Netflix

Heaven Official's Blessing: primo sguardo all'anime donghua su Netflix

È da poco arrivato su Netflix Heaven Official's Blessing: analizziamo il primo episodio della nuova serie fantasy.

Heaven Official's Blessing: primo sguardo all'anime donghua su Netflix
Articolo a cura di

Tra le varie produzioni targate Netflix in arrivo quest'anno, abbiamo puntato gli occhi su una che non è co-prodotta dal colosso dello streaming: Heaven Official's Blessing. Quello che ci ha colpiti maggiormente è il contesto: infatti, la serie è ambientata in un mondo fantasy tra divinità e creature demoniache, elementi che potrebbero essere un più che valido motivo per portare a termine la visione.

Prima di iniziare la nostra analisi del primo episodio, vogliamo chiarire che Heaven Official's Blessing non è un anime, bensì un donghua: non c'è molta differenza tra i due media, salvo che con anime intendiamo prevalentemente produzioni animate giapponesi; mentre con donghua si indicano quelle cinesi. Infatti, il titolo è l'adattamento di un romanzo cinese ispirato alla mitologia asiatica. Scopriamo, dunque, più nel dettaglio se l'episodio iniziale di Heaven Official's Blessing è riuscito a conquistare il nostro interesse, e se volete tenere d'occhio le produzioni animate vi consigliamo di leggere gli anime Netflix in uscita ad aprile 2021.

Divinità e demoni

Il pilot di Heaven Official's Blessing si apre in maniera abbastanza enigmatica: una sposa viene aggredita da una misteriosa creatura simile ad un non-morto, mentre è trasportata su una portantina in una foresta oscura.

La scena si sposta nel Regno Celeste, dove appare una colonna di luce, segno che una divinità sta ascendendo. Si tratta di Xie Liang, noto come Principe Ereditario di Xian Le, il quale, però, è conosciuto soprattutto per essere stato esiliato ben due volte dal regno, e il suo nuovo ritorno potrebbe essere segno di sventura. A quanto sembra, il protagonista è perseguitato dal suo oscuro passato, ma nel corso della puntata non vengono fornite le giuste informazioni per capire esattamente cosa sia successo. Ciononostante, si ha modo di scoprire che è stato il più giovane Ufficiale Celeste (nome usato per indicare le divinità) ad ascendere ai Cieli, per volere dell'Imperatore. A seguito di motivazioni non ben specificate, Xie Liang è stato bandito per ben due volte, ed ora non ha più fedeli che lo venerano o templi a lui dedicati. Nonostante ciò, quando Xie Liang è asceso per la terza volta, trova ad accoglierlo Ling Wen, la quale gli mostra i danni che ha causato al suo arrivo, da palazzi distrutti, a campane divelte che hanno rischiato di ferire divinità.

Per rimediare al suo errore, il protagonista dovrebbe pagare una somma che non può permettersi, ma in alternativa può esaudire le preghiere di alcuni fedeli che vogliono che vengano eliminati dei fantasmi che infestano il monte Yu Jun. Tuttavia, vista la nomea che lo precede, il dio non riesce ad ottenere l'appoggio degli altri colleghi e decide di risolvere il problema da solo, anche se non può usare armi divine, avendo esaurito la sua energia spirituale.

Una volta disceso nel mondo degli umani, Xie Liang, con il supporto di due divinità minori, Nan Feng e Fu Yao, inizia ad indagare sugli strani avvenimenti del monte Yu Jun: sulla cima, vaga uno Sposo Fantasma che rapisce le spose dirette dai loro futuri mariti ed uccide i membri del convoglio; nel corso degli ultimi anni sono scomparse 17 spose e sono morte più di cento persone.

Il padre dell'ultima donna rapita era un potente ufficiale che ha ingaggiato 40 guardie del corpo per proteggere la figlia, ma è stato tutto inutile. Allora, il generale pregò le divinità, donando loro cospicue offerte, e mise una taglia sulla testa dello sposo fantasma: questo attirò le attenzioni degli dèi.

Come si evince, dunque, l'obiettivo di Xie Liang è quello di catturare lo spettro che infesta il monte, ma per trarlo in inganno deve usare una persona disposta a mettere a repentaglio la propria vita. L'unica soluzione che il protagonista ed i suoi aiutanti sono riusciti a trovare è di travestire il Principe Ereditario in sposa e raggiungere la cima del monte. Qui il gruppo viene aggredito da un manipolo di non-morti, ma Nan Feng e Fu Yao riescono a resistere; Xie Liang ordina ai suoi uomini di allontanarsi perché non potrebbero riuscire a tenere testa agli zombie. Rimasto solo, Xie Liang viene tratto in salvo da un misterioso uomo con una benda sull'occhio.

Miti e leggende

Il primo episodio di Heaven Official's Blessing ha una durata di circa 30 minuti, anche se Netflix lo ha diviso in due parti, ma sono ben condensati, in quanto vengono forniti i primi dettagli sull'universo fantasy e sul protagonista.

