Recensione Gantz

L'opera matura di Oku ci porta in una strano,affascinante mondo fantascientifico

Articolo a cura di

Gantz..loading.

Diamo a Cesare, quel che è di Cesare. Negli ultimi 2 anni la Planet Manga si è impegnata a portare una ventata di aria fresca nel panorama editoriale manga italiano; nuove opere ( molte delle quali ancora in corso di pubblicazione), spesso di giovani autori promettenti ma comunque sconosciuti al grande pubblico italiano.Penso a collane come Manga 2000, penso ad autori come Endo, Urasawa, Nihei e...
HIROYA OKU. Nato nel '67, inizia come assistente di un autore specializzato in manga erotici: proprio grazie a questo genere, si cimenta nella sua prima storia breve del 1988 dal titolo Hen, della quale l'anno dopo verrà serializzata la serie omonima. Di questo autore in costante evoluzione grafico-narrativa è già stato pubblicato quasi tutto in Italia. Il merito della sua prima apparizione nel bel paese non è però da imputarsi alla P.M. bensì alla Starcomics, che alla fine degli anni '90 dopo qualche provocante pin-up apparsa su Kappamagazine, decise di inaugurare la sua collana "Hot" proprio con Hen di Oku ( 8 voulumi jap ). Stranamente dopo quest'opera, effettivamente non più che discreta,la S.C. sembro disinteressarsi delle sue nuove, ed a mio parere molto più interessanti, opere.
Arriviamo così al "presente", a Zero One...ma soprattutto a Gantz.

Trama

E' mia convinzione che non si debba spilerare troppo sulla trama di un fumetto qualunque
esso sia, per non rovinare il gusto della scoperta individuale o della sorpresa. Non
arrabbiatevi perciò se troverete questo "riassunto" poco approfondito:la cosa è totalmente
voluta!
Masaru e Kei sono 2 studenti liceali ( non si può essere originali su tutto! ), vecchi amici che
non si vedevano da tempo, quand'ecco che il fato li fa rincontrare in una stazione
metropolitana, proprio mentre un vecchio ubriaco barcollando finisce per cadere sui binari.
Masaru e Kei ( quest'ultimo solo dopo l'accorato incitamento del primo ) scendono per
aiutarlo, i due riescono nell'impresa...ma a prezzo delle loro vite! Ad istantanei sentimenti di
dolore, paura e pace segue uno sbalorditivo "risveglio" in una stanza completamente
spoglia,eccezione fatta per una strana sfera nera statica, e 7 altre persone..."morte".
Sembrerebbe infatti che ci si ritrovi, in questo appartamento ermetico, dalle cui finestre è
possibile vedere Tokyo in tutta la sua scintillante e reale quotidianeità, prelevati pochi secondi
prima dell'ultimo ricordo. Ci ritroviamo assieme ai protagonisti in una situazione in cui:"Tutto
è possibile...ipotetico".
Facciamo così appena in tempo ad assistere ad un veloce susseguirsi, di efficacissimi
cambiamenti di prospettive-introspettive tra Kei e Masaru, creato del "regista" Oku, che una
decima, e ultima, persona si materializza nella stanza.
E' una ragazza ( ultra-maggiorata ), nonchè nuda e incosciente...di cui tra l'altro si fanno
appena in tempo a notare dei tagli, sui polsi, che subito spariscono. A questo punto la sfera si
"attiva" ed annuncia alla "squadra" il da farsi, fornendo loro un'equipaggiamento tanto
futuristico quanto misterioso.
Missione: Trovare l'alieno Cipolla. Tempo a disposizione:1 ora.
I 10 si ritrovano così nuovamente all'esterno, liberi di scegliere come comportarsi e agire...Al
ritorno da ogni "missione" verranno aggiudicati dei punti e si potrà fare un momentaneo
ritorno alle rispettive case e alle rispettive vite...Memori di Tutto. Fino alla prossima chiamata.
Non posso dirvi di più,Incuriositi? Bene! Allora,forse, sono riuscito a mantenere intatto lo
spirito dell'opera...parlandovi all'incirca dei soli primi 2 numeri .

Giudizio Critico

A mio parere, Gantz è uno dei fumetti più maturi è interessanti tra quelli attualmente pubblicati in Italia. Di quelli che,amara verità,non capita troppo spesso di leggere.
Certo, non so ancora come finirà la storia e se riuscirà a mantenersi sui livelli mostrati finora, ma rappresenta sicuramente l'opera della maturità artistica del maestro.
I temi più interessanti delle sue precedenti sono tutti lì infatti, più o meno individuabili; Gantz affonda le radici nel passato dell'autore, ed al contempo è un passo in avanti, dove tutto è rifinito, veloce e curato.
Nota a margine, penso sia abbastanza sorprendente la celerità con cui questo mangaka continua a migliorarsi sia nel tratto che nello "storytelling".
Nella sua ultima opera Oku riesce a dipingerci magistralmente le situazioni, alternando sequenze d'azione e trovate geniali a escursioni introspettive dove i vari personaggi mostrano le loro fragilità nascoste, e i loro bisogni più reconditi.
L'autore visualizza con maestria l'atmosfera estraniante di una situazione incredibile, vissuta dai protagonisti con dinamiche realistiche:inutile dire che è proprio in quest'ultimo aspetto risiede la vera "marcia in più" di Ganz, che riesce a risultare sempre dinamico e mai pesante.
Disegni molto buoni, con molti retini,fondali curati e effetti in CG condiscono il tutto.
Passando infine alla critica vera e propria, sono solamente 2 i punti deboli riscontrati finora dal medesimo.
1 E' vero che i personaggi si comportano (finalmente! ) in maniera piuttosto realistica, in relazione allo svolgersi dei fatti, ma è impossibile non constatare come la maggior parte dei "caratteripersonaggi" siano abbastanza stereotipati.
Ma questo non è effettivamente un grande difetto, considerato che pure il restante 95% dei fumetti lo è.
2 Le ragazze. Non credo siano presentate al lettore in maniera realistica. E' vero che per la maggior parte del tempo siamo spettatori di personaggi maschili, eppure credo si sarebbe potuto fare di più soprattutto per quanto riguarda "la tettona" . In tal senso noi italiani abbiamo sicuramente un "modello ideologico" femminile differente rispetto agli orientali e dunque all'autore.

Gantz Ganz è pubblicato dalla Panini Comics sulla collana Manga 2000,che contiene altri serial "adulti" a rotazione in formato identico all'originale al prezzo di 4 euro. Attualmente esce con cadenza bimensile e abbiamo raggiunto quota 6 volumi, in Giappone dovrebbe essere imminente il 9°. Buon rapporto editoriale qualitàprezzo. Consigliato ai lettori di opere come 20TH Century boys, Eden, Vagabond e Berserk. Consigliato con beneficio d'inventario ai lettori sotto i 12 anni o ai neofiti DragonBalliani.