Nuova intervista on-line ad Hayao Miyazaki

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Il maestro Hayao Miyazaki si è concesso per un altra intervista fattagli al Foreign Correspondents' Club of Japan di Tokyo e che è stata riportata dal sito Nanoda.com. Ringraziamo il sito ANIMECLICK per aver diffuso la notizia, ve ne riportiamo uno stralcio: per il resto andate su Nanoda.com

Un po' imbarazzato dai media, Miyazaki-Sensei (così viene chiamato Hayao Miyazaki dai media giapponesi) è stato molto abile nel dialogo, dribblando alcune domande con simpatia e un pizzico di provocazione.

Abbiamo già parlato delle opere di Miyazaki nell'intervista a Lucky Red, di Ponyo e del recente completamento del doppiaggio italiano de Il Vicino Totoro a cura di Gualtiero Cannarsi. Quello che qui ti proponiamo è un estratto dell'intervista, a cura del nostro collega James Hadfield di twitchfilm.

Gake no ue no Ponyo

Quando io e il mio staff ci siamo riuniti per la produzione di Ponyo (Gake no ue no ponyo), abbiamo scoperto che uno di loro aveva appena avuto un bambino. Pertanto, nella produzione di questo film, i membri del personale sono stati motivati a fare qualcosa che sarebbe stato proprio il primo film che quel bambino avrebbe visto.

Miyazaki e il nazionalismo

I problemi del mondo derivano dal fatto che il nazionalismo ritiene che tali problemi siano dovuti alla multietnicità. Quindi, nel mio caso, io non voglio creare film dove la pace si realizza quando la gente distruggere il male. Credo che, quando si fa film, bisogna essere ben consapevoli del fatto che tutti i problemi che esistono, esistono intrinsecamente in noi stessi, all'interno della vostra società e tra i nostri familiari. È possibile che la città o il paese che noi amiamo possa trasformarsi in qualcosa che non va bene per il mondo intero. Questo è qualcosa che abbiamo imparato dal passato della guerra, ed è una lezione che non dobbiamo dimenticare.

Dopo la pausa di Miyazaki parla del suo successo commerciale, delle sue ispirazioni e di Pixar.

Domanda: Ci sono casi in cui registi 'sentono' che c'è qualcosa di buono che si può creare; ciononostante, questo non è quello che poi vendono. Avete mai sentito questa pressione? E se sì, come avete gestito la situazione?

Miyazaki: Il processo di creazione di opere d'animazione non è solo una questione di sforzo individuale. C'è un sacco di lavoro che va a gravare su gruppi di molte persone - ognuno di loro si impegna moltissimo. Sarebbe quindi davvero spiacevole e irritante se [il film] poi non si dimostrasse redditizio. E se qualcosa non è redditizio, la gente non lo produce, perché non vuole un risultato fallimentare. Sento mia la responsabilità di avviare un lavoro in cui tutti si sentano coinvolti. Se non ci si dispone in tale atteggiamento, non c'è senso nel lavoro dello studio di animazione. Quindi, per rispondere alla domanda se sento questa pressione, la mia risposta è no!

Domanda: E' capitato molte volte in passato che si pensasse che la sua intenzione sia quella di andare in pensione non appena completato il suo ultimo film. Come mai cambia idea ogni volta? Ha in programma di farlo o ha in produzione altri film?

Miyazaki: Mi sento già in pensione. Penso che è meglio per me vivere questa sensazione di tanto in tanto. La buona volontà delle persone che ruotano intorno a me mi permette di lavorare. Quando si crea un film si va incontro ad un compito rischioso - anzi, stiamo cercando i rischi. Ecco perché facciamo film. Una volta terminato di fare un film, sono completamente esausto. E così mi pare di non trovare le forze di farne un altro, o che non mi sarà possibile affrontare nuovamente lo sforzo. Già, ogni volta che ho finito un film, l'ho detto. [che avrei voluto andare in pensione]. Ma sembra che io l'abbia detto troppe volte, da questo momento in poi mi asterrò da fare queste dichiarazioni.

Domanda: Sembra esserci un forte tema ambientalista nei suoi film. Parallelamente a ciò, alcuni filma sono intrinsecamente ottimisti, ma altri sono più pessimistici. Quali sono le sue opinioni sull'ambientalismo nel nostro paese? Si sente ottimista guardando al futuro, o più pessimista?

Miyazaki: Sono molto pessimista, e quindi al tempo stesso, so che deve seguire per forza un periodo ottimistico. In altre parole, la cosa a cui meno aspiro in assoluto è diventare il Primo Ministro del Giappone. Si tratta di un lavoro deprimente, perché non è possibile dire la verità alle persone che non vogliono sentire la verità. Credo che le persone imparano solo quando le cose si mettono male. Questo paese consuma più di quello che produce: è in grado di supportare al massimi 32 milioni di persone. Gli altri si guadagnano da vivere con la creazione di automobili o di opere d'animazione. Questa struttura, nella quale non abbiamo autosufficienza alimentare e persino il nostro abbigliamento intimo è fatto in Cina, è il centro dell'incertezza della nostra Nazione. Ora, guardando questa struttura, mi rendo conto che è impossibile cambiare drasticamente. Sarà quindi necessario un cambiamento graduale. Ma altresì è necessario molto tempo per arrivarci: se si procede troppo lentamente nell'attuazione di queste modifiche, non posso dire di essere fiducioso nella nostra opera di allontanare la fine della civiltà.

