Nuova proposta del governo giapponese per l' 'Anime Hall of Fame'

di

Il governo giapponese ha proposto una nuova joint venture per sostituire la precedente proposta, cancellata, del centro nazionale delle arti mediatiche, la controversa proposta, meglio conosciuta come "anime hall of fame". Il Ministro dell' Educazione, Cultura, Sport, Scienza e Tecnologia ha ufficialmente tolto il precedente progetto lo scorso mese dopo che il Partito Democratico del Giappone (DPJ) ha rimosso il Partito Liberale Democratico (LDP) dal potere per la seconda volta in 54 anni.

La nuova proposta include le risorse di 16 istituzioni della ricerca e altre fonti per raccogliere e mostrare le opere, nonché la ricerca condotta. Con la collaborazione delle istituzioni mediatiche dell' Unione Europea (EU), la nuova proposta richiede un budget di 250 milioni di yen (circa 2,3 milioni di dollari) all' anno, confrontata con quella di 11,7 miliardi di yen (132 milioni di dollari) di cui la vecchia proposta aveva bisogno per costruire un nuovo progetto da zero. 25 millioni di yen (circa 280.000 dollari) andrebbero per i canoni annui di locazione e le spese di funzionamento dei diversi impianti. La joint venture pianificata avrà come obbiettivi cinque principali campi di intrattenimento: anime, manga, film, giochi e le "arti mediatiche". Tra le 16 università e le organizzazioni che contribuiranno al progetto ce ne saranno anche tre in Australia e nell' Unione Europea. Invece di costruire un nuovo edificio di sana pianta, la proposta utilizzerà gli spazi già esistenti. Per esempio, il Kyoto International Manga Museum ed altre istituzioni potrebbero mostrare le opere, mentre il Tokyo Anime Center nel distretto dello shopping degli otaku ad Akihabara e zone simili, potrebbero diffondere le informazioni.

Durante una conferenza di agosto che il ministro tenne per la proposta precedente, la mangaka Machiko Satonaka (Lady Ann) ha avvertito che senza una buona conservazione, i vecchi manga, si sarebbero deteriorati e resi illeggibili in un secolo.

 

Le istituzione coinvolte nel progetto sono le seguenti:

Giochi:

•Computer Entertainment Supplier's Association (ricerca)


Anime:

•Tokyo University of the Arts (ricerca e formazione)
•Suginami Animation Museum (mostre)
•Tokyo Anime Center (diffusione informazioni)


Manga:

•Kyoto International Manga Museum (mostre)
•Meiji University (ricerca e mostre)


Istituzioni internazionali (ricerca e mostre):

•Australia
•Germania
•Olanda

Arti mediatiche con l' uso di CG ed altre tecniche avanzate:

•Yamaguchi Center for Arts and Media (mostre)
•Tokyo University (ricerca e formazione)

Film:

•The National Museum of Modern Art, Tokyo's Film Center (conservazione e restauro)
•Nihon University (ricerca e formazione)

 

Fonti: Yomiuri Shimbun e Anime News Network

Nuova proposta del governo giapponese per l' 'Anime Hall of Fame'

Anime Jap

Anime Jap