Final Fantasy XV: Episode Ardyn, analisi dell'anime prequel del videogioco

Da poche ore è disponibile, su Youtube e su Crunchyroll, Final Fantasy XV: Episode Ardyn Prologue: un anime ONA, preludio dell'ultimo DLC.

recensione Final Fantasy XV: Episode Ardyn, analisi dell'anime prequel del videogioco
Articolo a cura di

Nel 2016 siamo saliti a bordo della Regalia con il principe Noctis, con Ignis, con Prompto, e con Gladiolus per intraprendere un lungo viaggio attraverso uno sconfinato e variegato mondo, per salvare il regno di Lucis, prossimo alla distruzione. Un percorso che ci ha portati ad attraversare lande desolate, praterie erbose, a cavalcare chocobo, a visitare caotiche città, e a combattere mostri di ogni genere e dimensione: ad ogni passo che abbiamo compiuto, abbiamo imparato a conoscere i membri di questo gruppo di guerrieri, sentendo di essere uno di loro. Quando credevamo che tutto fosse concluso, la storia di Noctis e della sua compagnia è stata portata avanti per altri due anni, arricchita da vari DLC, permettendoci di approfondire ancora di più i personaggi e l'intero mondo che li circonda. Purtroppo, però, come ogni viaggio anche questo è destinato a terminare.

Nel corso di novembre scorso è giunta notizia che Hajime Tabata, padre che ci ha portato a vivere l'esperienza di Final Fantasy XV, ha lasciato Square Enix, affermando che i DLC di prossima uscita sono stati cancellati; l'ultimo che verrà pubblicato sarà Episode Ardyn, incentrato sull'enigmatico e criptico antagonista del titolo. Dopo l'addio di Tabata, la casa di sviluppo ha annunciato che l'ultimo episodio sarebbe stato preceduto da un corto animato, che si sarebbe focalizzato sul passato di Ardyn e sulle motivazioni che lo hanno portato a voler far crollare il regno di Lucis. Il 17 Febbraio, dopo averci fatto tanto desiderare lo speciale animato, è stato distribuito Final Fantasy XV: Episode Ardyn Prologue, della durata di circa 13 minuti, disponibile sia su Youtube, che su Crunchyroll, con i sottotitoli in italiano. Il 26 Marzo verrà rilasciato l'ultimo contenuto aggiuntivo di Final Fantasy XV, ma nell'attesa conosciamo meglio Ardyn.

Il primo regno

2000 anni prima dell'arrivo del Vero Re, il mondo di Eos venne colpito da una terribile piaga: i Daemon.

La famiglia Caelum, una delle più influenti, ricevette dagli dèi il potere necessario per fermare una volta per tutte questa minaccia; riuscì così ad ottenere il favore del popolo. Nel momento in cui la casata venne acclamata al governo, gli dèi decisero di nominare un Re, un sovrano indiscusso che avrebbe guidato il primo regno della storia. Tra i Caelum vi erano due candidati che avevano tutte le qualità per regnare: Somnus Lucis Caelum, secondogenito della famiglia, ambizioso e nato per il comando; Ardyn Lucis Caelum, primogenito, misericordioso, pronto a scarificarsi per il bene del popolo. L'oracolo Aera aspetta, nel palazzo reale, un responso degli dèi. Quando gli eventi di Prologue hanno luogo, non è stato ancora nominato un Re.
Sin dall'inizio si percepisce come i due fratelli siano completamente diversi, e come il secondogenito provi invidia nei confronti del suo stesso sangue e vorrebbe a tutti i costi comandare il regno, anche con un pugno di ferro. Somnus porta avanti una guerra contro i Daemon, catturando tutti coloro che sono posseduti, o coloro che sospetta lo siano, condannandoli al rogo; Ardyn ha il potere di guarire i "malati", assorbendo il loro male. Eppure, continuando ad assimilare i Daemon, lentamente ne viene corrotto. Benché la decisione intrapresa da Somnus sia efficace, il fratello è convinto che sia possibile curare questa piaga senza necessariamente creare un clima di terrore e paura, evitando che i cittadini vengano allontanati e discriminati come mostri. Per questo motivo gran parte del popolo vorrebbe che il giovane Ardyn venisse scelto come Re.

Il desiderio dell'eroe di aiutare in prima persona i concittadini lo porta a lasciare il palazzo di nascosto, ma non è solo: l'oracolo Aera, fuggendoin segreto ed evitando le guardie, raggiunge l'amato Ardyn, e lo incoraggia a portare avanti la sua impresa. Durante uno dei loro ultimi incontri, la donna gli ha fatto una solenne promessa: anche se in futuro verrà dimenticato, lei lo ricorderà per sempre.
Successivamente gli dèi scelgono finalmente il Re: Ardyn.Eppure, proprio questo clamoroso colpo di scena segna l'inizio delle disgrazie del protagonista, una parabola decadente che lo spinge a covare un profondo odio per la sua casata, al punto da voler tentare di uccidere uno dei suoi futuri membri, nonché suo discendente: Noctis Lucis Caelum.

