Recensione Zetman

Katsura ridisegna il mondo dei supereroi...

Articolo a cura di

L'opera

Frutto del genio di Masakatsu Katsura e dello studio K2R, già noto in Italia per capolavori quali “Video Girl Ai” ed “I’S”, serie di successo mondiale di cui sono state realizzate anche trasposizioni animate, “Zetman” rappresenta il primo tentativo di un autore tanto prolifico ed affermato di cimentarsi con una ambientazione più matura, violenta e cupa delle sue opere precedenti.

La storia

Le vicende di Zetman sono incentrate attorno al progetto “Z.E.T.”: per diversi anni la famiglia Amagi, industriali a capo di una enorme compagnia operante nel campo della ricerca, ha svolto segretamente esperimenti genetici volti alla creazione di esseri sovraumani, i cosidetti “player”. Purtroppo i “player” sfuggirono al controllo degli Amagi e ad oggi vagano liberi nel Giappone.
Per fermare la minaccia costituita da tali mutanti assetati di vendetta, fu realizzato il progetto “Z.E.T.” volto alla creazione di un superuomo in grado di fronteggiare i “player” ed uscirne vincitore. Lo scienziato a capo del progetto, il dottor Kanzaki, però fuggì dal laboratorio portando con sé il frutto di quegli esperimenti e rifugiandosi a vivere nell’anonimato.

Per lunghi anni Kanzaki ha vissuto in una baraccopoli assieme ad altri barboni con il piccolo Jin.
Jin è un bambino vivace, forte ed irruento, ed egli lo ha allevato come suo nipotino, pur essendo null’altro che il frutto del progetto “Z.E.T.”, cercando con ogni sforzo di fargli vivere una vita normale.
Jin è amico di Konoha Amagi, nipote del proprietario delle Industrie Amagi: pur appartenendo ad una famiglia così ricca non trascura i più deboli, ed è così che spesso si reca a fare del volontariato assieme alla madre nelle baraccopoli della città cercando di portare un po’ di conforto ai senza tetto e di alleviare le loro sofferenze quotidiane.
Suo fratello Koga invece è ben più immaturo: pur essendo un brillante studente ed un ragazzo affascinante, Koga è insoddisfatto della vita offertagli dai suoi e cerca con ogni mezzo di sfruttare le tecnologie delle industrie Amagi per coronare il suo più grande sogno: diventare un supereroe e difendere la città dai criminali.

La vita di Jin e Kanzaki scorre via serenamente finchè Amagi, dopo anni di ricerche, non riesce a ritrovarli... Questo incontro cambierà radicalmente la vita del ragazzo che si ritroverà costretto a confrontarsi quotidianamente con esseri mostruosi e diabolici per sistemare gli errori commessi dallo stesso Amagi, ma Jin non sarà certo l’unico a doversi confrontare con i “player”, ben presto lo stesso Koga si ritroverà costretto a fronteggiare i mutanti assetati di vendetta nei confronti della sua famiglia...

L'autore

Nato nel dicembre del 1962 nella prefettura di Fukui in Giappone, Masakatsu Katsura è uno dei più noti ed autorevoli mangaka esistenti nel panorama nipponico.
Appassionato di supereroi, ed in particolar modo di Batman, Katsura ha realizzato numerosi manga incentrati su questa sua passione, lo stesso “Zetman” ne è una chiara dimostrazione.

Il suo ingresso nel mondo professionale è dovuto alla partecipazione al famoso concorso per disegnatori intitolato ad Osamu Tezuka, concorso dal quale un Katsura poco più che ragazzo uscì inaspettatamente vincitore.
Il successo al concorso lo proiettò nel mondo dell’editoria, consentendogli di iniziare subito a lavorare come autore indipendente (la maggior parte dei mangaka nipponici entrano nel mondo del lavoro come assistenti), realizzando alcune storie brevi..

Nel 1989 Katsura, dopo aver mutato radicalmente il suo stile a seguito di una lunga permanenza in ospedale, lanciò due raccolte di storie brevi intitolate “Video Girl”. Successivamente sulla base di quest’idea venne realizzata la serie “Video Girl Ai”: pubblicata su Shonen Jump a partire dal 1989 e raccolta successivamente in 15 volumi, “Video Girl Ai” è stata forse l’opera di maggior successo dell’autore ed è proprio grazie a questo manga che Katsura ottenne dagli appassionati il riconoscimento che meritava.

