Speciale Animeye Biographies: Neil Gaiman

Neil Gaiman, l'autore inglese che salì dalle nuvole del fumetto per arrivare dove nessuno aveva mai osato prima.

speciale Animeye Biographies: Neil Gaiman
Articolo a cura di

Gaiman e...

Scrivere di Neil Gaiman, l'uomo che ha lanciato i sogni nel mondo delle nuvole parlanti, diciamocelo fin da subito: non è mai stato facile. Su Gaiman, sulla sua fantasia e sul suo lavoro si è detto tutto (o quasi) e quindi cercheremo di presentarvi al nostro meglio l'incredibile meravigliosa mente di questo Scrittore, aiutandovi ad orientarvi attraverso la sua vista e le sue opere, che spaziano tra libri, fumetti, film e altro.

Radici

Le origini della famiglia di Gaiman sono ebreo polacche, suo nonno paterno emigrò da Antwerp prima nel 1914 per stabilirsi poi nell'Hampshire, nella città di Portsmouth, e aprì una catena di negozi di generi alimentari dove vi finì a lavorarci anche il padre di Neil, David, mentre sua madre Sheila Gaiman (nata Goldman) era una farmacista.
Neil ha due sorelle, entrambe più giovani, Claire and Lizzy. Dopo aver vissuto i primi cinque anni della sua vita a Portchester, la famiglia Gaiman si trasferisce nel West Sussex ed è qui che comincia ad avvicinarsi al locale centro Scientology e a studiare la Dianetics, l’insieme di idee e di procedure che riguardano lo spirito, la mente e il corpo elaborate da Ron Hubbard. Nonostante l'approccio al mondo di Scientology la famiglia non rinnega le sue radici ebraiche e rimane comunque molto legata a quel mondo tanto che una delle sorelle Gaiman, parlando in un'intervista proprio di quel periodo, confidò: “Sarebbe difficile rispondere ad una domanda del tipo qual'era la vostra religione da bambini... e potrei solamente rispondere con una specie di scientologismo ebraico."
Neil ha invece affermato di non essere attualmente un adepto di Scientology.

Dal 1992 vive nel Minnesota, a Minneapolis, in una casa che ricorda quella della Famiglia Addams, è divorziato e ha tre figli.

Infuenzare il genio

Il primo libro letto da Gaiman fu “Il Signore degli anelli”, per il suo settimo compleanno ricevette in regalo una copia de “Le Cronache di Narnia” ma con affetto ricorda anche di aver letto e apprezzato in tenera età “Alice nel paese delle meraviglie", arrivando a impararne interi brani a memoria mentre il primo fumetto a rimanergli impresso fu il cavaliere oscuro, Batman!

In seguito cominciò ad appassionarsi alla fantascienza di diverso genere, leggendo autori come Samuel R. Delany, Roger Zelazny, Robert A. Heinlein, Harlan Ellison, H. P. Lovecraft, Thorne Smith e Gene Wolfe.
All'inizio degli anni ottanta ebbe anche qualche esperienza di tipo giornalistico, tanto che il suo primo libro pubblicato, strano a dirsi, fu una biografia sul gruppo musicale dei Duran Duran. Il suo arrivo nel mondo del fumetto è tanto casuale quanto fatale; grazie alla sua amicizia con un altro grande del fumetto britannico e mondiale, Alan Moore, Gaiman comincia a scrivere sulla serie di Marvelman, proprio quando Moore aveva deciso di abbandonare la serie. Dopo un ovvio Marvelman un po' acerbo, Neil passa a collaborare su una delle serie a fumetti più note del mondo anglofono, ovvero quel “2000Ad” della Future Shocks che è stata una vera e propria fucina di talenti. La qualità di questi suoi lavori impressionò gli editor della Dc Comics che decisero di chiamare questo giovane autore per rilanciare in chiave borderline un personaggio minore come Black Orchid, gettando le basi per quello che sarà il suo capolavoro assoluto, ovvero l'Uomo del Sogno.

Venghino siore e siori che comincia il sogno!

75 numeri a partire dal dicembre del 1988 fino al marzo del 1996: parliamo ovviamente di Sandman, il capolavoro che lo consacrò definitivamente e in maniera assoluta. Sandman fu, e forse lo è ancora, il maggior successo della linea editoriale Vertigo, etichetta della Dc Comics for mature readers. Lui è il signore e sovrano del Regno dei sogni, dove ogni cosa è piegata al suo volere. La sua forza deriva dal potere dei sogni stessi e dalla volontà dei sognatori. Il re del sogno, fa parte della famiglia degli Eterni, composta (oltre che da lui) da Destino, Death, Distruzione, Desiderio, Disperazione e Delirio.
Memore delle letture d'infanzia e influenzato dal lavoro di Carrol, Neil crea un mondo per certi aspetti simile a quello di Alice nel Paese della Meraviglie ma riuscendo a renderlo originale quando autonomo, insomma un vero e proprio universo narrativo autoctono in grado di stare in piedi da solo e di incamminarsi nel mondo della narrativa per restarvi a oltranza! Diversi sono gli abitanti del Regno del Sogno, giusto per citarne alcuni vi diciamo che questo regno fantastico è abitato da animali mitologici come la viverna, il grifone e il cavallo alato e a far loro compagnia abbiamo Mervin lo spaventapasseri, i fratelli biblici Caino e Abele, Matthew, il corvo messaggero del dio Sogno, e Lucien il bibliotecario del sogno.
A voler dare, a tutti i costi, una chiave di lettura letteraria alla serie di Sandman potremmo dire che, per volontà dell'autore, rientra tutto sotto l'egida del bildung roman, ovvero l'opera letteraria che guarda all'evoluzione del personaggio verso la maturità e l'età adulta, nonché alla sua origine storica allo scopo di promuoverne l'integrazione sociale per raccontarne emozioni, sentimenti, progetti, azioni viste nel loro nascere dal di dentro.

