Speciale I Trimestre 2008: Manga in Italia

Rapporto sulla situazione di questi primi tre mesi

Articolo a cura di

Introduzione

Questo articolo nasce come bilancio sul primo trimestre 2008 con un’occhiata a ciò che è accaduto nello scorso anno. Cosa è arrivato di nuovo? Cosa è stato consacrato? E quali sono stati gli outsider? Ci poniamo allo scadere del primo trimestre proprio per cercare di analizzare al meglio la situazione lasciata in eredità e dare qualche spunto su come sarà questo proseguo di 2008 per gli appassionati dei fumetti.

Occhio al 2007!

Il 2007 è stato l’anno di consacrazione di fumetti come Death Note, Bleach e Fullmetal Alchemist. Mentre quest’ultimo già poteva contare su un background, forte ed apprezzato, come la serie tv, gli altri hanno avuto una vita piuttosto differente: Death Note è arrivato qui come un’autentica sorpresa, ha scalato subito le vette delle classifiche e i primi numeri sono andati esauriti in breve tempo. Bleach, invece, dopo un inizio stentato è arrivato al fatidico punto di svolta, con l’entrata in scena della Soul Society, ha preso il largo e si è assicurato un folto numero di sostenitori. Non si può poi dimenticare Naruto, che forte della trasmissione in TV, ha accresciuto ancora di più la sua notorietà e il suo già grande successo: basti pensare alla quantità di cosplayer che si son radunati all’edizione dello scorso novembre del Lucca Comics per farsi un’idea del successo clamoroso che hanno avuto.
Il 2007 è stato anche l’anno in cui è nata e si è chiusa una serie veramente bella come Otaku Club: Genshiken, che pur non avendo avuto uno strabiliante successo, è riuscita a formare uno zoccolo duro di fan che ha apprezzato le storie così verosimili e divertenti di questi ragazzi-otaku, per alcuni versi così simili a noi.
Si apprestano a concludersi anche le vicende di uno degli shojo più apprezzati dal pubblico (sia maschile che femminile): Fruits Basket.
Hanno visto la luce diversi fumetti, tra i quali storico Cesare di Fuyumi Soryo, già autrice di Mars, dedicato al famoso Cesare Borgia, detto il Valentino, che salta all’occhio per l’ambientazione nel Bel Paese. Peccato che usciranno circa 2 volumi l’anno.
Tra le altre novità iniziate nel 2007 segnaliamo anche Air Gear, del famoso Oh! Great (autore di Inferno e Paradiso), in cui vengono narrate le simpatiche avventure di Ikki e la sua banda, alla ricerca della Via del Cielo. Chi diventerà re?
Dagli autori evergreen si segnala l’alba per Biomega, di Tsutomu Nihei, autore dell’onirico Blame! , e prequel proprio della criptica storia di quest’ultimo; ci mostra come il virus N5S ha portato al collasso la terra, immergendo il lettore in atmosfere cupe ma estremamente affascinanti. Tra gli shojo segnaliamo Full Moon - Canto d’amore di Arina Tanemura, miniserie in 8 volumi che ci racconta la drammatica storia di Mitsuki, ragazzina appena dodicenne che vuol sfondare nel mondo della musica, ma deve fare i conti con un tumore alla gola.
Tra le nuove uscite del 2007 vogliamo segnalare anche esponenti della commedia, come Keroro, di Mine Yoshizaki, che ci catapulterà invece nel simpatico mondo di Keroro, sergente ranocchio, che a capo di suoi simili, cercherà di invadere la Terra.

Una valanga di... ristampe!