La caduta di una dinastia

Final Fantasy XV: Episode Ardyn Prologue risente di una sceneggiatura poco convincente. L'idea di voler raccontare il passato dell'antagonista principale di Final Fantasy XV, che si potesse collegare in qualche modo sia alla trama principale del gioco, che al DLC in uscita, è interessante, ma il risultato finale non è dei migliori. Infatti, alcune meccaniche dell'ordito sono sin troppo stereotipate, poco originali, al punto che in alcuni momenti è facile prevedere come potrebbero svolgersi gli eventi. Ciò si riflette soprattutto sulle battute conclusive, che risultano alquanto scontate. Il tutto è poco coinvolgente, e la visione procede molto a rilento, solo per il desiderio di scoprire cosa accade ad Ardyn. Lo speciale è privo dell'effetto sorpresa che avrebbe potuto migliorarlo, e gioca molto sul concetto di presentare un personaggio già costruito, dando molto per scontato. Da un lato il protagonista non necessita di una costruzione, essendo stato già approfondito nel corso della storyline raccontata nel videogame, e probabilmente ripreso nella futura espansione; dall'altro lato, i due comprimari sono poco sfruttati, sebbene ricoprino ruoli importanti nel corso delle vicende narrate nel prologo. Non viene offerta alcuna occasione per poter conoscere meglio i personaggi secondari, il che avrebbe notevolmente attirato l'attenzione dello spettatore.

Riteniamo che sarebbe stato più opportuno dilatare il minutaggio complessivo, per poter strutturare in maniera più esaustiva i ruoli minori, in modo da poter comprendere le motivazioni dietro la rivalità tra i due fratelli, ed approfondire meglio la relazione tra Ardyn e Aera, che avrebbe potuto dare alla produzione tonalità intime ed introspettive. Invece, nel corso della visione si ha la sensazione di star guardando un'opera in cui alcune dinamiche sono già state raccontate, come se facesse parte di una serie più complessa, creando anche un po' di confusione.

Benché questo cortometraggio sia rivolto unicamente ai videogiocatori che hanno seguito costantemente gli sviluppi di Final Fantasy XV, crediamo che avrebbe potuto essere più interessante se avesse offerto qualche elemento innovativo, e non fosse caduto nella banalità. Di questa sceneggiatura poco ispirata, ci sentiamo di salvare solo le fasi finali: sebbene continuino a non spiccare particolarmente a livello narrativo, cercano comunque di dare una valida spiegazione alle azioni che porteranno Ardyn ad essere quello che tutti conoscono, come un anello di congiunzione con il videogioco principale.

Al netto di uno script non molto coinvolgente e già visto, vi è un comparto tecnico ben realizzato. I disegni non sono molto complessi, in quanto si nota un tratto non molto calcato, ma sono puliti e chiari, e il tutto risulta visivamente piacevole, con impercettibili imperfezioni visive. Le animazioni sono fluide, soprattutto durante l'unico scontro che viene portato in scena durante il breve episodio, anche se non riesce a colpire particolarmente, proprio a causa dello screen time risicato. Nei primi piani è possibile notare una cura più minuziosa nel tratto, con un'attenzione maggiore nei dettagli. Il character design è molto singolare, come una sorta di mix tra l'antica Grecia, l'antica Roma ed il Medioevo quasi a voler dare al tutto un'impronta di tragedia, riuscendo a sposarsi con una minuziosa ambientazione dall'estetica cavalleresca. Il tutto è abbellito dalla colonna sonora, proveniente direttamente dal gioco, su cui spicca su tutti l'indimenticabile Somnus.

Final Fantasy XV: Episode Ardyn (anime) Final Fantasy XV: Episode Ardyn Prologue ha una sinossi poco originale, che non riesce a spiccare particolarmente anche per via di una scarna costruzione dell’intero cast. La sceneggiatura, di cui potremmo avere le idee più chiare una volta che sarà uscito il DLC del videogioco, non riesce a catturare l’attenzione dello spettatore, che in alcuni momenti potrebbe sentirsi persino spaesato. Diversamente il comparto tecnico è ben più apprezzabile, con un character design convincente, grazie ad un tratto ben curato, ed un setting medievale, in cui emerge tutto l'estro artistico e concettuale tipico della saga di Final Fantasy.