Planeta DeAgostini presenta l' edizione fumettistica del romanzo Chéri-Bibi

di
INFORMAZIONI SCHEDA

La casa editrice Planeta DeAgostini non si smentisce mai quando c' è da acquisire un titolo blasonato e di alta qualità. Stiamo parlando di Chéri-Bibi, il fumetto ispirato all' omonimo romanzo di Gaston Leroux, autore de "Il fantasma dell' Opera", titolo che ha goduto negli anni, di molti adattamenti televisivi e cinematografici. Il fumetto è stato realizzato dal duo Pascal Bertho e Boidin, il primo si è occupato dei testi e il secondo della realizzazione dei disegni.

Chéri-Bibi cerca vendetta

Jean Mascart si innamorò di Cécily Bourrelier a prima vista. Aveva solo 16 anni, ma non appena vide il volto della ragazza, il suo cuore cominciò a battere all'impazzata. E quell'amore è stato ciò che ha dato impulso e senso a tutta la vita di Jean. Poi, le circostanze hanno trasformato Mascart in Chéri-Bibi, ossia il detenuto 3216, il più temuto di tutti. Il suo amore per Cécily è rimasto inalterato, ma non la sua purezza, il suo candore, stravolti da anni di dolore e da un'insaziabile sete di vendetta.

La storia comincia con la famiglia Mascart alle dipendenze dei Bourrelier. Con Jean che si innamora perdutamente di Cécily e che diventa macellaio solo per poterla vedere ogni giorno mentre fa la spesa. Prosegue poi con il padre di Cécily che combina un matrimonio d'interesse tra la figlia e un giovane commissario di polizia; con Cécily stessa che, singhiozzante, si rifiuta di accettare un simile futuro. E si conclude con uno sfortunatissimo incidente che fa ingiustamente ricadere su Jean l'accusa di due omicidi. Jean viene così deportato dalla Francia fino alla lontana Cayenna, condannato ai lavori forzati, su una nave a bordo della quale si forgia la leggenda di Chéri-Bibi, un uomo tormentato, un'anima a pezzi in cerca di giustizia, il leader della rivolta che sovvertirà l'ordine sull'imbarcazione.

Chéri-Bibi viene chiamato "il mostro", un nome che fa tremare i polsi al solo sentirlo. Malgrado sia ancora un uomo onesto, non ha più niente da perdere e agisce di conseguenza. Chéri-Bibi viene seguito come un'ombra da un altro personaggio, il commissario Marcantonio. Per lui, catturare l'evaso è più una questione personale che un semplice caso da risolvere: Marcantonio si è infatti costruito una reputazione come rispettato poliziotto proprio per aver catturato Jean. Attraverso una serie di flashback, conosciamo il passato di Chéri-Bibi, questo moderno conte di Montecristo, questo Sweeney Todd (tanto per fare qualche accostamento con altri personaggi fantastici) in cerca di vendetta.

Chéri-Bibi è uno dei tanti esempi di adattamento a fumetti di un celebre romanzo. L'autore, Gaston Leroux, passato alla storia per essere anche il creatore de Il fantasma dell'Opera, ha scritto e pubblicato le storie di Chéri-Bibi nella sua natale Francia tra il 1913 e il 1925. Quelle stesse avventure sono state adattate in numerose occasioni anche per il cinema e la televisione. Ora Pascal Bertho (testi) e Boidin (disegni) aggiungono il loro piccolo contributo al mito di Chéri-Bibi trasformandolo la storia di Jean Mascart in un fumetto. Chéri-Bibi è l'ultima eccelsa opera della scuola franco-belga che Planeta DeAgostini offre ai propri lettori, in questo caso in un unico volume che raccoglie i tre numeri di cui si compone la serie originale.

Planeta DeAgostini presenta l' edizione fumettistica del romanzo Chéri-Bibi