Dobbiamo evidenziare, però, che al termine della puntata abbiamo notato una cura maggiore soprattutto a livello di contenuti, piuttosto che sul lato narrativo. Nel corso della visione abbiamo modo di conoscere come è suddiviso il Regno Celeste, con l'Imperatore Celeste che domina su tutto, varie divinità di alto rango, ed altre di gradi inferiori al servizio di quelle più influenti; così come apprendiamo che gli dèi operano in diverse regioni, ma all'occorrenza possono agire in altri territori. Inoltre, viene introdotto anche il lato oscuro del mondo ultraterreno, tra fantasmi ed altre creature che perseguitano gli esseri umani: non escludiamo che nel corso delle puntate possiamo vedere altre entità spaventose. Questo dà alla produzione tonalità lievemente horror, ma che non cercano affatto di spaventare lo spettatore, perché sono ben compensate dalla presenza di siparietti comici. A fronte di ciò, speriamo che l'atmosfera orrorifica possa essere una costante per tutta la serie, anche se alleggerita dalla comicità. Il pilot, inoltre, si prende i giusti tempi per iniziare a delineare Xie Liang, con la speranza che possa essere sviluppato meglio nel corso dei restanti episodi.

L'eroe ci viene presentato come un personaggio solare e amorevole, che si preoccupa dell'incolumità sia degli umani che degli altri dèi e del Regno, nonostante sia stato bandito ben due volte. Nelle battute finali, inoltre, si ha modo di approfondire il suo passato: un tempo Xie Liang era una divinità molto amata tra gli abitanti di Xian Le, per il suo essere benevolo nei confronti del prossimo; basti pensare che un giorno, durante una parata, salvò un bambino che stava precipitando dalle alte mura della città.

Le sue azioni riuscirono ad attirare le attenzioni dell'Imperatore del Regno Celeste: Xie Liang ascese, dunque, per la prima volta; ma subito dopo, la città venne distrutta dalla guerra e lui decise di scendere per cercare di salvare i superstiti. Non sono ancora ben chiare le motivazioni, ma sembra che questo evento sia legato al suo primo esilio. Non sappiamo ancora come si svilupperanno gli eventi futuri, ma possiamo dire che Heaven Official's Blessing è riuscito a conquistare il nostro interesse, anche se solo in parte.

Sono due i quesiti principali che hanno attirato particolarmente la nostra attenzione: il primo riguarda la misteriosa figura che ha salvato il protagonista; crediamo che una risposta ci possa essere data già a partire dal secondo episodio.

L'altro, invece, è legato alle motivazioni per cui Xie Liang è stato bandito dal Regno Celeste per ben due volte: se il primo esilio potrebbe essere legato in qualche modo agli eventi della città di Xian Le, è ancora un mistero il motivo dietro il secondo. Nonostante le interessanti premesse, non ci siamo sentiti particolarmente stimolati a portare a termine la serie, con la speranza di trovare le giuste motivazioni nelle restanti puntate. Una volta arrivati ai titoli di coda dell'episodio iniziale, ci siamo resi conto che non è stata ancora introdotta la trama, poiché quanto visto può essere inteso come un lungo incipit. Una scelta narrativa insolita ed infelice se si pensa che la serie è composta da soli 11 episodi (12 secondo la numerazione di Netflix) più uno speciale: questo ci fa sorgere il timore che la narrazione possa essere troppo sbrigativa in alcuni passaggi.

Un comparto tecnico piacevole

Se sul lato narrativo Heaven Official's Blessing non è riuscito a convincerci del tutto, su quello artistico ci ha soddisfatti. Benché siano evidenti alcuni lievi inciampi tecnici nelle inquadrature più ampie, il donghua sfoggia disegni ben curati sia per la resa dei personaggi che dell'ambientazione, in cui si nota una particolare attenzione.

È abbastanza evidente uno stacco tra il tratto utilizzato per gli interpreti e quello per il background, ma i due stili riescono ad amalgamarsi alla perfezione tra di loro senza rovinare la visione. Le animazioni sono fluide, benché al momento sia stato mostrato un breve scontro, ma comunque ben realizzato.

Ad accompagnare le scene c'è una colonna sonora che spazia tra brani più contemporanei ad altri che rievocano il folklore asiatico.

Heaven Official's Blessing Il primo episodio di Heaven Official's Blessing ci fa capire che la produzione vanta uno stile artistico piacevole e getta le basi per conoscere il protagonista ed il contesto in cui si svolgono gli eventi, tra divinità ed altre creature fantastiche. Tuttavia, il pilot non riesce a delineare bene il racconto principale: questo da un lato ci lascia sperare che possa prendere forma nelle restanti puntate, ma dall’altro ci fa temere che la narrazione possa essere troppo sbrigativa, proprio a causa dell’esiguo numero di puntate della serie, con il rischio che venga rovinata una storia dalle premesse interessanti.

Altri contenuti per Heaven Official's Blessing