Speciale Deadpool - The merc with a mouth

Deadpool - The merc with a mouth

Articolo a cura di

Testi di Jacopo Peretti Cucchi
Non l'avete mai letto vero? Si, forse qualcuno di voi, quelli più avanti. Magari qualcuno l'ha incontrato su qualche testata, può darsi.
Come? L'avete visto in Wolverine? No. Non era lui.
Perfetto, vorrà dire che dovremo cominciare dall'inizio.
Chi è Deadpool? Il fumetto da cui non potrete più staccarvi, garantito.
Si tratta relativamente di una novità, diciamo che nell'universo Marvel, da cui proviene, non è certo uno dei più vecchi, la prima apparizione risale al ‘91.
Nato dalle penne di Fabian Nicieza (Testi) e Rob Liefield (Disegni), sviluppato e sperimentato poi da molti altri nomi del fumetto, è ora considerato uno dei più promettenti personaggi di nuova generazione.
Wade Winstone Wilson, alias Deadpool ("Scommessa con la morte"), è un meraviglioso mercenario ninja le cui abilità principali sono la conoscenza delle arti marziali e la capacità di utilizzare svariati tipi di armi. Le sue preferite sono le due inseparabili katane (ammesso che esista il plurale di "katana", ma ne dubito). Durante i suoi primi anni aveva anche in dotazione un interessante congegno che gli permetteva di teletrasportarsi. Credo l'abbia perso, oppure ho perso io l'albo in cui lo dismetteva.
Fin qua già visto, direte voi. Stolti!

Bieco Tentativo

Ciao, sono Deadpool anche io mi sono iscritto al gruppo Facebook di Animeye.
Ecco qui il link, mi raccomando, mette mi piace!.
"Ok, questa volta abbiamo esagerato..."
"A me sembrava una buona idea."
"Raduna le tue cose e vattene."

Deadpool è uno dei più bei personaggi mai creati da casa Marvel! Se vi dicessi che, come Wolverine, possiede il fattore rigenerante? Spiazzate eh? Ma non vi basta ancora vero?
Allora eccovi la bomba!
La genialità di Deadpool non sta tanto nelle sue doti fisiche, quanto invece in quelle psichiche, la nostra rubrica "Rorschach" forse potrebbe tornare utile in questo caso.
Inutile nasconderlo, Deadpool è un pazzo logorroico, cresciuto a film, videogiochi, fumetti e patatine. Come ognuno di voi. La differenza è che lui sa di essere in un fumetto. Già, proprio così, avete capito bene, ne è cosciente e come se non bastasse ne approfitta pure, in casa Marvel l'unico esempio che possiamo fare è She-Hulk e parliamoci chiaro, a chi diavolo piace She-Hulk?!
Non stupitevi se aprendo una qualsiasi pagina lo vedrete conversare con la sua didascalia, nella sua testa convivono sempre almeno un paio di voci, in continui contradditori dialoghi interiori. Spesso e volentieri si rivolge al suo autore infrangendo in mille pezzi la quarta parete, lagnandosi delle scelte di sceneggiatura, come in Italia abbiamo visto fare così bene solo al buon vecchio Rat-Man.
Come ogni mercenario che si rispetti ha un suo personale gadgeteer, di nome Weasel (Donnola), ed una prigioniera che gli funge da perpetua, l'anziana cieca detta Blind Al (Al l'orba).
Deadpool è un ciclone di parole e citazioni (da qui il soprannome che trovate nel sottotitolo), non sta mai zitto e, se siete fortunati, potete anche godervelo mentre sfida Spiderman a chi ne sa di più.
Deadpool è divertente, nuovo, originale e spietatamente stupido. Il fatto che continui, pagina dopo pagina ad entrare ed uscire dal vostro albo, bè, fate attenzione, vi abituerà troppo bene. Tornerete dai vostri fumettini da femminucce e vi chiederete perché mai avete spesso tutti quei soldi per qualcosa di così noioso. Ce lo chiediamo anche noi ad Animeeye.

Ma quello che più di ogni altra cosa piace di Deadpool è il contrasto che c'è tra il senso etico con cui affronta il suo lavoro (tanto da fondare, per breve tempo, una società, la Deadpool Inc.) e la continua leggerezza con cui invece affronta il mondo, nulla è serio per lui, nulla è importante, riesce a raggiungere vertiginose vette di cinismo ma allo stesso tempo vive con estremo disagio il non essere accettato. L'animo di Deadpool è un ottovolante di emozioni, non-sense, orgoglio, cattiveria e umanità.
Sarà sempre un'impresa riuscire a dire se Deadpool è un buono o un cattivo, sembra parente del mitico Long John Silver di Stevenson.
Che altro posso dirvi?
Ah si, la livrea, potete riconoscerlo dalla sua tutina ninja in rosso e nero. Viso coperto. Si, non credo d'avervelo ancora detto, Deadpool è tanto divertente quanto brutto, la sua pelle è un po' sciupata, ha provato con delle creme, ma nulla da fare. Non sto' a dirvi il perché e il per come. Checcavolo, potete anche comprarveli i fumetti, dobbiam sempre far tutto noi?!
Torniamo così al punto fondamentale: cercatelo e compratelo! Deadpool è ancora poco diffuso in Italia, solo adesso si cominciano a vedere con una certa costanza degli albi. Tra questi, i primissimi, e ormai anche piuttosto rari, dovrebbero essere i numeri da giugno a settembre '98 di Alpha Flight (la raggelante versione canadese dei Fantastici 4) in cui troviamo un Deadpool alle prese con l'ever green per eccellenza: Mr. Hulk!

Deadpool - The merc with a mouth Oggi siete fortunati e non ci sono scuse per non leggerlo. Deadpool è in fumetteria proprio in questi mesi con gli inarrivabili volumi de “In viaggio con la testa” e, se siete già un po’ rodati e sapete come funziona il mondo Deadpool, potete spingervi a leggere l’estremo, lo stupendo “Deadpool Corps - Preludio”. Buona lettura gente.