Lupin III vs Detective Conan: The Movie, Recensione: il crossover in Prima TV

Stasera, in Prima TV su Italia 1, il film del 2013 in cui si ripropone il confronto tra il ladro gentiluomo e il piccolo, acuto detective...

recensione Lupin III vs Detective Conan: The Movie, Recensione: il crossover in Prima TV
Articolo a cura di

A una settimana di distanza dalla messa in onda dello special TV del 2009, torna su Italia 1 Lupin III vs Detective Conan. Questa volta si tratta di una prima TV assoluta per la trasmissione Mediaset, poiché parliamo del lungometraggio uscito in Giappone nel 2013 - e arrivato sui grandi schermi italiani, grazie all'iniziativa d due giorni a cura di Lucky Red, soltanto nel 2015 con un evento speciale al cinema. Lupin III vs Detective Conan: The Movie è dunque una sorta di sequel dello special televisivo del 2009 che abbiamo visto sabato 27 gennaio in seconda serata su Italia 1. Questa sera invece, ovvero sabato 3 gennaio e sempre in seconda serata (alle 22:55), potremo gustarci la nuova avventura crossover del ladro gentiluomo e del piccolo, geniale investigatore creato da Gosho Aoyama.

Donne e gioielli

Tokyo. Il celebre e fascinoso Ladro Kid ne ha combinata un'altra delle sue, rubando un prezioso gioiello e impensierendo per l'ennesima volta le forze di Polizia di Tokyo, guidate dall'ispettore Juzo Megure; l'acclamato furfante sfreccia via a bordo della sua auto ma - accompagnato dal solito, iconico e vibrante tema musicale - ecco sopraggiungere il piccolo e scaltro Conan a bordo del suo skate, pronto ad acciuffare Ladro Kid come suo solito. Ma quello a bordo della macchina non è Ladro Kid: il vero fautore del furto si sfila, dunque, la maschera dal volto e scopre la sua identità... Lupin III! Con questa roboante, spettacolare (e decisamente indovinata dal punto di vista scenico, visivo e sonoro) si aprono le vicende del film diretto da Hajime Kamegaki e che vede i due franchise - creati rispettivamente da Monkey Punch e Gosho Aoyama - incontrarsi per la seconda volta, e più precisamente frapporsi nella prima parte di pellicola per poi allearsi, facendo fronte a una minaccia comune all'orizzonte. Tutto inizia, quindi, con il furto di Lupin - travestito da Ladro Kid - di un prezioso diamante, trafugato per salvare la sua amata Fujiko dalle grinfie di un aguzzino che la tiene in ostaggio; il ladro gentiluomo, tuttavia, otterrà la liberta dell'avvenente donna soltanto recuperando il celebre gioiello chiamato Zaffiro Ciliegia e ovviamente incontrerà l'ostilità delle forze dell'ordine di Tokyo.

Dall'ispettore Megure, supportato ancora una volta dall'ispettore Zenigata (dando vita ai soliti e divertenti siparietti), al detective Goro, passando ovviamente per il piccolo Conan/Shinichi. In questo film, a differenza dello speciale TV, vediamo comparire anche Ai Haibara e il terzetto composto dagli scapestrati Ayumi, Genta e Mitsuhiko, oltre al serioso e cupo Gemon. Il cast al gran completo, insomma, per quello che possiamo definire davvero il crossover definitivo tra i due universi: se infatti la trama dello special TV non ci aveva entusiasmato particolarmente, farcita com'è dei soliti cliché tipici delle due rispettive opere, in Lupin III vs Detective Conan: The Movie si avverte un respiro decisamente più ampio. A partire dalla sceneggiatura, più ragionata e diluita in quasi due ore di pellicola, così come il ruolo degli attori in gioco ci è sembrato più credibile e amalgamato. La sensazione è che il film di Hajime Kamegaki sia, a tutti gli effetti, il vero crossover tra Lupin e Conan da considerare degno di questo nome, un deciso passo in avanti sotto ogni punto di vista rispetto allo special televisivo del 2009 - che ci aveva lasciato una sensazione insipida in alcuni frangenti.

Un gioiello anche a vedersi

Dal punto di vista meramente tecnico, complice anche lo scarto di 4 anni in termini produttivi, si avverte un lavoro molto più gradevole alla vista, fatto di modelli più definiti e di un tratto che - in generale - possiamo definire più dettagliato e accorto ai particolari.

Come se non bastasse, l'atmosfera generale ci sembra intrisa molto di più di quelle tinte noir e poliziesche che da sempre contraddistinguono i due prodotti, seppur in modo diverso: più allegro e scanzonato, dalle sonorità jazz, quello di Lupin, e più cupo e serioso, specchio della metropoli nipponica in cui ne sono ambientate le storie, quello di Conan. Due facce della stessa medaglia che si amalgamano in maniera piuttosto soddisfacente, dando vita ad alcuni momenti topici destinati a segnare il racconto - come, ad esempio, i soliti siparietti tra Zenigata e i poliziotti di Tokyo o quelli tra Conan e Jigen Daisuke, fino al solito incontro tra i due protagonisti indiscussi del crossover.

Gli spunti interessanti della trama, però, si esauriscono tutti qui, lasciando spazio a un racconto che resta tutto sommato banale e che non aggiunge nulla di davvero nuovo ai due rispettivi universi: il tesoro da trafugare, la donna da salvare, la giustizia da perseguire. Il merito di questo Lupin III vs Detective Conan: The Movie, sta però tutto nel saper amalgamare molto meglio situazioni, contesti e personaggi in gioco (anche con un cast superiore in termini numerici) con una maestria chiaramente maggiore rispetto all'esperimento del 2009, impreziosito da un comparto estetico a sua volta più gradevole.

Lupin III vs. Detective Conan Archiviato il godibile (ma per certi versi insipido) special TV del 2009, Lupin III vs Detective Conan: The Movie si dimostra molto più consapevole dei propri mezzi. Con una sceneggiatura più lunga e coesa e un comparto tecnico-estetico decisamente sopra le righe, il film di Hajime Kamegaki riesce ad amalgamare sapientemente tutti i personaggi in gioco in quello che possiamo definire come il miglior crossover delle opere di Monkey Punch e Gosho Aoyama. Certo, rimane qualche difetto che va ricercato soprattutto a livello narrativo: la trama e i suoi sviluppi, ad esempio, non aggiungono nulla in più rispetto a un "banale" episodio di Lupin o Detective Conan. Il risultato finale, tuttavia, può essere sicuramente promosso per una visione a cuore e mente leggeri.

7