Speciale Zombie Gay in Vaticano

Non ridete, potrebbe capitare!

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Testi di Silvio "Shiruz" Mazzitelli
Conoscete il blog di Davide La Rosa? Se sì, avete la nostra stima e andate al prossimo punto, altrimenti andate subito qui e fatevi una cultura! Fatto? Bravi. Davide La Rosa è il geniale autore di "Fumetti disegnati male" e anche di, come lui stesso dice: "sceneggiature, scritti, foto fatte a casaccio e tutto quello che mi passa per la testa".
Per chi lo segue da tempo sono leggendari i suoi personaggi a cominciare da Dio, sua visione umoristica del sommo Essere alle prese con varie situazioni e controsensi religiosi, di cui il buon Davide ha anche pubblicato due volumi che raccolgono le sue migliori storie per la Casini Editore. 
Tra i personaggi abbiamo anche Papa Sisto I (il tema religioso è costante in "egli"), o le mitiche parodie di Roberto Giacobbo con le quali Davide ha collaborato alla trasmissione Voyager e dove, l'anno scorso, è approdato anche di persona.
Ma non dimentichiamo il trio occhialuto antifascista, l'uomo lapide e molti altri che sarebbe ridondante elencare qui. I personaggi sono tantissimi e tutti veramente divertenti, ma non solo, risultano anche sfaccettati e più intensi di quello che il disegno lascerebbe pensare.
Quindi, miscredenti, vi consigliamo vivamente di fare un giro sul suo blog.

Il fumetto di cui vi parleremo è fresco fresco di presentazione a Lucca (Comics ovviamente). 
Noi siamo i possessori di alcune copie delle 800 distribuite e sparite in soli tre giorni durante la fiera. Stavolta Davide si è limitato alla sceneggiatura lasciando i disegni alla brava Vanessa Cardinali, di cui potete vedere curriculum artistico e disegni su questo link. E' da tenere d'occhio!
La storia, di cui non vogliamo svelarvi troppo, narra di una situazione di crisi al Vaticano proprio durante la selezione del nuovo papa: un gay pride di passaggio protesta contro la difficile situazione della Chiesa nei confronti dei diritti degli omosessuali e si trasforma in un'invasione di zombie (il motivo scatenante non ve lo diciamo). Da qui il nuovo papa, dal nome improbabile, dovrà ricorrere a un'antica forza tenuta nascosta da tutti per riuscire a scongiurare la crisi e salvare il Vaticano!

A chiusura del volume troviamo un divertente omaggio disegnato (nel suo personalissimo stile) da Davide La Rosa, compreso di gioco dell'oca (ma il dado dovete mettercelo voi).
Le battute, ovviamente a tema religioso per la maggior parte, sono il punto forte e si riconosce subito l'umorismo del buon Davide. Il tono non è mai volgare e insiste sull'intelligenza del lettore facendo leva sulle migliaia di contraddizioni della religione, con alcune chicche davvero fuori di testa che vi faranno rotolare dalle risate.
Se siete ferventi uomini (o donne) di Chiesa senza senso dell'umorismo vi consigliamo con ancora più forza di prendere il volume, magari verrete illuminati.

Elogio al disegno di Vanessa Cardinali dal tratto pulito, quasi distaccato che si sposa (gh) bene con il contesto del fumetto. Esso riesce ad incorniciare bene nelle vignette le vicende che si susseguono pagina dopo pagina rendendo il tutto facilmente affrontabile e trovando il giusto equilibrio con la sceneggiatura.
Infine parliamo dell'edizione di questo fumetto. Innanzitutto la casa editrice non c'è, il tutto è autoprodotto dai due autori, dato che visti i temi trattati era dura trovare qualcuno che osasse pubblicare un'opera tanto divertente, ma ciò non influisce affatto sulla qualità. Anzi conferisce al prodotto un qualcosa di "pionieristico".
L'unico problema è che per comprarlo non lo potete trovare in distribuzione in una fumetteria ma dovete contattare direttamente gli autori a questa mail (zombiegayinvaticano@gmail.com) che ve lo invieranno al costo di 7 euro comprese spese di spedizione e con in omaggio una spilla.
Forte, eh?

Zombie Gay in Vaticano Zombie Gay in Vaticano è un fumetto semplice ma efficace che vi strapperà parecchie risate, specialmente se guardate con occhio critico le varie incongruenze che abbelliscono la santa sede da ormai duemila anni circa.