Netflix

Pokémon: Le cronache di Arceus Recensione: un anime tra passato e presente

Arriva su Netflix lo speciale animato ispirato a Leggende Pokémon Arceus. Ash e Pikachu tornano in questa entusiasmante avventura nella terra di Sinnoh.

Pokémon: Le cronache di Arceus Recensione: un anime tra passato e presente
Articolo a cura di

È il 28 gennaio 2022, Leggende Pokémon: Arceus arriva finalmente su Nintendo Switch. Una nuova avventura, diversa da tutte le altre, ha inizio nella terra di Hisui, quella che ora conosciamo come regione di Sinnoh. Il capitolo videoludico divide i fan del franchise, e tra chi tentenna sull'effettiva riuscita del prodotto, c'è un pubblico pronto a lasciarsi affascinare da questo antico mondo, in cui Pokémon ed esseri umani non sono ancora in grado di vivere insieme. The Pokémon Company non si ferma, Leggende Pokémon: Arceus ispira due prodotti successivi: una miniserie affidata a WIT Studio e uno speciale animato. Quest'ultimo è Pokémon: Le cronache di Arceus, approdato su Netflix il 23 settembre.

Originariamente è pensato come una serie TV di quattro episodi, capitoli speciali di Pokémon Esplorazioni. L'anime è trasmesso dalla televisione Giapponese in concomitanza con l'uscita di Leggende Pokémon: Arceus, il 21 e il 28 gennaio su Prime Video. Netflix Italia decide di unire gli episodi in un unico lungometraggio dalla durata di 63 minuti, con doppiaggio in italiano.

Un bell'omaggio a Leggende Pokémon: Arceus

Ash e il suo amico Goh, insieme all'inseparabile Pikachu, si recano nella regione di Sinnoh per una ricerca. Insieme a Lucinda e a Camilla, questa spedizione si trasforma ben presto in una rischiosissima avventura. I protagonisti devono affrontare una minaccia incombente derivata da un misterioso complotto del Team Galassia. Tra avvincenti combattimenti e scoperte strabilianti, Ash e i suoi compagni indagheranno sulla leggenda del Pokémon Arceus, la Creatura Originaria, e tenteranno di fermare il folle piano dei nemici.

Quando i protagonisti arrivano a Sinnoh, incontrano subito Lucinda vestita in abiti tradizionali. È lo stesso costume che troviamo in Leggende Pokémon: Arceus. È in corso, infatti, il Festival di Sinnoh, una rievocazione di Hisui. Camilla accompagna Ash e Goh alla Mostra di Storia, utile alla loro ricerca. Qui possono osservare delle fedeli riproduzioni delle antiche Pokéball in legno, costruite consultando i disegni degli artigiani del tempo.

Questo è un brillante espediente per introdurre tanti omaggi al capitolo videoludico. Qualcosa di molto simile accade nell'episodio di Evolzioni Pokémon dedicato a Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente, remake dei titoli del 2006. Nell'approcciare ad un prodotto d'animazione, ci si aspetta richiami fedeli al videogioco, in modo da rivivere quell'esperienza, pur con un approccio differente. Le cronache di Arceus riesce bene in questo intento, offrendo continui rimandi.

Come accennato, questo non è l'unico prodotto ispirato al gioco per Nintendo Switch. Nel maggio 2022 WIT Studio adatta Arceus in un anime: Pokémon: La neve di Hisui.

Si tratta di una miniserie di soli tre episodi, ambientati dunque nella terra che precede Sinnoh. Mentre questo, quindi, crea ex novo una piccola storia avvenuta nel passato, l'abilità di Le cronache di Arceus sta nel riuscire a congiungere i tempi lontani al presente, con protagonisti attuali che si confrontano con terre e creature remote, attraverso espedienti narrativi ben riusciti come quello del Festival.
In fondo, il fascino del franchise è anche quello di riuscire a proporre, anche dopo 25 anni, personaggi, situazioni ed elementi di titoli ormai passati, ma mai superati. È per questo che non ci stanca mai di personaggi ormai immortali, né di storie che raramente raccontano qualcosa di inedito, ma che sono spesso un sapiente connubio di tutto ciò che, negli anni, The Pokémon Company ha riservato al proprio fedele pubblico. È emozionante e stimolante, quindi, incontrare ancora una volta figure familiari come Brock, trovare i personaggi e i Pokémon Leggendari di Diamante e Perla, e assistere al mescolarsi di tante piccole storie per creare soluzioni sempre differenti.

Un'avventura coinvolgente con uno stile rassicurante

Rispetto a La neve di Hisui, Pokémon: Le cronache di Arceus riesce a raccontare una storia semplice ma completa. Pur di breve durata, il lungometraggio supera quei tempi minimi della miniserie, così dilazionata nel tempo. Una mossa intelligente è quella di accorpare i singoli episodi in un'unica opera coesa, da guardare tutta d'un fiato. Questo speciale ha una trama piacevole, che senza particolari guizzi riesce ugualmente a trasportare il pubblico dall'inizio alla fine, intrattenendolo.

Nonostante, nel complesso, questo prodotti non lasci pienamente il segno, resta una gradevole parentesi all'interno dell'anime Pokémon Esplorazioni. I riferimenti al gioco entusiasmano forse più dell'avventura stessa, che comunque possiede un risvolto interessante. È incredibile come, ogni volta, l'apparizione dei Pokémon Leggendari, come il grande e misterioso Arceus oppure Manaphy e Phione, sia sempre un'emozione più unica che rara.

Essendo parte dell'anime principale, il lungometraggio ne riprende fedelmente il design, che nel corso del tempo non tutti i fan hanno apprezzato. La miniserie Evoluzioni Pokémon, ad esempio, presenta un disegno dalle forme più appaganti. Ciononostante, si è pur sempre di fronte ad una buona animazione, che gode di scelte stilistiche coerenti. Colori, bagliori e luminescenze dominano le scene di combattimento tra i Pokémon, creando un turbinio di tonalità splendenti. Il doppiaggio italiano, da sempre fedele persino alla prima stagione dell'anime, è quel gioiellino che avvolge lo spettatore con un velo di nostalgia. Non importa quanto il franchise si spinga oltre con nuove storie ed ennesime avventure: i Pokémon troveranno il modo di ricordare a tutti le proprie origini.

Pokémon: The Arceus Chronicles Pokémon: Le cronache di Arceus è uno speciale animato in grado di omaggiare il capitolo videoludico di riferimento, trasportandolo dal passato all'era presente e creando soluzioni ben intersecate tra loro. Il racconto è piacevole, semplice e lineare, niente di troppo innovativo ma in grado di intrattenere il pubblico con un'avventura che, di tanto in tanto, lo riporta ad altri capitoli della saga, con il ritorno di personaggi amati. Sicuramente un prodotto più consapevole rispetto al precedente omaggio a Leggende Pokémon: Arceus. È maggiormente compiuto e appagante, nonostante il design dell'anime di riferimento divida da sempre il gusto del pubblico.

7.3