Speciale Esplorando il Corpo Umano

Siamo Fatti Così torna in edicola e si rinnova!

Articolo a cura di

Siamo certi che se chiediamo a chiunque sia nato dagli anni Ottanta in avanti di descriverci come si immagina un globulo bianco, questo ci dirà senza esitare un istante: "un omino con la pancia, tutto bianco, vestito da poliziotto, con una stella gialla e un manganello bianco in mano". E lo stesso vale per i batteri (teppisti nerboruti dalla pelle blu), per i muscoli (una serie di H rosse che fanno addominali a non finire), per il cervello (una centralina ipertecnologica piena di monitor con uno scienziato dalla lunga barba bianca che tiene tutto sotto controllo)...
Il motivo? Semplice: Esplorando il Corpo Umano!
Domani, il 4 febbraio, la De Agostini lancerà sul mercato la ventiduesima edizione della mitica collana di fascicoli dedicati all'educazione dei giovani riguardo il funzionamento e i segreti dell'organismo umano, unendo divertimento e comprensibilità alla più accurata attendibilità scientifica.

Esplorando il Corpo Umano nasce nel 1989 come adattamento della serie animata "Il était une fois... la Vie", conosciuta in Italia come "Siamo fatti così", inventata dal francese Albert Barillé. Barillé, che ha conosciuto la povertà quand'era bambino, e fu costretto a smettere di studiare a soli quattordici anni, aveva creato le sue molte serie di cartoni animati proprio come metodo per fare arrivare la conoscenza di temi anche complessi, come la storia o la biologia, ad un pubblico di tutte le età e di tutte le disponibilità economiche. Il successo, strameritato, è la migliore testimonianza di quanto il nostro buon Albert abbia fatto centro.
Ecco perché ancora nel 2012, dopo 22 edizioni che hanno venduto solo in Italia più di quaranta milioni di volumi e sono state esportate in sedici Paesi, De Agostini insiste nel riproporre le avventure di Pierrot, di Grosso, di Maestro (che altri non è che Barillé stesso... solo con la barba un po' più lunga!) nel loro viaggio allucinante fra globuli rossi, piastrine, linfociti e proteine: come si dice, se non è rotto non aggiustarlo!

Dobbiamo comunque riconoscere che la De Agostini non si è decisamente addormentata sugli allori: se il contenuto dei 72 fascicoli è lo stesso, ben diversa è la musica riguardo a ciò che li accompagna. Innanzitutto i 26 dvd contenenti tutta la serie a cartoni; poi il leggendario modellino da costruire, questa volta nuovo di zecca (l'abbiamo visto: è splendido); un atlante anatomico con tavole in acetato; le schede magnetiche con "penna magica", che si illumina di verde se viene data la risposta giusta, e di rosso se si sbaglia; degli organi "soft touch", per simulare la sensazione tattile di avere in mano il cuore di qualcuno; e una serie di modelli anatomici dei vari organi. Ma la novità principale di quest'anno è un'altra: il 2012 è l'anno del lancio della versione digitale di Esplorando il Corpo Umano, che è disponibile sotto forma di app per iPad, iPod touch e iPhone (che sarà acquistabile al costo di 2,99 euro per scheda tematica, o 19,99 per l'intero pacchetto, mentre sarà gratuita per chi si abbona alla versione cartacea).

La app contiene un modellino tridimensionale del corpo umano, maschile o femminile, e sarà possibile esplorarlo in libertà scegliendo quale sistema, organo o tema, approfondire. Da qui sarà possibile leggere numerose schede tematiche, vedere filmati esplicativi e guardare tutti gli episodi del cartone animato che riguardano l'area selezionata. Gli sviluppatori hanno difeso orgogliosamente il loro lavoro che in effetti, per esperienza diretta, possiamo dire essere davvero ben fatto, denso di contenuti e piacevole da utilizzare.
In occasione del rilancio, davvero in grande stile, di un'opera che non mostra nemmeno un quinto dei suoi anni, apre la mostra intitolata "Esplorando il corpo umano - dai primi disegni alle App", che abbiamo visitato in anteprima solamente per voi. La mostra si terrà da oggi, 3 febbraio, a domenica 19 febbraio, presso la sala TLC del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

Esplorando il Corpo Umano Oltre che mettere a disposizione tutto il nuovo materiale delle uscite a fascicoli, dai modellini alle schede interattive fino anche a due tablet pronte per farvi testare con mano la nuova app, ciò che ci è davvero piaciuto è stato osservare la collezione di disegni preparatori, schizzi, studi e perfino interi storyboard realizzati da Albert Barillé per la sua opera animata: un'occasione interessante per dare un'occhiata ad un aspetto meno conosciuto di un cartone animato leggendario che avrà sempre un posto speciale nel miocardio di ogni nerd.