Speciale Panty & Stocking with Garterbelt

Mutandine, Calze e Sesso a portata di superchicche.

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

In un'epoca governata dal peccato e dalla lussuria ci sono oggetti ai quali è impossibile rinunciare. Ci sono tipologie di persone dalle quali è impossibile prescindere. Vuole il caso che tali persone e tali oggetti vadano di pari passo. Vuole il caso che tali persone utilizzino tali oggetti come parte integrante del loro essere. Come un tamarro non può fare a meno della propria collana, tatuaggio o maglietta attillata. Come uno sportivo non può fare a meno della propria divisa o tuta di turno. Come un dirigente non può essere tale senza la propria arroganza fusa all'abito d'ordinanza (giacca e cravatta). Come un politico italiano non può ritenersi degno di tale nome se non accompagnato da quel giusto mix d'ignoranza, superbia e scarsa attitudine all'onestà. Ecco che un paio di belle figliole non possono in alcun modo prescindere dalla proprie mutandine e dalle proprie calze; nonché, come buona norma e creanza vuole, una magnum automatica adorna di fiocchetto e un paio di scimitarre debitamente affilate.

Daten City, città del peccato per antonomasia, è presa di mira da orde di demoni che ne minano la pace.
Compito delle due paladine di turno è quello di difendere la città a colpi di mutandine (trasformabili in pistola) e calze (tramutabili in spade). Le varie storielle si susseguono senza l'ombra di un filo conduttore, sviscerando scene volutamente ambigue in cui i due angeli, paradossalmente incarnanti due dei peccati capitali quali lussuria e gola, si dimenano in trasformazioni sexy, scatch a sfondo sessuale e battaglie all'ultimo gemito.
Panty, angelo dalla ribelle chioma dorata, è la personificazione lussuriosa della donna-stereotipo moderna. Non perde occasione di andare a letto col giovine di turno che andrà così ad incrementare il suo contatore di avventure amorose.
Stocking, per contro, è la dark lolita dalla prominente frangetta, golosa fino all'inverosimile di qualunque prelibatezza contente una massiccia quantità di zucchero o simile sostanza dal dolce sapore.
Queste due bellezze, spesso in conflitto fra loro, sono coordinate da Gartelbelt, un prete di colore dalla eccessiva acconciatura afro. Scopo della loro caccia è la raccolta degli heaven, una sorta di moneta celeste con la quale sarà poi permesso ai due angeli di fare ritorno in paradiso.

Le situazioni che vengono prospettate, spesso sono al limite della sanità mentale. Ogni pretesto sembra essere adeguato, purchè sia in grado di dare ispirazione per scene, combattimenti e dialoghi sempre ambigui e provvisti di doppio senso.
Senza lasciare molto spazio all'immaginazione, Panty & Stocking è un anime che non mostra alcun fine e men che meno un barlume di mordente per lo spettatore.
Inutile negare il forte fascino che una coppia formata da stereotipici sessuali suscita; inutile negare la simpatia generata dall'ossimoro angelo-peccato; inutile negare la bizzarria dello stile cartoonesco a mo' di "super chicche".
La serie di tredici puntate risulta inizialmente interessante, proponendo qualche trasgressiva novità rispetto ai soliti canoni che pervadono l'animazione giapponese. Purtroppo, con l'andare del tempo, le cose iniziano a divenire stantie proponendo problemi e situazioni trite e ritrite, facendo perdere anche quella goccia di curiosità che si era instillata all'avvio.
Ovviamente non si può non elogiare un coraggio di fondo in un'opera dall'indubbio trashing che cerca di attirare tutta quell'utenza vogliosa di sesso esplicito che non sia hentai o ecchi.
Tale produzione infatti può essere utilizzata come raccordo fra il mondo pudico e quello libertino dell'animazione, sfoggiando spesso un linguaggio tanto scurrile quanto forte, atto a pompare e iperbolizzare anche le più innocue situazioni, Panty & Stocking è una serie dall'ambiguo fascino non facilmente apprezzabile.

In effetti l'anime in questione può, senza dubbio, essere definito come un prodotto che o lo si ama (difficile) o lo si odia (facile) o gli si è indifferenti (molto probabile).
Si è di fronte infatti a tredici puntate non proprio innovative. Vengono infatti ripresi alcuni tratti caratteristici da varie produzioni pregresse: stile di disegno (Super Chicche), morte dei demoni (Power Rangers), trasformazioni in paladine (Sailor moon e molti altri). Questo solo per citare le più manifeste.
Unica nota di stile degna di essere elogiata è la trasformazione in angeli che le due ragazze compiono: ci si trova dinanzi ad un mutamento dello stile di disegno che evidenzia in maniera carina le curve delle protagoniste mentre si palpano con le mani durante un'accennata lap dance.
Nota di biasimo per la colonna sonora, che non esalta per niente dando una sensazione di già sentito che infastidisce non poco.

Panty & Stocking Beh. Nulla di nuovo da dire. Ragazzuoli arrapati e desiderosi di trash, scurrilità e volgarità a sfondo sessuale riunitevi! Panty & Stocking è qui per voi! Per tutti gli altri invece si consiglia di rimuovere questo titolo dai propri canali uditivi. Nulla di nuovo o interessante: storia assente, personaggi falsamente carismatici ed originali. Senza dubbio tredici puntate di pura follia che escono dalla normalità solo per situazioni non propriamente raccomandabili.