Il successo di “Video Girl Ai” ha fatto sì che ne venisse realizzata una trasposizione animata, così come accadde successivamente per altri lavori dell’autore pubblicati anche in Italia da Star Comics quali “DNA²” ed “I’S”. In seguito a “Video Girl Ai” Katsura ha continuato a sfornare manga di successo con estrema puntualità, alternando serie più corpose ad innumerevoli storie brevi, di cui la più affascinante è forse Dr. Chanbalee pubblicata nel 2001 ed incentrata su un medico vampiro.

Nel corso della sua carriera Katsura ha anche collaborato alla realizzazione di videogames in qualità di character designer ed ha svolto questo ruolo anche in “Iria: Zeiram the Animation” serie di 6 oav pubblicata nel 1994 da Bandai Visual.

Attualmente assieme ai membri del suo studio K2R (termine che costituisce anche l’acronimo del suo cognome), è impegnato nella realizzazione della serie di “Zetman”, forse il manga più complesso ed impegnativo con cui l’autore si sia mai cimentato.

L'edizione

L’edizione proposta da Star Comics non può certo definirsi “di lusso” data la grave assenza di sovracopertine e l’adozione di un formato eccessivamente rigido che lascia l’amaro in bocca agli appassionati.
Deve comunque essere apprezzata la scelta dell’editore di mantenere un prezzo concorrenziale (4,20€ - tra i più bassi in circolazione in un mercato quale quello italiano che negli ultimi anni ha mostrato una insana e spesso ingiustificata tendenza al rialzo dei prezzi, vuoi anche per il peso della nostra moneta nei mercati internazionali, elemento questo fin troppo spesso trascurato dagli operatori del settore sempre pronti a giustificare i costanti aumenti di prezzi del prodotto finito cui non è corrisposto purtroppo un miglioramento della qualità delle edizioni) ed inserire all’interno dei singoli albi svariate pagine a colori. Tale scelta, volta a garanire una conformità con l’edizione nippponica, è certamente un segnale positivo.
La carta appare eccessivamente trasparente, ma tutto sommato si rivela di buona qualità, liscia al tatto, regge bene l’inchiostro e la stampa non presenta evidenti sbavature.
Ottimo il lavoro di adattamento delle onomatopee come da tradizione Star Comics sempre ricostruite nella vignetta; buona la traduzione, l’adattamento ed il lettering.

Resta l’amaro in bocca per un prodotto di grande qualità, ultima opera di un autore affermato in patria come all’estero, e che avrebbe meritato probabilmente una edizione più lussuosa: un peccato dunque l’assenza di sovracopertine e l’adozione del formato “rigido” da economico Star Comics.

Un nuovo supereroe...

Zetman costituisce la rivisitazione di una storia breve realizzata dallo stesso Katsura nel 1994.
Influenzato dai supereroi ed in particolar modo da Batman, Katsura ideò un personaggio spietato e feroce, che per spazzar via il crimine dalle strade della propria città finì per trasformarsi in una sorta di macchina da guerra, perdendo ben presto la sua umanità e divenendo un feroce e spietato assassino capace di uccidere anche per i crimini più banali.
A distanza di tanti anni Katsura, forse anche un po’ stufo delle solite storie d’amore adolescenziale in cui si è cimentato fino ad oggi e che hanno rappresentato i suoi maggiori successi, ha deciso di recuperare l’idea partorita in quella storia breve (pubblicata in italia da Star Comics in un volume monografico intitolato per l’appunto “Zetman” e contenente altre storie brevi dell’autore) e realizzare su quelle basi una serie che si distaccasse dai suoi lavori precedenti e recuperasse quell’idea di supereroe che egli ha sempre amato.
Il nuovo “Zetman” a ben vedere è assai diverso da quello del 1994: abbandonato l’aspetto giustizialista da giustiziere della notte, il nuovo “Zetman” condivide con il suo predecessore un solo punto in comune: la difficoltà nel controllare i propri poteri senza farsi trascinare dagli stessi in un vortice di violenza e distruzione.
Certamente possiamo dire che con quest’opera si è visto un ulteriore perfezionamento dello stile grafico e narrativo dell’autore, finalmente capace di realizzare un manga diverso dalle solite storie d’amore ed al contempo affascinante ed entusiasmante come pochi.

Zetman Zetman è in assoluto uno dei migliori manga attualmente in circolazione nel panorama fumettistico italiano. Un prodotto che gli appassionati del genere supereroistico ed i fan di Katsura non dovrebbero lasciarsi sfuggire. L’edizione non è certamente di lusso, ma il prezzo competitivo e le pagine a colori costituiscono dei pregi da non trascurare. Un manga consigliato davvero a tutti, uno shonen di qualità.