Food Wars! Shokugeki no Sanji: recensione dello spin-off culinario di ONE PIECE

Pubblicato in occasione del 21° anniversario di ONE PIECE, il breve spin-off ci ha narrato un episodio inedito della vita di Sanji.

recensione Food Wars! Shokugeki no Sanji: recensione dello spin-off culinario di ONE PIECE
Articolo a cura di

Sebbene siano già trascorsi oltre due decenni dal giorno in cui Monkey D. Luffy decise di prendere il largo per diventare il nuovo Re dei Pirati, la destinazione finale del suo avventuroso viaggio non è ancora spuntata all'orizzonte. Non a caso, il sensei Eiichiro Oda ha recentemente dichiarato che ONE PIECE è completo solo per l'80%, ragion per cui lo strampalato pirata di gomma continuerà a tenerci compagnia per diversi anni ancora. Lo scorso luglio, intanto, si sono tenuti i festeggiamenti per il 21° anniversario dell'opera: una ricorrenza celebrata con eventi, interviste, ma soprattutto con la pubblicazione di uno speciale one-shot realizzato dagli autori di Food Wars! Shokugeki no Soma. Incentrato sul personaggio di Sanji Vinsmoke e intitolato semplicemente "Food Wars! Shokugeki no Sanji", il simpatico one-shot proposto sulle pagine del magazine nipponico Weekly Shonen Jump potrebbe addirittura essere canonico, essendo ambientato poco prima dell'incontro fra Luffy ed il cuoco gentiluomo destinato ad imbarcarsi sulla sua nave pirata!

La sfida più ardua del Baratie

Composto da 35 tavole in tutto, il fumetto realizzato da Yuto Tsukuda e Shun Saeki, con l'ormai consueta collaborazione della nota chef nipponica Yuki Morisaki, ha luogo nel ristorante Baratie, il noto locale galleggiante che ha sempre attirato visitatori provenienti da ogni dove. Proprio a causa della sua posizione, collocata nel bel mezzo del Mare Orientale (o East Blue, se preferite), il Baratie e il suo personale si sono dovuti abituare a sfamare anche clienti di bassa lega, e addirittura a combattere con i propri utensili da cucina contro i pirati intenzionati a non pagare il conto. Il piacevole manga proposto dai creatori di Food Wars!, invece, ci ha mostrato il solo ed unico nemico in grado di mettere in ginocchio persino i cuochi combattenti del suddetto locale: la rozza intenditrice chiamata Savarin, che con le sue recensioni negative ha fatto chiudere moltissimi ristoranti! Caratterizzata da un aspetto gorillesco, che ha spinto il personale dello stesso Baratie a paragonarla addirittura ai giganteschi (e mostruosi) Re del Mare, la donna abituata a pranzare nei più lussuosi e rinomati locali del mondo ha deciso di visitare il ristorante di Zeff per provare qualcosa di diverso. Tuttavia, le pietanze servite al suo tavolo sembrano incapaci di soddisfarla, al punto tale da lamentarsene a gran voce e a pretendere di poter parlare col proprietario.
È nel mezzo di questa incresciosa situazione che il buon Sanji si ritrova a passare casualmente vicino al tavolo della donna, che prontamente ne richiede l'attenzione e lo scambia per un cameriere - una vecchia gag già utilizzata dallo stesso Oda durante il primo incontro fra il cuoco ed il tenente della marina, Fullbody. Inizialmente indifferente alle parole di scherno proferite dalla donna, ma irritato dall'evidente intenzione di sprecare il cibo preparatole, l'atteggiamento di Sanji cambia radicalmente quando Savarin calunnia il buon Zeff e minaccia di scrivere la peggiore delle recensioni sul Baratie, invitando al contempo il cuoco a seguirla presso qualche ristorante ben più degno di tale nome.
È dopo questo buffo siparietto che lo stile dei maestri Tsukuda e Saeki - che hanno fatto degli scontri ai fornelli il tema principale del loro Food Wars! Shokugeki no Soma - entra prepotentemente in gioco. Ribadendo ancora una volta il profondo debito che lo vincola al vecchio Zeff, Sanji propone di risolvere la fastidiosa questione con una sfida: qualora il cuoco riesca a cucinare un piatto degno del palato della buongustaia Savarin, questa dovrà mangiare anche il resto delle pietanze portate sul suo tavolo e da lei definite come "cibo di terza categoria".

Il destino di Sanji

L'esilarante risultato finale della sfida è piuttosto scontato, ma ad averci colpiti sono state le tavole relative alla preparazione del piatto. È ormai risaputo che Sanji sia uno chef di prim'ordine, ma il one-shot realizzato dal trio di Food Wars! ci ha mostrato nel dettaglio ogni singolo passaggio effettuato dal cuoco, che innanzitutto ha tagliuzzato i vari ingredienti con movimenti che potremmo paragonare addirittura a quelli eseguiti da un direttore d'orchestra. A ragion veduta, la cucina del Baratie non è più solo una gastronomia, ma diventa improvvisamente un solenne atelier in cui l'artista infonde vita, con delicatezza e precisione, alla propria opera d'arte.

Sfogliando le pagine di Food Wars! Shokugeki no Sanji non abbiamo potuto fare di a meno di apprezzare e concordare con la decisione di Shueisha di affidare al suddetto trio la realizzazione dello speciale one-shot. Non solo il fumetto ci ha ricordato la differenza fra il Baratie ed un qualsiasi altro ristorante di ONE PIECE (ossia la propensione a sfamare chiunque sia ridotto alla fame), ma soprattutto ci ha mostrato la profonda fiducia che Zeff ha sempre nutrito nel suo ribelle dipendente, arrivando addirittura a osservare da lontano la sfida che avrebbe potuto segnare le sorti del proprio locale. Se nel manga principale di ONE PIECE abbiamo assistito alla toccante messa in scena organizzata dai cuochi del ristorante per convincere Sanji a prendere il mare ed inseguire il proprio sogno, una delle splendide tavole disegnate da Shun Saeki rivela invece che l'anziano chef aveva già compreso da tempo di non poter trattenere ancora a lungo il futuro pirata. Non a caso, il divertente spin-off si è concluso con l'avvistamento di una nave pirata su cui sventola lo strambo jolly roger di Cappello di Paglia, implicando che la toccante separazione fra i due fondatori del ristorante non possa essere rimandata ulteriormente.
Sul piano prettamente artistico, i disegni di Saeki non potrebbero apparire più distanti dal character design di Oda, ma proprio il suo inconfondibile stile di disegno, così dettagliato e all'occorrenza agghiacciante, ha permesso di catturare e riprodurre con estrema precisione i vari stati d'animo dei personaggi, nonché la fatica e la determinazione provata da Sanji durante la preparazione della gigantesca aragosta servita a Savarin.

Food Wars! Shokugeki no Sanji Food Wars! Shokugeki no Sanji non è una lettura imprescindibile, anche perché non influenza in alcun modo le vicende di ONE PIECE. Ciononostante, il pregevole spin-off ci ha permesso di esplorare la vita che Sanji conduceva prima di conoscere Luffy e compagni, ponendo almeno per una volta sotto i riflettori non le sue abilità combattive, bensì l’impareggiabile talento culinario. Con la speranza che il collaudato sodalizio formato da Tsukuda, Saeki e Morisaki possa un domani raccontarci altri episodi inediti riguardanti lo staff del Baratie - magari attraverso una miniserie antologica - promuoviamo il suddetto capitolo speciale, suggerendone la lettura a tutti i fan del personaggio.

7