Recensione L'immortale

L'immortale è l'opera di Hiroaki Samura edita in Italia da Planet Manga.

Articolo a cura di

L'immortale

Pubblicata in patria da Kodansha ed attualmente edita in Italia da Planet Manga (Panini Comics), L'immortale (Titolo originale "Mugen no Junin") è l'opera di Hiroaki Samura probabilmente più famosa in occidente. Questo singolare fumetto fa la sua prima apparizione nel nostro paese ad opera di Comic Art, defunta casa editrice che interruppe la pubblicazione dell'opera con l'uscita del nono tankobon, e data l'enorme moltitudine di richieste giunte a Paninicomics, quest'ultima decise di recuperare la licenza del titolo e riprenderne la pubblicazione a partire dal decimo tankobon. Essendo ormai irreperibili in gran parte d'Italia i vecchi volumi Comic Art, gli appassionati hanno a gran voce richiesto una ristampa di questo titolo, che Planet Manga ha prontamente realizzato con la pubblicazione del primo tankobon nel mese di Marzo di quest'anno.

I protagonisti.

Protagonisti del manga di Hiroaki Samura sono Manji e Rin. Il primo è un ronin, immortale per l'appunto, che durante la sua vita si è macchiato di un peccato atroce: l'assassinio di cento innocenti. Divenuto immortale grazie ai Kessenchu, vermi che un'anziana misteriosa nota come la sacerdotessa degli ottocento anni gli somministrò per impedirgli di morire, Manji ha giurato di uccidere mille scellerati per riparare ai crimini commessi nella sua vita.
Rin invece è la giovane figlia dell'ultimo maestro della scuola "Muten Ichiryu"; i suoi genitori sono stati brutalmente uccisi davanti ai suoi stessi occhi da Kagehisa Anotsu, nipote di un vecchio esponente della scuola e fondatore della scuola "Ittoryu", e dai suoi seguaci. Da allora, il solo scopo della giovane è vendicarsi degli assassini della sua famiglia ed uccidere Anotsu.

Un approfondimento (contiene spoiler)

I quattordici volumi de L'immortale fino ad ora pubblicati in Italia narrano il viaggio di Manji e Rin alla ricerca dei seguaci dell'"Ittoryu" e di Kagehisa Anotsu, vero obbiettivo del viaggio di Rin. Kagehisa Anotsu e "l'Ittoryu" mirano ad annettere o distruggere tutte le altre scuole di spada sorte nel paese, allo scopo di dimostrare che l'unica vera via della spada è quella che conduce alla vittoria, privilegiando l'uso della forza senza dar peso a formalismi ed educazione. Lungo il loro cammino i nostri si imbatteranno nel "Mugairyu" una "scuola" di spada composta da banditi, assassini ed efferati criminali che hanno visto perdonati i propri crimini dallo shogunato, a patto di accettare di compiere per esso missioni segrete. Lo shogunato infatti non è indifferente all'"Ittoryu", negli anni autore di una vera e propria rivoluzione nel paese. Se pubblicamente, attraverso il nobile Kagimura Habaki, lo shogunato si mostra disponibile ad un dialogo con l'"Ittoryu", segretamente mira invece ad annientare la scuola di Anotsu e ristabilire l'ordine e la disciplina nel paese.

Specifiche Tecniche ed opinioni personali.

L'immortale è chiaramente un opera storica, forse la migliore tra quelle giunte sino a noi, anche se un paragone con Vagabond così come con Lone Wolf and Cub è forse difficilmente proponibile, essendo i tre manga caratterizzati da stili narrativi totalmente differenti. Tra i due succitati credo L'immortale si collochi nel mezzo: se da un lato presenta infatti una cura maniacale nei più piccoli particolari delle descrizioni storiche, dall'altro il fumetto è improntato sull'azione ed ha uno stile narrativo fluido e veloce come l'opera di Inoue. Personalmente, trovo che rispetto ai due fumetti succitati L'immortale sia nettamente superiore, vuoi per la splendida caratterizzazione dei personaggi, vuoi per lo stile narrativo rapido ed incalzante, vuoi per la complessità dei dialoghi e del tratto, in assoluto il tratto più pulito e dettagliato che io conosca. Ed è proprio lo stile di disegno che rende spettacolare quest'opera: Samura cura i particolari in maniera maniacale. Dai combattimenti ai paesaggi, dai personaggi primari a quelli secondari, tutto è perfetto.

Ulteriori informazioni.

L'immortale viene pubblicato attualmente senza una cadenza fissa (il numero 12 è stato pubblicato nel 2002, il 13 nel 2003, il 14 nel 2005) ma è probabile che la nuova ristampa dei primi numeri abbia una cadenza più costante. Il fumetto è piuttosto caro (7€ a volume per circa 200 e passa pagine di fumetto), ma credo sia tutto sommato un prezzo equo per un fumetto di una tale bellezza, considerato anche che l'edizione panini è di ottima qualità: la carta è liscia, spessa, morbida e bianca come poche, niente a che vedere con la cartaccia grossa, porosa e giallastra di MPD Psycho per intenderci; le copertine sono cartonate, e le sovracopertine plastificate ed a colori. Un prezzo insomma obiettivamente elevato ma assolutamente accettabile per una simile opera.

L'immortale L'immortale è (se non si fosse capito) il mio fumetto preferito da tempo, personalmente credo che l'opera pubblicata da Paninicomics vada acquistata da tutti quelli cui piace il genere storico e/o i manga d'azione alla berserk. Lo stile narrativo, il tratto, la caratterizzazione dei personaggi, le sequenze di combattimento, tutto credo sia realizzato alla perfezione in questo fumetto. L'edizione panini come detto è certamente al di sopra della media, il prezzo anche se un pò elevato è giustificato dall'edizione e credo sia accettabile anche considerato il fatto che l'opera ha una pubblicazione piuttosto saltuaria: al momento in Giappone sono al 17° tankobon mentre in Italia siamo al 14°, non credo anche volendo accellerare la pubblicazione che potremmo vedere più di 2 - 3 nuovi volumi all'anno quando la ristampa si metterà in pari con la prima edizione. Fosse un altro titolo o un altro editore probabilmente vi inviterei a riflettere proprio sulla saltuarietà della pubblicazione, ma dato il titolo (seguito da centinaia di migliaia di persone) e dato il colosso editoriale che ha alle spalle (paninicomics), credo che non vi sia alcun rischio di una sua interruzione futura, quindi non perdete tempo, se vi piace il genere correte a comprarlo.