The World Ends with You The Animation: cosa aspettarsi

Il teaser trailer divulgato da Square Enix ci offre un primo assaggio della trasposizione animata di The World Ends with You che esordirà nel 2021.

anteprima The World Ends with You The Animation: cosa aspettarsi
Articolo a cura di

Correva ancora l'anno 2007 quando Square Enix pubblicò nel paese del Sol Levante l'affascinante Subarashiki Kono Sekai (lett. "Questo mondo meraviglioso"), un RPG per Nintendo DS dal comparto artistico semplicemente irresistibile e che noi occidentali avremmo imparato ad amare soltanto l'anno successivo. Caratterizzato da una grafica bidimensionale, il titolo strizzava prepotentemente l'occhio ai prodotti di animazione giapponese, ragion per cui chiunque vi abbia giocato avrà senza dubbio provato a immaginare almeno una volta come sarebbe stato "The World Ends with You" (il titolo scelto per il mercato nostrano) se fosse stato immaginato non come un gioco, bensì come un anime vero e proprio.

Fortunatamente i fan non dovranno più ricorrere all'immaginazione, poiché Square Enix ha annunciato a sorpresa che The World Ends with You, similmente a quanto avvenuto in questi ultimi anni a molti altri capolavori nipponici (Persona 5 e Valkyria Chronicles su tutti), riceverà un completo adattamento animato. La serie, che a quanto pare sarà intitolata semplicemente The World Ends With You - The Animation, esordirà soltanto nel 2021, ragion per cui, dopo aver raccolto tutte le informazioni finora divulgare dal publisher, abbiamo provato a capire cosa dovremmo aspettarci dal progetto.

Intrappolati nell'altra Shibuya

Recentemente approdato sulla macchina ibrida di Nintendo (per tutti i dettagli vi suggeriamo di consultare la nostra recensione di The World Ends With You -Final Remix- per Nintendo Switch), l'RPG ideato da un Tetsuya Nomura in stato di grazia è ambientato in una sorta di mondo spirituale in cui precipitano tutti gli sfortunati individui che, per un motivo o per un altro, sono periti per le strade di Shibuya, un famosissimo quartiere di Tokyo. Una volta giunti nel suddetto luogo, gli sventurati visitatori sono costretti dai Reaper (o Shinigami, se preferite) a partecipare al cosiddetto Gioco dei Demoni, il quale consiste in una serie di prove da superare entro un lasso di tempo estremamente breve e che soprattutto premia i vincitori con la possibilità di tornare nel mondo di vivi. È esattamente quanto accade a Neku Sakuraba, l'Introverso e poco socievole protagonista della vicenda, che nelle prime battute si risveglia privo dei ricordi riguardanti la propria morte ed è subito costretto a prendere parte al gioco dei Reaper, ignaro del fatto che questi tendano a modificarne continuamente le regole a proprio vantaggio.

Per ottenere una seconda chance e tornare a casa, ogni giorno Neku deve portare a termine una missione affidatagli dallo Shinigami di turno, al fine di prolungare di ventiquattro ore la propria permanenza nell'altra Shibuya e accedere alla prova successiva.

Come se la trama intricata e inusuale non sia già abbastanza intrigante, The World Ends With You è impreziosito da un cast variegato e ben caratterizzato che, anche grazie alle drammatiche situazioni proposte, riesce a conquistare con facilità le simpatie del giocatore e a tenerlo saldamente incollato allo schermo. Senza entrare troppo nel dettaglio, al fine di evitare spoiler a chiunque non abbia ancora accolto il titolo nella propria ludoteca, il vero e unico difetto di The World Ends With You è rappresentato ancora oggi da un'eccessiva ripetitività di fondo e dalla quantità di dialoghi prolissi (per giunta proposti in stile visual novel) che il giocatore è costretto a sorbirsi di volta in volta.