Ed è per questo motivo che l'opera, nel uso primo ciclo, vede il salvataggio della regina Nada (antico amore ripudiato del Signore dei Sogni e per colpa sua costretta all'inferno, la distruzione della vita del figlio e altri episodi del genere ma Sandman non è solo questo, è molto altro ancora, e ve lo può dire qualsiasi lettore che anche solo per una volta nella sua vita abbia mai aperto i tomi del Signore dei Sogni.

Menzione d'obbligo per il numero 19 della serie, quel Sogno di una notte di mezz'estate (A Midsummer Night's Dream), chiaro, sentito e esplicito omaggio Shakesperiano che nel 1991 arrivò ad aggiudicarsi il World Fantasy Award quale miglior racconto, trattandosi di un albo a fumetti! In seguito le regole del premio sono cambiate, e da allora un albo a fumetti non può nemmeno partecipare a quel concorso, e di fatto Il Sogno di una notte di mezz'estate è l'unico albo a fumetti ad essersi assicurato quel premio letterario. Curiosamente, subito dopo la vittoria le regole del premio sono state cambiate per fare in modo che un fumetto non possa essere iscritto a partecipare. La storia di Gaiman sarà quindi l'unico fumetto ad aver mai vinto tale manifestazione, sempre che le regole non vengano nuovamente cambiate. Ma da sottolineare anche come un così detto minor character della serie Death, sorella di sogno, sia riuscita a entrare nei cuori dei fan e di Gaiman stesso, ricevendo due avventure a fumetti “a solo” davvero toccanti e sono “L'alto costo della tua vita” e “Il grande momento della tua vita!"

Altre nuvole da ricordare

Nel 1989 scrisse anche The Books of Magic, una miniserie in quattro parti dove un giovane teen anger inglese comincia il suo viaggio nel mondo della magia essendo destinato a diventare il più grande mago di sempre (John Constantine permettendo). Negli anni 90 il suo nome si legò anche ad etichette indipendenti e così scrisse per la Tekno Comix serie come Lady Justice, Mr.Hero, the Newmatic Man e Teknophage.
Quando gli fu chiesto perchè preferisse scrivere fumetti rispetto ad altre forme di storytelling Gaiman rispose:
“Una delle gioie dei fumetti è sempre stata la conoscenza, in diversi mondi, di sapere di essere in territorio incontaminato, una terra vergine. Quando ero al lavoro su Sandman mi sentivo come se mi stessi aprendo una via nella jungla con un machete. Ho scritto di luoghi e cose che nessuno aveva mai affrontato prima, stavo aprendo una mia via”
Nel 2009 Gaiman ha scritto una storia in due parti per il suo antico idolo d'infanzia, Batman. La storia in questione si intitola Batman R.I.P. e potremmo dire che è la sua risposta al lavoro di Alan Moore sull'altro grande eroe di casa Dc, Superman, ovvero “Cosa è successo all'uomo del domani?”
Per la Casa delle idee ha invece scritto 1602 in cui propone una sua versione alternativa dell'intero universo Marvel, ambientandone le origini proprio nel fatidico anno del 1602 e, inoltre, non dimentichiamoci che ha magistralmente sceneggiato la miniserie Eternals, disegnata da John Romita Jr., con protagonisti un'altra famiglia di Eterni, stavolta quelli creati dal Re Jack Kirby, riuscendo a reggere pienamente il confronto con una leggende del fumetto di quella misura.

