Anime, la dura realtà dei doppiatori giapponesi

di

Kotono Mitsuishi, famosa doppiatrice giapponese che, tra gli altri, ha prestato la voce al personaggio di Misato Katsuragi in Neon Genesis Evangelion ed Excel in Excel Saga, ha esternato la sua opinione, tramite un' intervista, sul mestiere di seiyuu (che in giapponese significa appunto doppiatore) e delle condizioni in cui versano molti suoi colleghi. Le sue parole non sono state per nulla incoraggianti, in quanto sostiene che l' industria non li tuteli abbastanza, compensandoli con paghe mediocri e lasciandoli a sé stessi quando hanno acquisito esperienza, invece di valorizzarli e pagarli di più. La conseguenza di tutto questo, è un abbassamento della qualità dei seiyuu, in un settore, come quello degli anime, che la richiede insieme a molta esperienza. La Mitsuishi afferma inoltre che appena aumenta il costo richiesto da un doppiatore, quest'ultimo viene chiamato di meno, facendo del mestiere un lavoro part-time con salari instabili e poche possibilità di crescere, come è successo a lei stessa, nonostante sia oramai una delle migliori doppiatrici del settore.

Si contano sulle dita della mano infatti, coloro che riescono a vivere solo con il doppiaggio, dal momento che su 1600 seiyuu, circa il 10% di loro sarebbe senza contratto fisso mentre addirittura l' 80% non riesce a far quadrare il bilancio con solo il lavoro di doppiaggio, fatto che costringe a quest'ultimi a trovare altri lavori part-time. I numeri cambiano se si considerano tutte le attrici, idol e talenti provenienti da altri media, arrivando a raggiungere 80,000 potenziali doppiatori. Per diventare seiyuu bisogna iscriversi ad una scuola con tale specializzazione, oppure in una scuola di formazione organizzata da un' agenzia: in Giappone esistono più di 50 scuole per la formazione, anche se, entrando in una di queste, non si ha alcuna garanzia. Nel settore ci sono più di 850 seiyuu che non sono dipendenti della loro agenzia, non avendo un vero contratto. Nonostante siano assunti, non c' è certezza di un impiego a breve, cosi devono partecipare a continui provini anche durante il loro lavoro part-time.
FONTE: job.mynavi.jp
Quanto è interessante?
0
Anime, la dura realtà dei doppiatori giapponesi