Tra dubbi e conferme

È fondamentalmente questa la ragione per cui siamo convintissimi che una serie televisiva basata sul The World Ends with You potrebbe rivelarsi assai più coinvolgente ed entusiasmante del gioco Square Enix. Anche perché il direttore Kazuya Ichikawa (Monster Strike the Animation, Clean Freak! Aoyama kun, Tantei Team KZ Jiken Note), in occasione del panel tenuto all'evento virtuale Anime Expo Live, ha rivelato che la trasposizione animata non sarà totalmente fedele al materiale originale e che la serie non ci riporterà nella Shibuya del 2007, ma al contrario dipingerà una versione più attuale dello storico quartiere di Tokyo. Con simili premesse, è lecito aspettarsi che la serie televisiva modifichi non tanto gli eventi principali di The World Ends with You, quanto la struttura stessa del racconto, al fine di coinvolgere maggiormente i comprimari del calibro di Beat, Rhyme ed il misterioso Joshua, la cui caratterizzazione, nel gioco originale, è esplorata solo nelle fasi avanzate della campagna.

Soprattutto, un eventuale rimaneggiamento anche solo parziale della trama di The World Ends with You potrebbe rappresentare l'occasione perfetta per fornire finalmente le tanto attese (e a questo punto dovute) risposte ai molteplici quesiti ancora irrisolti e che dopo la comparsa di Neku e compagni in un episodio della saga di Kingdom Hearts sono persino aumentati.

Se per quanto concerne la storia non possiamo che augurarci che questa non venga brutalmente stravolta (uno scenario invero remoto e assurdo, ma che nemmeno ci sentiamo di escludere a priori), dal punto di vista prettamente artistico il progetto ci ha già conquistati. Innanzitutto The World Ends with You The Animation vedrà il ritorno del sensazionale compositore originale Takeharu Ishimoto, che la volta scorsa ci ha stregati con una delle colonne sonore più travolgenti e riuscite degli ultimi due decenni.

Le animazioni, invece, saranno curate dagli studi DOMERICA (Flying Witch Petit) e Shin-Ei Animation (Mysterious Joker, Doraemon), che a giudicare dal primo teaser trailer divulgato in rete preserveranno svariate caratteristiche del look originale: oltre all'inconfondibile character design di Tetsuya Nomura e Gen Kobayashi, infatti, non abbiamo potuto fare a meno di notare i contorni molto marcati che caratterizzano i personaggi nel suddetto video, come pure i chiaroscuri volutamente limitati e una profondità pressoché inesistente, esattamente come accadeva nel gioco originale. Se, da una parte, il look del prodotto potrebbe apparire eccessivamente semplice a un neofita, siamo invece convinti che i fan di Neku e soci apprezzeranno la soluzione che gli studi d'animazione hanno escogitato per garantire un minimo di continuità artistica alla serie. Anche perché The World Ends with You The Animation, così come il gioco, dovrebbe compensare un livello di dettaglio non proprio sbalorditivo con tanti effetti speciali, in particolare nel mezzo delle battaglie contro le bizzarre e all'apparenza invincibili creature che prendono il nome di Rumori.

Infine, il già confermato ritorno dello storico cast vocale dovrebbe assicurarci un'interpretazione eccezionale, anche perché questo include doppiatori molto quotati tra i fan di anime e videogiochi, tra i quali spiccano in particolar modo Kouki Uchiyama (Roxas nel franchise di Kingdom Hearts), Ryohei Kimura (Kodaka Hasegawa in Haganai, Sorey in Tales of Zestiria), e Ayana Taketatsu (Leafa in Sword Art Online, Labrys in Persona 3).

The World Ends with You The Animation Già a partire dalla prossima stagione televisiva, durante la quale assisteremo all’esordio del nuovo adattamento animato di Dragon Quest: Dai - La Grande Avventura, si direbbe che i fan di Square Enix e più in generale gli appassioni di JRPG avranno parecchio pane per il loro denti. Il colosso nipponico potrà anche non aver voluto comunicare una finestra di lancio più precisa per The World Ends with You The Animation, limitandosi ad un generico 2021, ma la serie, anche grazie ad un teaser trailer promettente e molto fedele al materiale originale, si è già riservata un posto tra le opere più interessanti tra quelle che vedranno la luce durante l’anno venturo. In tal senso, la nostra sola speranza è che lo staff incaricato di rimaneggiare la trama del videogioco riesca, attraverso modifiche non troppo “invadenti”, ad amalgamare meglio tutti i personaggi principali e a dar loro uno screen time adeguato, in modo tale che la caratterizzazione degli stessi possa riservare qualche sorpresa persino ai fan della prima ora.