"I Love Anime": collana di libri sugli eroi dell' animazione degli anni '70 - parte seconda

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Questa è la seconda parte della notizia dedicata alla collana di libri "I Love Anime" composta da vari autori che hanno scritto sul successo mediatico che hanno avuto gli anime nella loro prima "invasione" in territorio italiano. In questa seconda parte si parla di Heidi, Lady Oscar, Candy Candy e i Cavalieri dello Zodiaco.

Dal sito Yamato Video:

Heidi

Parla l'autrice Susanna Scrivo

Per quale ragione hai scelto questo personaggio degli anime?

Heidi è arrivata in Italia nel 1978, lo stesso anno in cui sono nata io. Mio padre mi ha fotografata, da piccolissima, incantata a guardarne un episodio davanti alla tv, dunque... la mia è una passione che parte da molto lontano! Inoltre, ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Takahata Isao e di potermi immergere per qualche giorno nella sua grande intelligenza e umanità, esperienza che considero tra le più preziose della mia vita. È un grande onore per me poter scrivere di Heidi, un personaggio nato (o, meglio, "rinato") dalla sensibilità e dal genio di Takahata.

Ci vuoi presentare brevemente il tuo libro?
Il libro offre l'occasione a tutti di ricordare un personaggio amato dell'infanzia (e non solo), di approfondire la conoscenza dell'anime e di tutto ciò che sta dietro la sua produzione, e di divertirsi scoprendo curiosità legate a Heidi e al suo mondo.

Cosa ami del personaggio della serie televisiva?
Heidi è una bambina forte, che affronta ogni difficoltà della vita con l'ingenua sincerità dei bambini. Mi piace la sua dolcezza, l'incredibile empatia che ha con gli animali, la sua infantile irruenza e semplicità. Da un punto di vista tecnico, l'animazione ancora "grezza" di Takahata e Miyazaki, che all'epoca della produzione di Heidi forse non sognavano ancora di fondare lo Studio Ghibli e di realizzare i capolavori successivamente realizzati, possiede in sé tutta l'arte e la comunicatività che contraddistingueranno in seguito i lavori di questi maestri: Heidi piace a me e al pubblico italiano da più di trent'anni, e basta guardarne un paio di episodi per capire perché!

Qual è l'attrattiva oggi di un personaggio anni Settanta, soprattutto per le nuove generazioni di spettatori?

Heidi non porta i pantaloni a zampa d'elefante! Scherzi a parte, il cartone animato di Heidi affronta tematiche sempre attuali, quali lo scontro tra l'infanzia e l'età adulta, ma soprattutto l'amore per la natura e l'amicizia. Questi argomenti, insieme al modo delicato e intelligente con cui vengono trattati, ne fanno un classico dell'animazione per l'infanzia.

 


Candy Candy

Parla l'autrice Elena Romanello

Per quale ragione hai scelto di scrivere di Candy Candy?

Era uno dei titoli previsti della collana e sono stata una fan storica di Candy, per ragioni anagrafiche; avevo partecipato anche al concorso indetto dalla rivista
Telepiù, e collezionato materiale in tema. In tempi più recenti ho aperto uno dei pochi siti internet in italiano dedicati a lei.

Ci vuoi presentare il tuo libro?

Nel mio libro cerco di presentare il personaggio di Candy sia ai nostalgici, inserendo aneddoti e ricordi, sia alle persone più giovani che non hanno avuto modo di vivere la passione per un cartone animato giapponese in un'epoca in cui erano guardati con sospetto. Mentre lo scrivevo pensavo a come lo avrei presentato a mia nipote Stefania, che ha cinque anni, e che prima o poi lo conoscerà.

Manga e anime, cosa ti piace di Candy?

Sono più legata all'anime per ragioni nostalgiche e di
fandom, perché la serie è sempre stata più popolare del manga. Del fumetto di Yumiko Igarashi apprezzo la cura dei particolari e i toni a tratti più adulti del cartone animato.

Qual è l'attrattiva di un personaggio anni Settanta come Candy?

È un personaggio femminile forte, una ragazza che prende in mano la vita, cercando di realizzare i suoi sogni, senza calpestare il prossimo, amando la natura e vivendo in libertà, spesso lottando contro le ingiustizie. Sembra retorico, ma c'è bisogno di una Candy come modello per le ragazzine di oggi: un personaggio non melenso ma che faccia sognare.