Libri e film da una mente fantastica

In collaborazione con Terry Pratcher (l'autore della nota serie “Discworld”, da cui furono tratte anche diverse avventure videoludiche), Gaiman ha scritto il suo primo libro, “Good Omens”.
Nel 1996 arriva invece “Neverwhere”, ambientato in una Londra fantastica dove la metropolitana non è quel che che sembra. Tre anni dopo vede la luce la storia fantasy di “Stardust” (ora anche un film), ma il primo grande successo editoriale, come romanziere, arriva nel 2001 quando fu pubblicato “American Gods”, dove diversi personaggi di “Sandman” fanno brevi apparizioni. Nel 2005 esce “Anansi Boys” che debutta subito alla prima posizione nella lista del “The New York Times Best Seller”.
“Neverwhere” (Nessun dove) oltre che un romanzo è stato anche una serie televisiva della BBC dove Gaiman stesso collaborò alla stesura dei copione. Diverse sono le collaborazioni stabilite da Gaiman nel mondo del grande e del piccolo schermo e se lo troviamo in principio, timidamente chiamato a localizzare la versione inglese dell'anime dedicato alla Principessa Mononoke, attualmente possiamo notare il suo nome su manifesti cinematografici come il “Beowulf” di Robert Zemeckis. Ma è stato anche l'unico autore, oltre a J. Michael Straczynski, a lavorare su “Babylon 5” dove scrisse cinque episodi.
Suoi lavori trasportati al cinema sono stati “Stardust”, con star hollywoodiane come Robert De Niro, Michelle Pfeiffer e Claire Denis, ma anche il suo libro per ragazzi “Coraline”, una versione stop motion, ha visto l'avventura sul grande schermo nel 2009. Mentre dal 2007 si aspetta la versione cinematografica del suo “Death: l'altro costo della vita”. Attualmente è al lavoro sulla nuova serie televisiva dedicata al “Doctor Who” che dovrebbe essere trasmessa in Inghilterra nel 2011.

Riconoscimenti e premi

Quella che segue è una bieca lista di riconoscimenti e di premi vinti da Gaiman durante la sua carriera, nei diversi campi da lui affrontati, segni di una polidietricità davvaro unica.

Premio Alex con "Stardust".
Premio Nebula per il miglior romanzo con "American Gods".
Premio Hugo per il miglior romanzo con "American Gods".
Premio Nebula per il miglior romanzo breve con "Coraline".
Premio Hugo per il miglior romanzo breve con "Coraline".
Premio Hugo per il miglior racconto breve con "A Study in Emerald".
Premio Alex con "Anansi Boys".
Premio Hugo per il miglior romanzo con "The Graveyard Book".

Per approfondire

Se vi abbiamo incuriosito e volete conoscere meglio le opere di questo scrittore, autore, scenegiattore e diavolo di un genio beh, qui di seguito, per voi c'è l'elenco delle sue principali opere, buona lettura!

Romanzi
Buona Apocalisse a tutti! Scritto con Terry Pratchett.
Nessun dove.
Stardust. Illustrato da Charles Vess.
American gods.
A walking tour of the shambles (2002). Inedito in Italia
I ragazzi di Anansi.
Il cimitero senza lapidi e altre storie nere (M is for Magic, 2007).

Per ragazzi
Il giorno che scambiai mio padre per due pesci rossi . Illustrato da Dave McKean.
Coraline. Illustrato da Dave McKean.
I lupi nei muri. Illustrato da Dave McKean.
Mirrormask. Tratto dall'omonimo film. Illustrato da Dave McKean.
Il figlio del cimitero.

Sandman
1. Preludi & notturni.
2. Casa di bambola.
3. Le terre del sogno.
4. La stagione delle nebbie.
5. Il gioco della vita.
6. Favole e riflessi.
7. Vite brevi.
8. La locanda alla fine dei mondi.
9. Le eumenidi.
10. La veglia.
Sandman: Cacciatori di sogni. Illustrato da Yoshitaka Amano.
Sandman: Notti eterne.
Death: L'alto costo della vita.
Death: Il grande momento della tua vita.

Fumetti
Casi violenti. Illustrato da Dave McKean.
The Books of Magic .
Miracleman: The golden age.
Signal to noise. Illustrato da Dave McKean.
La crociata dei bambini.
L'ultima tentazione. Dal concept album The Last Temptation, scritto con Alice Cooper.
Mr Punch. Illustrato da Dave McKean.
Angela (Spawn - Angela).
Black orchid.
Il san Valentino di Arlecchino.
Mr. Hero the Newmatic Man ideato da Neil Gaiman per la Tekno Comics(insieme a Lady Justice)
Mistero celeste.
1602.
Creatures of the night.
Nessun dove (Neverwhere). Tratto dall'omonimo romanzo.
Gli eterni.

Libri non di narrativa
Duran Duran: The book.
Ghastly beyond belief. Scritto con Kim Newman.
Don't Panic: The Official Hitchhiker's Guide to the Galaxy Companion.

Sceneggiature
Neverwhere, film TV in 6 episodi. Sceneggiatura con Lenny Henry.
A short film about John Bolton.
MirrorMask. Sceneggiatura con Dave McKean.
Stardust, regia di Matthew Vaughn.
La leggenda di Beowulf , regia di Robert Zemeckis.

Animeye Biographies Gaiman è l'autore, anzi meglio l'uomo, che è riuscito a catturare l'essenza stessa dei sogni e a contaminarla con la sua visione. Shakesperiano fino al midollo risulta contemporaneo fino all'inverosimile, ogni sua opera (o quasi) è un classico senza tempo pronto ad accompagnarvi durante il cammino dei vostri sogni. Coraggio, sognate!