale) in patria. Ma in cosa si differenzia dai normali shojo?

Un tenero cucciolo... umano

Già la premessa vi ha introdotto nel mondo di "Sei il mio cucciolo". Questo è un fumetto abbastanza atipico e innovativo per i canoni del genere, oserei quasi dire "più adulto". Ma non è certo il capostipite: possiamo infatti menzionare "Nana" della Yazawa e "Mars" di Fuyumi Soryo. Anche in questo caso non ci si limiterà alle tenere effusioni, ma con lo sviluppo del manga si potranno incontrare occasioni di vita più concrete, arrivando anche a scene di sesso, ovviamente rese implicite e senza mai eccedere nel volgare.
Sumire, come già detto, è una donna in carriera, impulsiva quanto cinica decide di tenersi in casa questo ragazzo appena maggiorenne che ha trovato e insieme al quale stipulano una sorta di "contratto": difatti decidono che lei gli darà vitto e alloggio se lui accetterà di farle da cucciolo. Il ragazzo accetta e fa capire che non è la prima volta che si trova in una situazione simile. Il primo periodo passerà tra le più tenere effusioni: Sumire difatti è innamorata dei capelli del ragazzo. Ma se così fosse per l'intera durata del manga sarebbe anche oltremodo noioso: per rendere frizzante la storia l'autrice pensa ad inserire un altro uomo, Shigehire Hasumi, ex collega di Sumire della quale lei era follemente innamorata tempo prima.
Oltretutto Sumire, oltre ad intrattenere una relazione con Hasumi che si dimostra sempre capace di darle attenzioni nel modo giusto, deve tener nascosta la presenza di Momo, anche perchè la relazione con quest'ultimo è decisamente "immorale". Avrete ben capito come con il passare dei numeri la storia si faccia decisamente più intricata e complessa.

Stile ed edizione

Il tratto di Sei il mio Cucciolo è abbastanza particolare, non certo quello che possiamo stilisticamente definire "shojo classico": ricorda difatti molto il tratto dell'autrice Fuyumi Soryo. Come al solito per farvi un'idea vi invitiamo a osservare le immagini correlate all'articolo. L'edizione in cui è pubblicato questo fumetto è la classica della Star Comics da 3.10euro, non certo un'edizione ricca, ma comunque buona considerati gli standard della casa editrice in questione. La carta non è porosa e sembra non dare i soliti problemi di lasciare l'inchiostro sulle dita. Il fumetto è però riportato come il tankobon originale, con pagine in b/n, ovviamente privo di sovraccopertina.

Sei il mio cucciolo Se arrivati a questo punto vi sembra che Sei il mio Cucciolo possa piacervi allora potete tranquillamente provarlo. Il canovaccio di base non si discosta molto da quello del genere, ma dà un ampio respiro per via delle situazioni che si vengono a creare e tuttora dopo dieci numeri non sembra annoiare o aver perso quel mordente presente costantemente all'inizio. E' un manga particolare in cui si alterneranno situazioni divertenti capaci di strapparvi più risate e momenti più seri: insomma non sembra mancargli nulla per poter piacere, anche se ovviamente tutto dipende dai gusti personali.