Domanda: Lei ha ricordato che non si prende la briga di fare un film se non è convinti che sia redditizio. Hai mai avuto un esito negativo, da questo punto di vista, nei suoi film? E se sì, come hai reagito?

Miyazaki: Per un certo periodo di tempo, ero fermamente convinto che le nostre opere d'animazione non sarebbero state un successo commerciale. Durante questo periodo, ho pensato che ciò era attribuire al mio modo di lavorare, ma non vi era alcuna intenzione, da parte nostra, di cambiarlo. E' stata una coincidenza che il nostro piano di produzione per 'Il vicino Totoro' (Tonari no Totoro) sia stato approvato. E 'stato quasi come trovare un ago in un pagliaio. A giudicare dal senso comune del cinema giapponese dell'epoca, credevo che la pellicola non avrebbe mai trovato un pubblico ricettivo.

Domanda: Vorrei parlarle del dopoguerra in Giappone. Prova nostalgia del periodo successivo alla seconda guerra mondiale? Se no, c'è un altro periodo storico che le suscita nostalgia?

Miyazaki: Ho fatto molte ricerche per comprendere quale fosse il periodo migliore. Ho cercato scoprire se c'era un punto dove avremmo dovuto fermarci. E mi sono reso conto che era impossibile fermarsi. Per esempio ci sono persone che provano nostalgia per gli anni 30 del Periodo Showa - è il periodo compreso tra il 1955 e 1965. Le persone si illudono che le cose migliori siano avvenute in quel periodo, ma in realtà è stato un periodo molto infelice ... Ho compreso solo ora che, per noi, il paradiso risiede nei ricordi della nostra infanzia. In quei giorni eravamo protetti dai nostri genitori ed eravamo innocentemente incoscienti dei tanti problemi che ci circondavano. Pertanto, quando si cerca il paradiso, è necessario tornare con la memoria alla propria infanzia.

Domanda: Molte persone, oltremare ma anche in Giappone, vedono Lei e il suo Studio come una sorta di artigiani dell'animazione. Il suo Studio ha avuto successo anche all'estero. Nonostante questo, non vi è stata una spinta verso la produzione in computer grafica, come fanno ad esempio gli studios di Pixar. Cosa pensa di questo loro contributo per l'artigianato dell'animazione oggi? E' onesto o sincero quello che Lei stai facendo in Ghibli?

Miyazaki: John Lasseter di Pixar è un mio amico - non solo un amico, ma un amico molto vicino - e così lo è Nick Park di Aardman Animations in Inghilterra. Guardo gli sforzi che fanno, e ho l'orgoglio di essere probabilmente la persona che più di tutte è in grado di comprendere i loro sforzi. Riesco a capire gli sforzi che fanno così come le loro paure - la paura di capire se ciò che stanno facendo sarà accettato o meno. Non che condividere questo sentimento con loro. Per quanto riguarda il mio disegnare 'con la matita', John Lasseter stesso ha detto che, dal momento che siete in grado di disegnare, dovremmo proprio fare questo. Quindi penso che stia apprezzando quello che stiamo facendo. Questo è il mondo dell'animazione: opere create da amici.

Domanda: I Suoi lavori sono famosi in tutto il mondo. Lei prende in considerazione questo 'appeal' internazionale durante la realizzazione dei sui film? Pensa che vi sia una differenza tra quello che appassiona il pubblico giapponese e quello internazionale?

Miyazaki: Non lo so. Quello che faccio è guardare i bambini di fronte a me. Ma ci sono casi in cui non riesco a vederli, e in questi casi finisco per fare film per persone di mezza età. Quel che è necessario, però, è guardare ai bambini. La nostra animazione è possibile perché, al momento, la popolazione giapponese ammonta ad oltre 100 milioni di persone. E' grazie a questo che siamo in grado di produrre un'operazione che sia redditizia, e vediamo l'internazionale [il successo] come un bonus che può essere anche preso in considerazione successivamente. Ma quello che dobbiamo fare è guardare la società giapponese e i bambini giapponesi - ma, soprattutto, i diritti dei bambini che abbiamo di fronte a noi. Se siamo in grado di farlo correttamente, allora riusciremo a creare qualcosa di interesse universale e, forse, di grande impatto in tutto il mondo.

Domanda: Nei Suoi film, mi sembra di scorgere due pesi e due misure, una sorta di doppia personalità - le persone sono allo stesso tempo grandi e malvagie. Potrebbe illustrarci le modalità con cui concepisce i suoi personaggi?

Miyazaki: Io credo che i film non debbano essere fatti per un temporaneo senso di catalisi. In altre parole, essi non dovrebbero essere come i film d'azione, dove le cose hanno un lieto fine solo dopo aver tagliato a qualcuno a metà o dopo avergli sparato. Non è questo il tipo di film che vorrei fare e, anche se lo dovessi aver fatto, non sarà questo ad essere ricordato. Quello che cerco è un mondo che non sia mai stato visto prima, ma che nel contempo è qualcosa di bello e accettabile per i bambini.

Domanda: Sembra che la maggior parte delle vostre produzioni sia dedicata ad un pubblico giapponese, ma quello che mi viene in mente quando guardano alcuni dei suoi film è che le impostazioni mi ricordano luoghi che ho visto durante i miei viaggi in Europa. In particolare nell'Europa centrale e orientale. Mi chiedo, dato il suo calendario così fitto di impegni, se ha la possibilità di viaggiare in tutto il mondo, e come otttiene le idee per le impostazioni dei suoi film
...

Hayaomiyazaki

Hayaomiyazaki
  • Casa Editrice: Non disponibile