Lupin III vs Detective Conan Recensione: il crossover stasera su Italia 1

Su Italia 1 arriva lo special televisivo crossover tra il ladro gentiluomo e il mini-detective più infallibile del Giappone...

recensione Lupin III vs Detective Conan Recensione: il crossover stasera su Italia 1
Articolo a cura di

Cosa succede quando il più grande ladro nella storia degli anime incontra il più grande detective del panorama dell'intrattenimento nipponico? Ma naturalmente nasce Lupin III vs Detective Conan, una serie di special crossover che vedono proprio il ladro gentiluomo frapporsi al piccolo ma acuto investigatore alla ricerca del siero che possa riportarlo alle sue fattezze adulte. Questa sera in TV, su Italia 1, alle ore 22:55, verrà trasmesso proprio lo special televisivo datato 2009, cui ha seguito nel 2013 un lungometraggio vero e proprio sbarcato nei nostri cinema solo nel 2015 con un evento speciale. In caso non l'abbiate mai visto, noi cercheremo adesso di spiegarvi perché potreste trovarlo piacevole, ma con qualche piccola riserva.

Un delitto regale

Lupin III vs Detective Conan è ambientato in parte in Giappone, dove risiede il piccolo investigatore insieme a tutti i suoi amici, in parte in una nazione europea dalla non meglio specificata collocazione geografica. Siamo nel regno di Vespania, uno Stato in cui vige ancora la monarchia e che si ritroverà macchiato di un ‘orrendo crimine: la regina Sakura e il principe Gill, infatti, rimarranno vittime di un incidente avvenuto durante una delle loro consuete battute di caccia. Il trono passerà di diritto alla principessa Mira, che risalterà subito agli occhi del pubblico per un interessante particolare: la ragazza è praticamente identica a Ran, la figlia di Goro Mori (o Kogoro Mori, secondo la nomenclatura della versione originale nipponica) e amica di Conan/Shinichi, che scoprirà quindi di avere una sosia ‘regale' nel corso di un gala che si svolge in Giappone e a cui i nostri protagonisti si ritroveranno a partecipare. Mira, ragazza spregiudicata e insofferente alla vita di corte, per niente favorevole a ereditare il trono, deciderà di sfruttare la sua incredibile somiglianza con Ran per fuggire dal palazzo e lasciare la figlia del detective Goro al suo posto. Ma, contemporaneamente, il celebre Lupin III e il suo fido socio, Jigen Daisuke, tramano per rubare la colona reale del regno di Vespania, ignorando di essere molto più coinvolti negli eventi che hanno portato all'omicidio dei due reali di quanto pensino. E, contemporaneamente, anche la bellissima Fujiko trama alleandosi con la principessa Mira...

La trama di questo Lupin 3rd vs Detective Conan (che, lo ricordiamo, è lo special televisivo del 2009 e non il film del 2013, che approfondiremo in un'altra occasione) non risulta nulla di granché eccezionale, con un plot di base abbastanza stravisto e caratterizzato dal solito climax delle storie poliziesche di cui si tingono i rispettivi due franchise di appartenenza: in particolar modo, si evince un richiamo forte soprattutto alle situazioni, ambientazioni e colpi di scena appartenenti all'opera di Gosho Aoyama (e cioè Detective Conan) piuttosto che all'ambientazione noir dell'opera cult di Monkey Punch - e cioè, ovviamente, Lupin the 3rd.

The best of

La cosa più interessante di questo special televisivo risulta proprio l'elemento del crossover, il modo in cui i personaggi di ciascuno dei due acclamati universi animati e fumettistici interagiscono tra di loro, creando momenti piuttosto topici e colmi sia di ironia che di un discreto pathos.

Vedere Keichi Zenigata, storico avversario di Lupin, collaborare con il dipartimento di Polizia di Tokyo capeggiato dall'ispettore Juzo Megure, così come Conan e Mira - la ragazza con le fattezze di Ran - incontrare sulla propria strada l'avvenente Fujiko, o ancora una storyline particolarmente buffa e quanto mai inaspettata (ma pur sempre interessante) tra il protagonista e Jigen, fino all'atteso incontro finale tra i due primi attori indiscussi del crossover - ovviamente il detective Conan e il ladro Lupin III.

C'è da dire, inoltre, che lo studio di produzione TMS Entertainment, sotto la direzione di Hajime Kamegaki, ha lavorato piuttosto bene nell'amalgamare i due prodotti sotto il profilo tecnico, riuscendo a rendere giustizia ai tratti originali dei protagonisti senza stravolgerne le fattezze, oltre che a utilizzare un buon mix musicale sul piano sonoro in modo da proporre le memorabili colonne sonore di entrambe le serie. Ne risulta buono anche il doppiaggio italiano, che ovviamente riprende le voci ufficiali dell'edizione nostrana dei due rispettivi franchise, creando un buon velo di familiarità con tutti e due i pubblici di riferimento. Insomma, Lupin III vs Detective Conan regala una buona ora e mezza di intrattenimento, intrisa di un'atmosfera piuttosto celebrativa ed evocativa delle situazioni, delle musiche o delle gag più memorabili delle opere di Monkey Punch e Gosho Aoyama: piacevole dunque sotto il profilo del fan service, ma deboluccio sul versante narrativo, con un plot di base (un curioso delitto in un contesto d'alto borgo, intrecciato con le losche macchinazioni di Lupin per appropriarsi di una reliquia regale) che non ci è sembrato dei migliori, sicuramente al di sotto della lunga sfilza di produzioni cinematografiche o di special televisivi appartenenti al ladro gentiluomo o al piccolo e astuto detective di Tokyo.

Lupin III vs. Detective Conan Lupin III vs Detective Conan risulta essere una buona operazione di fan service e un prodotto dal piacevole intrattenimento, capace di amalgamare con sapienza e simpatia i protagonisti più carismatici delle opere di Gosho Aoyama e Monkey Punch. Il plot dello special televisivo datato 2009 risulta però piuttosto deboluccio, ma il crossover si presenta piuttosto bene sotto il profilo tecnico e sonoro. Una visione a cuore e mente leggeri, con un mood disimpegnato, è sicuramente l'approccio più consigliato in caso vogliate passare un'ora e mezza di semplice e genuino divertimento.

6.5