L'Attacco dei Giganti 4: analisi del trailer e aspettative sul finale

Lo studio MAPPA lavorerà a L'Attacco dei Giganti 4, stagione conclusiva del noto anime. Il primo trailer è ricco di indicazioni sul cosa aspettarsi.

anteprima L'Attacco dei Giganti 4: analisi del trailer e aspettative sul finale
Articolo a cura di

WIT Studio ci ha fatti appassionare per anni grazie alla sua trasposizione de L'Attacco dei Giganti, manga di Hajime Isayama. La loro ultima fatica si è conclusa lo scorso anno con L'Attacco dei Giganti stagione 3 Parte 2, che terminava con un teaser trailer che annunciava l'arrivo di una stagione finale. Dopo quasi un anno di attesa senza notizie ufficiali ma tante indiscrezioni sulla produzione, sono finalmente arrivati il trailer di L'Attacco dei Giganti 4, immagini e novità sullo studio incaricato della produzione. Il series finale sarà infatti nelle mani di MAPPA, che sostituisce WIT.

Al di là del mare

Un falco vola nel cielo azzurro librandosi al di sopra di una landa che non abbiamo mai visto. Un ragazzino è a terra, con la vista sfocata e al limite delle energie mentre con la mano destra cerca di afferrare quel volatile, il quale grazie alle sue ali può sfuggire alla battaglia sottostante. Il trailer di L'Attacco dei Giganti stagione 4 ci introduce in modo immediato a una situazione completamente nuova . Non ci sono più spade e dispositivi di manovra tridimensionali con scontri volanti, bensì assistiamo a una battaglia che ricorda quelle dei primi del ‘900.

Una serie di soldati vestiti con colori chiari passa di trincea in trincea tentando di assediare un forte situato su una collina. L'azione si fa subito vibrante e coinvolgente a causa dei rumori e della frenesia della guerra nonostante non riconosciamo nessuno dei personaggi inquadrati. Il mondo è cambiato, con Reiner Braun e Zeke Jaeger nuovamente nella loro terra natia al comando di alcuni plotoni.

Ma a metà, il trailer di L'Attacco dei Giganti 4 cambia completamente ritmo e punto di vista facendoci tornare al caro vecchio Eren Jaeger e a tutti i protagonisti che conosciamo da tre stagioni. La sequenza finale è composta da un insieme di scene esageratamente spoiler nella piena tradizione giapponese, incentrate sugli avvenimenti fondamentali della stagione.

Il passaggio di consegne tra WIT e MAPPA

Nel trailer appare anche qualche altra informazione fondamentale anche se non correlata direttamente alla storia di L'Attacco dei Giganti: lo studio di produzione. Dopo tre stagioni e tre film riepilogativi siamo arrivati ai saluti di WIT Studio. A prenderne il posto sarà lo studio MAPPA, diventato famoso negli ultimi anni per Inuyashiki, Kakegurui e Dororo. In questo momento i nuovi animatori si stanno concentrando anche su altri prodotti in arrivo nelle prossime stagioni, ovvero The God of High School e Jujutsu Kaisen.

Sarà questo il primo banco di prova per L'Attacco dei Giganti 4: con MAPPA impegnato su più fronti sarà fondamentale lavorare con i tempi giusti per inserire tutta la cura possibile su ogni episodio. Naturalmente questo problema vige solo se l'anime arriverà a ottobre 2020, cosa tutt'altro che confermata. Un cambio di studio in ogni caso rimarrà traumatico per gli spettatori, specie se vengono apportate troppe modifiche. Partendo dalle musiche, MAPPA ha portato in dote Kohta Yamamoto che sarà però affiancato dal solito Hiroyuki Sawano, autore delle apprezzatissime colonne sonore delle scorse stagioni. Sawano sarà uno dei pochissimi elementi presenti dello staff precedente e avrà quindi il compito di fare da legante con le musiche che ci accompagneranno in questa stagione.

Nel comparto visivo invece non avremo nessuno dei nomi di spicco che hanno portato avanti le altre stagioni di L'Attacco dei Giganti, oltre il direttore delle animazioni Hiroshi Sakai. Yuichiro Hayashi, regista, e Tomohiro Kishi, character designer, hanno da poco concluso le loro fatiche su Dorohedoro e torneranno a lavorare insieme su questo progetto. A livello di design, Kishi non ha avuto lo stesso ingrato compito che toccò a Kyoji Asano con le prime stagioni, dove quest'ultimo dovette adattarsi allo stile di disegno ancora acerbo di Isayama. In quest'ultima parte i personaggi tratteggiati dal mangaka sono diventati un'ottima base per l'anime, semplificando in qualche modo il lavoro di Kishi.

Dal punto di vista della regia, Hayashi si è dato da fare già dal trailer, proponendoci scene frenetiche e ben orchestrate. Qualcuna, peraltro, strizza furbamente l'occhio a scene e sigle delle prime stagioni de L'Attacco dei Giganti. Non ci si può ancora sbilanciare molto sulle animazioni mentre si notano alcuni cambi stilistici nell'uso dei colori e delle luci. In questi mesi rimarrà però la preoccupazione di non vedere animazioni all'altezza: oltre ai dubbi sull'effettivo montaggio del trailer de L'Attacco dei Giganti 4, lo studio MAPPA ha fatto riscontrare in alcune produzioni precedenti un calo di qualità nella seconda metà del lavoro. Questa pecca va assolutamente corretta considerata l'importanza di questa stagione nel panorama degli anime.

A te, tra 25 episodi

Un altro ostacolo da superare sarà quello di riuscire ad accorpare la storia rimanente negli episodi senza tagliare o velocizzare più del necessario. Hajime Isayama sta ancora lavorando attivamente su L'Attacco dei Giganti nonostante lo stop per Coronavirus della rivista e ha rivelato di voler terminare l'opera entro la fine del 2020. Al momento, il fumetto è nel pieno del volume 32 che potrebbe essere il penultimo della serie. Pertanto, se si concretizzasse l'ipotesi della fine col tankobon 33, significherebbe che questa stagione finale dell'anime dovrà adattare la bellezza di 11 volumi.

Non sappiamo ancora se L'Attacco dei Giganti 4 sarà composto da 25 episodi oppure se è in programma un conteggio diverso, ma con tutto questo materiale del manga da adattare è impensabile che il numero sia minore. Ad esempio, la prima stagione traspose con 25 episodi i primi 8 volumi, mentre la scorsa ha proposto in 22 episodi i tankobon dal 13 al 22.

Tuttavia lo studio MAPPA saprà già cosa aspettarsi dal finale dato che probabilmente Isayama concluderà l'opera entro fine 2020. Sotto questo punto di vista, anche l'apporto dell'autore nell'indirizzare le fasi finali della produzione sarà fondamentale.

L'Attacco dei Giganti - Stagione 4 Siamo sicuri che L’Attacco dei Giganti stagione 4 sarà un buon prodotto dal punto di vista della storia e delle animazioni, ma per un anime di questo calibro è necessario dare il massimo per raggiungere nuove vette. Non sarà facile per lo studio MAPPA pareggiare le abilità dello studio WIT che, al netto di alcuni sporadici inciampi, ha consacrato il manga di Hajime Isayama.