E’ tutto rosa e fiori? Tanti fumetti, tante novità e successi annunciati, ma alla fine sembra proprio che il successo più grande probabilmente l’avrà... “la ristampa”. Molte case editrici si sono accaparrate i diritti per ristampe famose, quali Trigun e Hellsing da Jpop. Le case più famose del mercato ci hanno deliziato con annunci ed uscite di ristampe: Dragon Ball Perfect Edition è una realtà consolidata, ora affiancata anche dalla Perfect Edition di Saint Seiya (i famigerati Cavalieri dello Zodiaco). Si possono segnalare anche la ristampa di One Piece, in un formato leggermente più grande della serie regolare e più curato, ma anche l’annuncio della ristampa de Le bizzarre avventure di JoJo, la decennale serie di H.Araki. Per concludere in casa Star abbiamo la ripubblicazione di One Pound Gospel, manga della Takahashi che racconta la storia di un pugile e di una suora. La vera mattatrice di questo speciale angolo delle ristampe è stata la Planet Manga: le ristampe in formato da edicola e le ristampe “Gold Deluxe” per il circolo delle fumetterie di serie, andate velocemente esaurite, quali Bleach, Naruto , Fullmetal Alchemist, Death Note ma anche illustri ritorni come Angel Sanctuary di Kaori Yuki, Inferno e Paradiso di Oh Great! o l’esauritissimo primo numero di Hunter x Hunter.
Se questa invasione di ristampe non può che far felice tutti coloro che non hanno trovato gli albi arretrati, a prezzi decenti, questa notizia non farà la felicità di molti altri che si aspettavano ben più annunci di serie nuove.
Accompagnato al fattore della mancata novità, è impossibile non notare l’aumento dei prezzi. Per alcuni volumi, come per esempio la ristampa del manga Hunter x Hunter c’è un aumento di ben 2€, così come tutte le ristampe presentate partono dai 4.50€ fino ai 5.90€ per l’edizione da fumetteria.
Purtroppo i consumatori sono sfortunati in queste situazioni e pensare a possibili soluzioni diventa difficile, se non impossibile. Non comprare in segno di protesta andando contro alla propria passione appare proprio ingiusto e forzato.
Ci piacerebbe che le ristampe non fossero considerate un lusso e che al tempo stesso fosse data a tutti la possibilità di leggere un fumetto. E’ utopia di noi appassionati?

Primo trimestre del 2008

Nelle grandi aziende si è soliti valutare l’operato mese per mese, ma con grande attenzione anche alle congiunture, cioè le variazioni trimestrali. Proviamo così a dare uno sguardo a questo primo trimestre: che sorprese ci ha riservato? Quali sono stati i fumetti immancabili?
Tra le nuove uscite segnaliamo Fairy Tail, simpatica sorpresa da parte dell’autore di Rave, Hiro Mashima, che ci immerge in uno shonen d’avventura fantasy con chiari rimandi allo stile di One Piece. Iniziano proprio nel mese di marzo ben quattro serie: Crimson Hero, Gundolls, Monochrome Factor e Virgin Crisis. Il primo è uno shojo sportivo che vuol raccontare le gesta di Nobara alle prese con insicurezze e pallavolo. Gli altri due sono targati entrambi Mag Garden, due fumetti fantasy di matrice leggermente diversa. Il primo in atmosfere scolastiche con misteri di vario tipo, il secondo invece ci immergerà in un mondo completamente diverso dal nostro e più adatto a chi cerca viaggi di fantasia.
Virgin Crisis invece prende il posto di Love Celeb ed è infatti della stessa autrice M.Shinju, con una storia di eros, sensualità ed umorismo in un mondo governato da magia e fantasia. La protagonista Miu usa un incantesimo d’amore per avere il suo amato, ma in cambio un demone le chiede la verginità. Cosa farà Miu?
Per le opere più mature, o perlomeno, più drammatiche, vogliamo segnalare Dogs, in uscita per la Planet Manga, un fumetto in cui violenza e futuro difficile sono gli ingredienti. Per questa serie è uscito anche un numero unico che però ha compito di episodio pilota. In ambito horror segnaliamo Variante, manga di Sugimoto, che vede protagonista Aiko, una adolescente che viene prima uccisa e poche ore dopo il suo cuore torna a battere e pian piano il suo corpo si trasforma. Un inizio singolare per questa storia che si prospetta interessante, ma che purtroppo sembra essere un po’ incostante come ritmo.
Sempre in casa Planet, è iniziato I cavalieri dello zodiaco - Lost Canvas, la storia della prima guerra sacra dove i protagonisti saranno Tenma, Doko e Sion. La storia è sempre targata Masami Kurumada, ma c’è da dire che nonostante questi cavalieri abbiano una formula vincente, ormai col passare degli anni e delle serie correlate cominciano a risentire di ripetitività. Purtroppo si sta cercando di sfruttare al massimo questo “brand”, e i risultati tra ristampe, remake e/o sequel non sono quelli ormai irraggiungibili che hanno segnato la serie originale e quindi ci si pone anche la domanda: valeva la pena risvegliare nuovamente i Saint di Athena?
Abbiamo visto il ritorno di serie come Ken - Le origini del mito e Homunculus, anche se per pochi numeri dato che siamo molto vicini alle uscite giapponesi. Mentre questione diversa per Galaxy Express 999 di Matsumoto che, seppur lentamente, si avvia ad avere una regolarità.
Per gli appassionati di Adachi invece si segnala l’uscita di Cross Game, opera ultima del bravo autore in uscita per Flashbook Edizioni, che si appresta a raccontare le gesta di Kō Kitamura alle prese con il baseball e l’amore. Sempre con la consueta bravura e probabilmente con qualche colpo di classe in più dovuto all’esperienza.
Con riferimento alla D/Visual e a tutti gli amanti di questa casa segnaliamo in particolare un altro side story su Devilman (Time Travelers), in cui un disegno molto curato e la consueta violenza, in stile Go Nagai, saranno i migliori ingredienti di questa storia che si colloca a metà della saga originale. Altro arrivo eccellente è la trasposizione cartacea d'annata di Kamen Rider, famosa serie televisiva, che arriva qui da noi con il nome di Masked Rider.

