Recensione Space Chef Caisar

Uno Chef nello spazio! E le ragazze non mancano!

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Piccola premessa filologica.
Il termine ecchi (pronuncia "ecci") altro non è che la pronuncia giapponese della lettera H in inglese, che qui sta per Heros. I Giapponesi hanno quindi deciso di usare un termine alquanto anonimo per indicare un certo tipo di produzioni. La cosa si limita a situazioni e disegni più o meno spinti, con l'esclusione di atti schiettamente sessuali.
Questo volume, unico a detta dell'autore, potrebbe meritare uno spazio maggiore. Ma bando alle ciance ed entriamo nel vivo della situazione.

Ecchi Homo

E diciamocelo: torniamo stanchi la sera, vogliamo distrarci un po', e che ci offre la tv? Quiz, tette, cucina, sederi... avendo perso la fiducia sulla varietà della proposta mainstream, tanto vale svagarsi con qualcosa che rende interessanti sederi e cucina.
Tutti quelli che cercono una storia con un arco narrativo di spessore son pregati di lasciare la stanza... sì signorina, esca pure lei, per gli emo in fondo a destra... ecco noi e voi 25 eletti (!) rimasti possiamo assaporarci con calma questo prodotto consapevolmente trash.
Allora, facciamola corta: ci sono tre ragazze (alla Occhi di gatto, ma ristrette in lavatrice, sembra!) che per professione catturano e ammazzano mostri generici su richiesta, in giro per lo spazio. Si sa, le donne, se lavorano, troveranno anche il tempo per fare una maschera ai capelli, o far risplendere le candele del motore curvatura, ma mica possono mettersi a cucinare?! Eh! Sono impegnate loro! Questo è il lavoro dello schiavetto designato, tale Shin-chan. Ecco il solito smidollato da manga, ma qui è davvero puccioso. Però non vi preoccupate: Boichi ci garantirà almento una pestata a sangue per capitolo (basta con queste tsundere nevrotiche solo a parole!). Shin-chan ovviamente per poter castigare a dovere le femmine, deve indossare il cappello da chef, che lo fa tramutare nel tamafigo (crasi di tamarro e figo) Caesar-sama: e a quel punto ce n'è per tutte... di cena, e che avevate capito?
Il plot è questo. Vi chiederete come si possa salvare l'universo con le ricette di cucina... beh, infatti non si può, ma rimangono pur sempre certe situazioni interessanti: le abitudini alimentari di un pianeta a volte nascondono un passato, e sputtanare il capoccia di turno è compito del nostro chef (mentre il nostro trio di but...tafuori va in estasi orgiastica a mo' di MENADI danzanti al cospetto di Bacco). Insomma è un lavoro lurido, ma qualcuno deve pur inzuppare il mestolo... Bene...

Troviamo quindi una struttura abbastanza episodica, con ogni capitolo autoconclusivo. Le storie sono precise e sintetiche (altrove si userebbe un tankobon o almeno una sottiletta per cucinarlo a dovere). Ma questo è un manga fusion, e quindi azione, ecchi e cultura gastronomica spesso si ritrovano in tavole vicine, per necessità di regia.
Il disegno è perfetto, dinamico, pulito, dettagliato... insomma disegno intero ad alta qualità. Non c'è nulla da eccepire nella trama. Si segue lo spirito dell'ambientazione, la realizzazione è eccellente senza esser troppo spinta, ma risveglia l'ittadakimasu carnale succoso e magari anche succinto; il tutto condito di aceto balsamico, perchè è tsundere approved. Per capire le ricette dobbiamo considerarle dal punto di vista orientale, che punta molto sull'ingrediente prezioso e sulla procedura ricercata. Un mondo in cui il cuoco deve garantire quell'incredibile scioglievolezza per appagare i sensi, che fa venire l'acquolina in bocca al solo vedere il sugo del mestolo di Caesar-sama (a proposito: il nome è forse in onore alla Caesar Salad?)

Space Chef Caisar Il punto è quindi: l'ecchi ha senso di esistere? Non bastano le scosciate della tv? Ma l'ecchi non è solo scollatura. E' tutto quel mondo pruriginoso scomparso in Italia dopo la commedia sexy anni '70. Qui ritroviamo quel buon grado di trivialità che conferisce gusto alla pietanza. Certo, un prodotto del genere non è consigliato a chi cerca esperienze forti, sia in ambito sporcaccione sia per quanto riguarda trame ad effetto... ma gli ingredienti sono scelti in modo armonioso per realizzare la ricetta prescelta. Space Chef Caisar è questo, chi l'ha ordinato sa a cosa va incontro... cotto e mangiato!

6