Marvel Italia, vent'anni dopo

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Vent’anni fa a quest’ora pioveva ed ero in un piccolo ufficio a Mura di Porta Galliera, usando in prestito una stanzina sopra la libreria di Alessandro. Non avevo ancora uno staff, il programma editoriale era indicativo, non avevamo neppure una ragione sociale e dovevo usare la mia partita IVA per gli acquisti, sperando di essere rimborsato. L’ufficio in Piazza Galileo era ancora di là da venire, e men che meno la Casa Rossa della Panini. Eppure, di lì a poco, sarebbero usciti i numeri zero di Marvel Italia, prima a Lucca a marzo e poi in edicola il 2 aprile, il sabato della Pasqua 1994.

E ci sarebbero stati 19 albi al mese, e poi 25, 40 e sarebbero arrivati i comics della Dark Horse, la rivista di Power Rangers, i manga della Kadokawa, Spawn, la Top Cow. Ci sarebbe stata la prima sede gloriosa di Bologna, poi dopo pochi mesi la fusione con Panini, e nel 1996 il trasloco nella sede attuale a Modena, a fianco dello stabilimento delle figurine Panini, e nel 1999 il passaggio di proprietà, non più parte del gruppo Marvel ma casa editrice italiana indipendente. Poi nel 2000 avremmo iniziato a usare il nome e il logo Panini Comics, e negli anni saremmo cresciuti fino a oltre 100 titoli al mese, fino a Star Wars, ai romanzi, fino a Topolino e agli eroi Disney.

Ma vent'anni fa in quel gennaio 1994 tutto questo era di là da venire, non era neppure un sogno, o una fantasia. Era il futuro, che se crediamo in teoria del tempo non lineare, coesisteva con quel presente e con tutti i presenti nel mezzo. Era la voglia di fare fumetti in un modo nuovo che invadeva la realtà e diventava qualcosa che in vent'anni è sempre cresciuta e che ora è diventata - e non ho paura di smentite - la maggiore realtà italiana di fumetto e pubblicazioni illustrate.

E' con grande emozione che inizio a parlare in questo ANTEPRIMA dell'anniversario dei nostri 20 anni. Ci saranno chissà quanti altri pezzi, interviste, foto, post. Festeggiare due decenni di una casa editrice salutata al suo esordio con "questi non durano sei mesi" fa sempre un po' effetto, e una carrellata sui volti, i personaggi, gli avvenimenti, le emozioni di questa vera e propria "vita" andrà fatta più e più volte, scavando nella memoria, negli archivi, nei ricordi, e trovando ogni volta nuove cose da dire e da raccontare.

Nelle pagine seguenti troverete la prima, grande ondata di pubblicazioni celebrative. Venti copertine variant di venti disegnatori italiani targati Marvel, ognuna dedicata a uno di questi anni e a quella che fu all'epoca la pubblicazione più importante, l'albo più emblematico. Proprio oggi abbiamo iniziato il giro di chiamate ai disegnatori, e l'entusiasmo e l'orgoglio di ognuno di loro era palpabile. In questi anni abbiamo fatto un pezzo di storia dell'editoria italiana, del mondo del fumetto, abbiamo accompagnato ognuno di voi per un mese o un anno o per molto di più. E' il momento di alzare i calici, e brindare. Buon 2014. Buona lettura. Buon ventennale.

-MML
Panini Comics

Panini Comics