Segnaliamo inoltre una serie di annunci in casa J POP che meritano attenzione, difatti presto vedranno la luce in Italia: 666 Satan di Seishi Kishimoto, fratello del famoso Masashi”Naruto” Kishimoto, My Hime di Ken-etsu Sato, famoso adattamento cartaceo della serie Sunrise omonima e che siamo sicuri conquisterà anche successo anche qui da noi, La carrozza di Blood Harley dell’immenso Hiroaki Samura (autore de L’immortale), ultima sua opera autoconclusiva. Poi a ruota Jackals di Kim Byung Jin, autore di Chonchu; Tom Sawyer, dell’autrice di Lei, l’arma finale, Astral Project dell’autore che ha lavorato ad Oldboy.

I Trimestre 2008: Manga in Italia Ristampe, ristampe e ristampe: purtroppo l’impressione che ci ha dato questo inizio di 2008 è quella di essere un anno ricco di fumetti riproposti. Ciò non è necessariamente un male, perchè si offrirà la possibilità a chi non ha avuto modo in precedenza, di recuperare fumetti meritevoli. Al tempo stesso ci sentiamo di sottolineare l’uscita di veri fumetti immancabili. Purtroppo i migliori annunci o uscite sono arrivati da case editrici minori, che per scarse vendite, sono costrette a proporre i loro fumetti a prezzi più alti della norma. Vogliamo segnalare la chiusura di Manga2000 della Planet Manga, probabilmente una delle collane più interessanti e innovative come offerta prodotti. Per fortuna i fumetti rimarranno in monografico, ma la cosa che più spaventa noi appassionati è proprio la difficoltà che hanno fumetti sperimentali o ricercati ad prendere piede qui in Italia. L’auspicio è allora quello che si cerchi di portare in Italia serie di qualità, piuttosto che preoccuparsi solo della mera vendita. Consci che compito di un’azienda è quello di avere un profitto, cerchiamo di ricordare che si può avere un guadagno anche con una qualità migliore, per far innamorare ancora più persone di questa grande passione che sono i fumetti.