 


Lady Oscar.

Parla l'autore Davide Castellazzi

Il motivo per cui hai scelto madamigella Oscar?

In realtà un motivo pratico, quando mi è stato chiesto di scegliere un personaggio Oscar era quello di cui avevo più materiali in casa (e dato che, come al solito, tutto doveva essere fatto in una manciata di giorni...).

Ci vuoi presentare il libro?

Spero sia un libro piacevole da leggere, non un saggio pesante ma un bel concentrato di informazioni sul personaggio e sul mondo che gli ruota attorno.

Manga e anime, cosa apprezzi di Lady Oscar?

Mi piace tutto, anche se ovviamente l'anime è un prodotto più maturo rispetto al manga: di solito avviene il contrario, ma in questo caso Riyoko Ikeda era alle prime armi, quindi i primi capitoli erano un po' acerbi.

Quale attrattiva ha oggi un personaggio degli anni Settanta?

L'attrattiva è che non è un personaggio degli anni Settanta: in altre parole è ancora oggi leggibile o visionabile con grande piacere e interesse. La sua forza sta, oltre che nella storia, nelle vicende storiche e nei personaggi. Le loro personalità sfaccettate sono incredibili. Non solo quella di Oscar. La regina Maria Antonietta viene, giustamente, vista con luci e ombre, proprio come fu la vera Antonietta. C'è più storia nella personalità di un buon personaggio che in mille avventure.

 


I Cavalieri dello Zodiaco

Parla l'autore Roberto Branca

Perché la scelta è ricaduta su questo anime?

Ho scelto I Cavalieri dello Zodiaco perchè è una serie che amo e seguo sin da piccolo, quando li incontrai per la prima volta all'epoca di uno dei passaggi sulle Tv private, e verso i quali ho conservato un affetto speciale nel corso degli anni, arrivando anche ad aprire un sito (www.icavalieridellozodiaco.net) che gestisco dal 2000. Proprio la gestione del sito mi ha permesso di approfondire la mia conoscenza sull'argomento e di apprezzare ulteriormente gli spunti e le tematiche che questa serie offre. Pur essendo all'apparenza uno dei tanti manga "shonen", avventure riservate ai  ragazzi, I Cavalieri dello Zodiaco hanno letteralmente rivoluzionato la storia dei fumetti giapponesi, introducendo nuove tematiche e modificato quelli che fino ad allora erano i luoghi comuni delle serie del genere (come la composizione del gruppo di protagonisti). Offrendo, soprattutto nell'anime, un notevole lavoro di approfondimento psicologico non solo sui personaggi principali, ma anche su quelli secondari e gli antagonisti, che si distaccano moltissimo dai canoni del "cattivo" classico grazie alla dimensione umana che li rende molto amati dal pubblico.

Ci vuoi presentare il tuo libro? 

Il libro è composto di ben 128 pagine di approfondimento, commenti e informazioni, sia per i neofiti che per i fan di vecchia data, con box dedicati alla presentazione degli elementi base, i retroscena poco noti, la diffusione della serie nel mondo e i nuovi romanzi e i manga
spin-off usciti negli ultimi anni. Inoltre, come vuole la collana "I Love Anime", il libro contiene un'ampia sezione con le interviste ai fan, dove si racconta il primo incontro con i Cavalieri e cosa questa serie ha significato per loro. Ciliegina sulla torta, una doppia intervista a Ivo De Palma, storico doppiatore del protagonista Pegasus, e una a Gianluca Bevere, curatore per Panini dei manga Episode G e Lost Canvas.

Manga e anime, cosa ti piace dei Cavalieri?

I motivi per cui amo I Cavalieri dello Zodiaco sono tantissimi, dall'uso della mitologia agli scontri incredibili, dall'aspetto grafico a quello sonoro. Ma la ragione principale è sicuramente la straordinaria caratterizzazione dei personaggi, il loro essere portatori dei più profondi e puri ideali, riuscendo a tenerli alti di fronte a qualsiasi difficoltà. I personaggi dei Cavalieri non appaiono mai monotoni o stereotipati, godono invece di un approfondimento psicologico spesso fatto di dilemmi e conflitti interiori che li rende simili a noi; ciò consente di apprezzare la serie anche quando la trama rischia di diventare un po' ripetitiva.

Yamato Video

Yamato Video