Speciale Mamoru Oshii

Portfolio su Mamoru Oshii

speciale Mamoru Oshii
Articolo a cura di

Nel variegato mondo dell'animazione giapponese tre sono le figure chiave (non ce ne voglia Satoshi Kon se non lo includiamo nella lista) che hanno portato, nel corso degli anni, allo sdoganamento ed infine al giusto riconoscimento che si merita: in primis Katsuhiro Otomo, che con il suo Akira ha intaccato il muro di preconcetti che tale mondo si portava dietro; Mamoru Oshii con Ghost in the Shell lo ha definitivamente abbattuto; infine la consacrazione con "La città incantata" di Hayao Miyazaki. Dei tre quello più eclettico e fuori dalle righe è sicuramente Oshii e sarà anche il protagonista del nostro speciale.

Consigli di lettura

In questo articolo sono stati trattati solo superficialmente le tematiche oshiiane e la sua enorme filmografia. per tutti gli appasionati del maestro e del buon cinema è consigliata la lettura del libro "Oshii Mamoru - le affinita sotto il guscio" di Davide Tarò.

La vita e le opere

Mamoru Oshii nasce a Tokyo nel 1951; appassionato di cinema e fantascienza sin da piccolo, uno dei suoi registi preferiti è Andrej Tarkoskij col quale in seguito condividerà molte ideologie. Dopo la laurea alla Tokyo Gakugei Daigaku, conseguita nel 1976, inizia a lavorare in una radio come direttore della programmazione. Insoddisfatto, decide allora di seguire la sua passione e l'anno seguente entra alla Tatsunoko di Tatsuo Yoshida, lavorando subito come assistente animatore nella serie Kagaku ninjatai Gatchaman II (La battaglia dei pianeti) e come regista di alcuni episodi della serie Zendaman delle Time Bokan Series. Nel 1978, dopo l'improvvisa morte di Yoshida, molti dirigenti ed animatori lasciano lo studio Tatsunoko, e da questa diaspora nascono la Ashi Production e lo Studio Pierrot, fondato da Yuji Nunokawa e Hisayuki Toriumi, dove dopo poco approda anche Mamoru Oshii. Qui avrà modo di mettersi alla prova e farsi conoscere, arrivando alla regia generale già nel 1981, con il progetto della serie Urusei Yatsura (Lamù la ragazza dello spazio), tratta dal manga di Rumiko Takahashi, di cui dirige ben 128 episodi su 197. Infatti è con questo lavoro che inizia a delinearsi la personalità del "Oshii-autore" ma solo con il secondo film delle serie "Beatiful Dreamer" che tutta l'ideologia "oshiiana" esplode. Come accade in molti casi simili il film sarà un flop al botteghino e verrà apprezzato solo dopo molti anni. Il 1984 è l'anno dei primi videoregistratori ed intuendo il successo della nuova macchina, lo Studio Pierrot realizza il primo OAV della storia "Dallos" diretto da Hisayuki Toriumi e dallo stesso Oshii: è anche il primo lavoro dove possiamo riscontrare i famosi cani robot con gli occhi rossi (in seguito chiamati Kerberos), simbolo distintivo di molte opere successive del maestro. Del 1985 invece è l'opera più controversa e criptica di Oshii, anche la prima ad essere basata su personaggi e sceneggiatura originali, Tenshi no Tamago, dove profondi sono i riscontri con il vecchio ed il nuovo testamento. L'anno successivo è il turno del primo capitolo, con un film live, della serie Kerberos: Jigoku no Banken: aka megane; seguito nel 1988 dal manga Kenrō densetsu e conclusa nel 1991 con un altro live film, Jigoku no banken: kerberos (in occidente Stray Dog). Nel 1988 Oshii entra a far parte del primo progetto multimediale della storia dell'animazione giapponese denominato Headgear, di cui fanno parte anche Masami Yuki, Kazunori Itō, Akemi Takada e Yutaka Izubuchi. Da questo connubio nascerà la serie Patlabor, su soggetto originale di Yuki che ne farà anche il manga, ad Oshii sarà affidata la regia dei primi 6 OAV e dei primi due film. Sarà infatti con il secondo lungometraggio, Kidō keisatsu Patlabor 2 gekijōban, che il nostro raggiungerà notorietà non solo in Giappone ma anche nel resto del mondo. Il 1995 è l'anno della consacrazione definita con l'uscita di Kokaku kidotai (Ghost in the Shell) tratto dal manga omonimo di Shirow Masamune. Nel 1996 scrive e produce un film di fantascienza dal vivo, intitolato Remnant 6, dopo il quale si dedica alla creazione di un suo vero e proprio staff (Team Oshii) con il quale affrontare tutti i progetti ancora nel cassetto. Infatti dopo tre anni di lavoro nel 1999 esce Jin-Roh, di cui Oshii ha scritto il soggetto e la sceneggiatura traendoli dal manga Kenrō Densetsu, per la regia del giovane Hiroyuki Okiura. Gli inizi del nuovo millennio vedono il maestro ritornare a produrre e dirigere film dal vivo stavolta pero' con attori europei e girato completamente in Polonia: Avalon. Dello stesso periodo è anche il romanzo Blood the last vampire: night of the beasts da cui seguirà anche un film dal titolo Blood: the last vampire diretto da Hiroyuki Kitakubo. Finalmente nel 2004 da seguito alla sua opera più famosa, con il ritorno della squadra 9 in "Ghost in the Shell: Innocence", ampliando ulteriormente i temi di "individualità" già affrontati nel primo capitolo.
Sky Crawlers è il suo ultimo film di animazione in ordine temporale vincitore di diversi premi e candidato anche al Leone d'oro alla mostra di Venezia. Nel 2009 è autore del soggetto originale del film "Miyamoto Musashi soken ni haseru yume" e della regia del film live "Assault Girls".

