Secret Empire 0: Recensione del preludio allo sconvolgente evento Marvel

Il preludio alla saga in cui il più grande nemico dei supereroi Marvel è anche il loro più valoroso leader: inizia l'Impero Segreto di Steve Rogers.

recensione Secret Empire 0: Recensione del preludio allo sconvolgente evento Marvel
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

"Per dirla in breve, se decidi di far dire a Capitan America la frase ‘Hail Hydra', farai meglio ad avere un piano. E noi ne abbiamo uno". Le parole di Axel Alonso, Editor in Chief presso la Marvel, risuonano ancora roboanti nelle orecchie dei fan della Casa delle Idee. In un momento editoriale complicato, in cui il nuovo corso della Marvel fumettistica riemerge acciaccato da una Civil War II che non ha convinto appieno, ci accingiamo a vivere un inverno e una primavera all'insegna di uno degli eventi crossover più sconvolgenti degli ultimi anni: Secret Empire sta finalmente per esordire anche in Italia, in un ciclone di eventi che coinvolgerà quasi tutte le testate Marvel edite da Panini Comics. Il numero 0, che funge da preludio al primo volume (che arriverà il 23 novembre) insieme a Capitan America 22, è disponibile in edicola e fumetteria dallo scorso 9 novembre: lo abbiamo letto e siamo pronti a dirvi la nostra.

Tutto torna

Alle redini di Secret Empire, anche per quanto riguarda il numero 0, troviamo quel Nick Spencer che guida ormai con il pilota automatico la testata dedicata ai due Capitan America tutt'ora in circolazione - anche se, a giudicare dagli eventi mostrati nel numero 21 nella serie dedicata a Sam Wilson, questo status quo sta per cambiare nuovamente. Le prime tavole di Secret Empire 0, caratterizzate da un prologo piuttosto criptico, ci mostrano tutto l'estro della matita di Rod Reis, che ci porta dalle parti di un rituale che coinvolge Cap e l'Hydra, rivelandoci antiche origini e personaggi misteriosi. Il resto dell'albo, invece, è illustrato con il tratto diverso, ma ugualmente magistrale, di Daniel Acuña, che insieme ai testi di Spencer ci racconta le prime, sconvolgenti vicende dell'Impero Segreto di questo inedito Steve Rogers. Ricordiamo che Cap, in seguito ai fatti accaduti nel corso dell'evento Standoff, ha subito una brusca modifica ai suoi ricordi grazie all'intervento di Kobik -una manifestazione antropomorfa del cubo cosmico con le sembianze di una bambina - manipolata dal Teschio Rosso affinché l'entità rimodellasse il passato della Sentinella della Libertà, rendendolo un infiltrato dell'Hydra tra i ranghi dello S.H.I.EL.D. e degli Avengers: i vari numeri della serie dedicata a Steve, dopo quella scioccante e controversa rivelazione che ha scosso l'intero fandom del supereroe Marvel (quella fatidica vignetta del primo numero della nuova serie di Steve Rogers, in cui il più grande nemico dell'Hydra pronuncia l'ultima frase che ci saremmo aspettati di sentire) ci hanno poi mostrato come Cap abbia scalato le gerarchie dello S.H.I.E.L.D. diventandone il direttore e facendo segretamente terra bruciata nei confronti di ogni possibile ostacolo, spianando la strada al suo terribile e imminente impero segreto.

Captain Hydra

Ciò che accade in Secret Empire 0 è una naturale conseguenza di tutto questo: con una narrazione serrata, colma di dialoghi ma mai troppo lontana dal vivo dell'azione, assistiamo a una prima messa in atto del tremendo piano di Capitan America, deciso a eliminare con ogni mezzo le maggiori superpotenze a difesa della Terra con un trucco tanto astuto quanto crudele e che rivolterà contro Carol Danvers quegli stessi mezzi che l'eroina era intenzionata ad utilizzare. Scandita dal racconto in "voice over" di un narratore onnisciente di cui ancora non conosciamo l'identità, la trama di Secret Empire 0 rappresenta il principio di un'oppressione che si trova soltanto nella sua fase iniziale, nonché l'esordio per uno dei periodi più oscuri che la Marvel possa ricordare, perlomeno negli ultimi anni. Probabilmente per la prima volta, almeno da tanto tempo, l'identità del più grande nemico degli eroi Marvel corrisponde anche a quella del loro esponente più grande, del paladino più valoroso, dell'uomo con i valori più alti, con la morale più profonda e con la pietà più intensa; il più grande leader che gli Avengers o altri supergruppi abbiano mai conosciuto, il guerriero più esperto e il veterano più saggio di tutti, il punto di riferimento per intere generazioni. Prendete tutto questo e spogliatelo di tutte le qualità positive ed eroiche e avremo, probabilmente, uno dei villain più interessanti, crudeli e spaventosi che la Marvel possa annoverare nel suo vastissimo pantheon di super esseri, dei e mostri. Tre figure che, per un motivo o per un altro, potrebbero convergere in questo nuovissimo e oscuro Capitan America... o meglio, Capitan Hydra.


Secret Empire Non siamo neanche all’inizio di uno degli eventi crossover più sconvolgenti che la Marvel possa annoverare negli ultimi anni, ma Secret Empire 0 ci porta in un preludio di vicende che lasciano presagire grandi cose. Gran parte delle storie che abbiamo letto in questi mesi - a partire dai primi albi della Nuovissima Marvel, passando per l’evento Standoff, per la tremenda rivelazione di Cap e poi per l’altalenante Civil War II - convergono nelle prime pagine narrate da Nick Spencer e disegnate da Rod Reis e Daniel Acuña, che fanno da apripista a una serie di autori blasonati che presteranno la propria matita ai numeri della serie principale di Secret Empire. La trama raccontata in questo Volume 0 ci mostra soltanto il preludio di ciò che Cap vuole mettere in atto e la sensazione è di trovarsi, dopo tanto tempo, in una situazione oscura e oppressiva, nella quale quei pochi eroi rimasti a difesa del pianeta dovranno cimentarsi in una strenua operazione di resistenza per far crollare l’Impero Segreto. Un impero sorretto dal più grande leader e soldato che l’umanità abbia conosciuto, che questa volta ritroviamo spogliato di tutti i suoi valori positivi e governato da una crudeltà senza precedenti: Captain America, uno dei supereroi più valorosi e iconici di sempre, si candida a ergersi nell’Olimpo dei villain della Marvel.

8