Kodansha condannata per diffamazione e multata di 550,000 yen

di
INFORMAZIONI SCHEDA

La Corte del Distretto di Tokyo ha sentenziato che il manga di Atsushi Kase, Zero-sen ha diffamato i diritti di un uomo sfruttando la sua somiglianza e che per questo motivo la casa editrice Kodansha è stata condannata a pagare una multa di 550,000 yen (circa 5,000 euro). In precedenza, il querelante aveva chiesto un risarcimento di 4,4 milioni di yen (circa 40,000 euro).

Il capitolo del manga con la somiglianza è apparso nel numero della rivista di Kodansha, Weekly Shonen Magazine uscito lo scorso 21 ottobre 2009. La corte ha trovato che Kase ha usato una fotografia di una rivista di moda del querelante per disegnare una persona con il look ducktail ed occhiali da sole. L' autore ha etichettato poi il disegno del personaggio come "Leader della gang VIP car 'Oraora'". Oraora-kei è una propaggine di moda dalla cultura yankee dove si nota una pettinatura stilizzata e occhiali da sole. La persona interessata lavora presso una nota azienda di abbigliamento di moda Oraora-kei. La storia di Zero-sen ruota attorno a Toshizō Asahi, un militare della Seconda Guerra Mondiale che è stato letteralmente congelato. Dopo essere stato scoperto da Asahi ed averlo successivamente scongelato ai giorni nostri, diventa un insegnante in una scuola di teppisti. Il titolo del manga è un riferimento all' aereo da combattimento Mitsubishi Rei-shiki Kanjō Sentōki usato durante il secondo conflitto bellico mondiale, meglio conosciuto con il nome inglese di Zero Fighter. Zero-sen è pubblicato su rivista sin dal 2008 ed il settimo volume monografico è uscito a giugno. Il capitolo del manga interessato all' episodio sarà pubblicato nelle copie future con il personaggio disegnato con un look differente. Kase è conosciuto per Chameleon, uno dei primi manga comici che narra di piccoli delinquenti.

Fonti: 47 News, Mainichi Shimbun e Anime News Network
Kodansha condannata per diffamazione e multata di 550,000 yen

Manga

Manga