Sinossi - I

Lamu’: Beatiful Dreamer
A causa di un desiderio, espresso quasi involontariamente da Lamù al folletto Mujaki, Tomobiki si ritrova costretta a vivere continuamente la stessa giornata. Nessuno sembra rendersene conto, tranne il professor Onsen. Le cose precipitano però quando tutti gli abitanti della città spariscono, lasciando tutto in rovina, ad esclusione di casa Moroboshi, in cui Ataru, Lamù e i loro amici continuano a vivere, "quasi" normalmente. Affinché tutto torni alla normalità, Ataru dovrà affrontare un bizzarro viaggio all'interno dei sogni.

Dallos
Liberamente tratto dal romanzo “La luna è una severa maestra” di Robert A. Heinelin, l’OAV è ambientato in un distante futuro dove alcuni umani per poter sopravvivere sono costretti ad emigrare sulla luna. Dopo molte generazioni pero’ la situazione precipita, stanchi dei continui sopprusi da parte dei terresti, i coloni lunari si ribellano e si dedicano ad atti di guerriglia. Per contrastare tali atti il governo terreste incarica Alex Riger e le sue truppe formate da pesanti armature e cani robot con temibili occhi rossi di sedare la rivolta.

Tenshi no tamago
In un luogo senza tempo un uomo ed una bambina si incontrano. Il primo porta con se un fucile cruciforme, la seconda un misterioso uovo. Inizia cosi lo strano viaggio attraverso visioni bibliche di questi due personaggi con la speranza, per lui, che l’uovo sia la risposta a tutti i suoi interrogativi mentre per la bambina la fine del suo mondo di solitudine.

The Red Spetacles - Akai megane
Da quando il mondo è caduto nel caos, la polizia di Tokyo è stata costretta a creare una unità di elite denominata Kerberos. La pace sembra ristabilita ma la corruzione è dietro l’angolo e da squadra anti crimine si trasforma in un mero strumento dei potenti. Tre uomini stanchi di tutto cio’, tra cui il capitano Todome Koichi, si ribellano e crcano la fuga, ma solo il capitano riuscirà nell’impresa.
Dopo tre anni di latitanza Koichi torna a Tokyo in cerca di risposte e dei suoi amici. Cosa è successo in tutto questo tempo? Chi è il misterioso fantasma che sembra seguirlo?

Sinossi - II

Ghost in the Shell
In un non troppo lontano futuro l’uomo ha perso quasi completamente il suo lato organico a favore di protesi robotiche che lo rendono un essere superiore. In questo scenario si muove la squadra 9 capitanata dal maggiore Motoko Kusanagi. Insieme ai suoi fidati uomini si mettono alla ricerca di un pericoloso criminale, il signore dei pupazzi, le cui azioni vengono portate avanti da individui la cui esistenza non è altro che un innesto creato dal criminale stesso. Tra scontri a fuoco adrenalinici e meditazione sul senso dell’individualità, i nostri dovranno scoprire la vera identità del marionettista.

Avalon
In un imprecisato futuro una delle migliori fonti di guadagno per i giovani è un gioco online a sfondo bellico, dove per ogni missione portata a termine si vincono dei soldi. Ash è uno di questi videogiocatori e si guadagna da vivere grazie ai crediti che vince al gioco, ma al contrario di quello che avviene nella realtà virtuale, la sua vita reale è monotona e solitaria anche perché si crede responsabile della fine della sua squadra dopo aver cercato di raggiungere un livello segreto del gioco che ha reso i suoi amici dei vegetali. Una nuova possibilità di redimersi dal quel fallimento gli viene donata da una sua vecchia conoscenza che forma una nuova squadra con i migliori giocatori al mondo con lo scopo di raggiungere e superare il misterioso livello.

Ghost in the Shell: Innocence
Alcuni anni dopo la scomparsa del maggiore Kusanagi, un altro caso complesso ed intricato viene affidato alla sezione 9: alcuni cyborg dalla fattezza femminili chiamati ginoidi, si macchiano di omicidi. Le ricerche portano Batou ed i suoi compagni verso la fabbrica che produce tali macchine: la Locus Solus. In un escalation di avvenimenti ed vecchi amici ritrovati la famosa squadra riuscirà nel suo intento. Ma a quale prezzo?

Jin-roh
Nel Giappone che lotta per uscire dal dopoguerra, le prime gemme del miracolo economico convivono con le ultime fiamme dell’agitazione sociale.
Durante uno scontro nelle fogne di Tokyo, una giovane terrorista si lascia esplodere con una bomba davanti agli occhi di Kazuki Fuse, agente della polizia speciale DIME. Fuse è sottoposto a provvedimento disciplinare, ma il ricordo dell'accaduto continua a tormentarlo.Intanto, labirintici giochi di potere vorrebbero lo smantellamento della DIME, ma ai piani alti si mormora dell'esistenza di un'organizzazione parallela al suo interno chiamata Jin-Roh, gli Uomini-Lupo.Quale può essere il ruolo di Fuse in tutto ciò? L'obbediente cane agli ordini del potere? Il lupo sanguinario che riconosce solo i propri simili? Oppure, semplicemente, un essere umano?

Animeye Biographies Uno dei migliori cineasti del panorama nipponico che con le sue opere ha aperto la strada ad una maggiore comprensione degli Anime: non solo come strumento di intratenimento, ma opere a tutto tondo, non solo capaci di far riflettere ma anche strumento di comprensione della nostra società.