Speciale Il terribile tsunami giapponese

10 giorni fa, uno dei più devastanti terremoti della storia, ha causato uno tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone.

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

testi a cura di Marlen Vazzoler

In questi giorni gli occhi di tutto il mondo sono puntati sul Giappone, colpito lo scorso venerdì 11 Marzo da un terremoto di magnitudine 9 della scala Richter, che ha causato a sua volta uno tsunami che ha spazzato le prefetture nel nord-est del paese.

Da quel giorno, nel resto del pianeta sono iniziate delle campagne per raccogliere fondi capitanate dalla Croce Rossa giapponese, americana, inglese, australiana e canadese per assistere gli aiuti, impegnati in questi giorni nella ricerca delle 15mila persone che mancano all'appello. Ad affiancare le autorità si sono uniti nomi noti dello spettacolo come Lady Gaga e il cantante rock Gackt. Quest'ultimo ha indetto la campagna "Show your Heart" che donerà i soldi raccolti alla croce rossa giapponese, alle prefetture colpite e alla previdenza sociale. Molti artisti e celebrità hanno dimostrato inoltre il loro supporto all'iniziativa postando dei messaggi sul sito ufficiale.
La compositrice Yoko Kanno (Cowboy Bebop, Escaflowne) nata proprio nella prefettura di Miyagi, una delle zone più colpite dal terremoto e dallo tsunami, ha postato su You Tube la canzone "Kimi de Ite Buji de Ite from Kanno Yoko" per supportare le vittime. Anche le doppiatrici che compongono il gruppo Sphere: Minako Kotobuki, Ayahi Takagaki, Haruka Tomatsu e Aki Toyosaki hanno postato sul canale You Tube dell'etichetta Lantis la canzone: "Itsudatte Supporter!" per supportare le vittime. Inoltre le quattro artiste hanno scritto dei messaggi sui rispettivi blog e registrato dei messaggi vocali in cui incoraggiano le vittime di questa enorme tragedia. La campagna promozionale del loro nuovo album: "Spring is here", è stata naturalmente cancellata così come una serie di appuntamenti legati al mondo degli anime, dei manga e dei videogiochi previsti in questi giorni nell'area di Tokyo.
In queste ore di crisi, un aiuto inaspettato arriva anche dalla serie animata di Evangelion che ha dato spunto per una campagna non ufficiale, nominata "Operation Yashima", che cerca di sensibilizzare la popolazione nel conservare l'energia elettrica, attraverso l'uso di Twitter, con dei post che utilizzano il tag "#yashimasakusen110312".
Operazione Yashima è il nome dell'operazione ideata da Misato per sconfiggere il quinto Angelo, Ramiel, che stava trapanando il geofront. Utilizzando un incompleto fucile a positroni costruito con il SDF, alimentato dall'elettricità di tutto il Giappone, lo 01 è riuscito a penetrare l'AT Field di Ramiel e ucciderlo da una lunga distanza. L'operazione ha preso il nome dalla famosa "battaglia di Yashima" in cui Nauno Yoichi colpì con un ventaglio giapponese la freccia che era stata lanciata contro di lui da una grande distanza. Nella realtà la TEPCO (Tokyo Electric Power Company), la compagnia elettrica giapponese, ha richiesto alla popolazione di conservare l'energia per diminuire l'enorme richiesta che ha colpito gli impianti che non possono più contare sulla centrale atomica di Fukushima, colpita dallo tsunami.
Come conseguenza la TEPCO creerà dei blackout programmati, a rotazione, di blocchi di 3/4 ore che si terranno dalle 6 del mattino alle 10 di sera. Le zone più colpite potranno subire due blackout al giorno. Dato che i circuiti non sono separati, tutte le strutture verranno colpite in egual modo. I blackout continueranno almeno fino a fine aprile, ma la compagnia ha suggerito che potrebbero essere reinseriti durante i mesi estivi e invernali per affrontare l'alta domanda di raffreddamento e riscaldamento. I promotori hanno inoltre creato un bollettino sull'"operazione" che usa il logo della Nerv, la finta organizzazione presente nell'anime di Evangelion.
In queste ore il cinema e la televisione cominciano a mostrare i primi segni degli effetti del terremoto e dello tsunami: l'Associated Press riporta che dai cinema di Tokyo è stato ritirato, prima del previsto, l'ultimo film di Clint Eastwood, Hereafter, approdato in 180 cinema giapponesi il mese scorso. Il presidente della Warner Entertainment Japan, Satoru Otani, ha spiegato che mostrare la pellicola in questo momento non è appropriato, ato che il film inizia con una terribile scena che ricostruisce lo tsunami del dicembre 2004 formatosi nell'oceano indiano che ha colpito e devastato le coste dell'Indonesia, della Thailandia, della Birmania, dello Sri Lanka, del Bangladesh, e delle Maldive. Scene viste e riviste in questi giorni nelle riprese provenienti dal Giappone.
L'uscita della pellicola drammatica cinese Aftershock (Tangshan Great Earthquake), diretta da Feng Xiaogang, che racconta il terremoto di Tangshan avvenuto nel 1976, considerato fino a questo momento il terremoto che ha causato più morti nel 20° secolo: 240/255 mila, è stata nuovamente spostata. La prima volta lo slittamento, dal 22 febbraio al 7 marzo, è stato causato dal terremoto che ha colpito la Nuova Zelanda; questa volta la data di uscita è stata spostata dal 26 marzo ad una imprecisa data.
È interessare notare come i dirigenti pensino tutti allo stesso modo. Dopo l'11/9 la scena in cui l'UOmo Ragno in Spider-man si muove tra le Torri Gemelle, grazie alla sua tela di ragno, era stata tagliata dal montaggio finale del film. Una decisione simile è stata presa per il terzo film d'animazione delle Pretty Cure: Precure All-Stars DX3 Mirai ni Todoke! Sekai o Tsunagu Niji-Iro no Hana girato da Takashi Otsuka. Parte della pellicola, la cui uscita è prevista per il 19 marzo, è stata tagliata per eliminare la scena dello tsunami e altri spezzoni che possono far ricordare gli avvenimenti di questi giorni. Il Canale AT-X ha annunciato che cancellerà la replica del decimo episodio dell'anime Oniichan no Koto Nanka Zenzen Suki Janain Dakara ne!!, già trasmesso il 12 marzo, come richiesto dai proprietari, perché si vedono diversi personaggi risucchiati da un'onda gigante, seppur immaginaria. Il canale Animax rimpiazzerà tutte le repliche dell'anime Tokyo Magnitudec 8.0, in particolare il settimo episodio, ambientato in una Tokyo devastata da un ipotetico sisma di magnitudo 8, sarà sostituito da una serie di pochi episodi di Lupin IIII e Kiteretsu Daihyakka.
Infine un'altra iniziativa nata in questi giorni prevede la formazione di un elenco degli artisti appartenenti all'industria dell'animazione, dei manga, del doppiaggio e dei videogiochi che hanno comunicato via twitter o attraverso altri social network che sono ancora vivi, sfatando in alcuni casi voci nate in rete che li davano morti, come è accaduto al creatore dei Pokemon, Satoshi Tajiri.