Amazon Prime Video: gli anime da seguire e da recuperare a marzo

A marzo arrivano Conan, il ragazzo del futuro e Eureka Seven: scopriamo quali sono gli anime da vedere e da recuperare su Amazon Prime Video.

Amazon Prime Video: gli anime da seguire e da recuperare a marzo
Articolo a cura di

Il catalogo di Amazon Prime Video diventa sempre più ricco, tra serie e film originali e non che vengono aggiunti nel corso dei mesi; nella vasta libreria che la piattaforma streaming offre ai suoi iscritti, non mancano certo gli anime. Negli ultimi mesi abbiamo potuto vedere l'arrivo di veri e propri cult, la maggior parte dei quali portati da Yamato Video, e simulcast e simuldub, come la quarta stagione de L'Attacco dei Giganti, grazie soprattutto a Dynit; oppure esclusive come il film Goblin Slayer: Goblin's Crown, arrivato direttamente in streaming con doppiaggio italiano.

Inoltre, grazie alla collaborazione con Amazon, Dynit ha annunciato che distribuirà Bleach, per la prima volta in Italia e in esclusiva proprio sulla piattaforma streaming. In attesa di ricevere qualche informazione in più sull'arrivo dell'atteso adattamento del manga di Tite Kubo, possiamo recuperare gli altri anime che si sono aggiunti nel mese di febbraio.

Mazinger Edition Z (26 marzo)

Go Nagai può essere considerato il padre dei mecha, ma anche di altri titoli che sono diventati colonne portanti sia dei manga che degli anime: a lui si devono capolavori come Getta Robot, UFO Robot, e Devilman. Tuttavia, se si pensa ai mecha, si pensa inevitabilmente a Mazinger Z e a tutte le opere derivate, tra manga ed anime.

Nel 2009 gli studi Bee Media e Code collaborano per produrre Mazinger Edition Z, un remake in chiave moderna del celebre robottone; la serie conta 26 episodi ed è arrivata per la prima volta in Italia nel 2011 sul canale di SKY Man-Ga, ma a partire dal mese di marzo sarà disponibile per lo streaming su Amazon Prime Video.

Mazinger Edition Z è ambientato in un futuro in cui gli scienziati sono riusciti a trovare una nuova fonte di energia che potrebbe risolvere la crisi energetica che sta affliggendo il mondo: il Fotone, che viene estratto dalle colline del monte Fuji. Tuttavia, il folle Dr. Hell vuole mettere le mani sui fotoni, per conquistare il mondo con un esercito di creature meccaniche dissepolte da antiche rovine greche e con i suoi generali Barone Ashura, Conte Brocken e Visconte Pygman.

Il genere umano ripone le speranze nel giovane Koji Kabuto e nel mecha Mazinger Z, costruito da suo nonno e alimentato dall'energia fotonica. Nel corso della continua battaglia tra Koji e le forze del male del Dr. Hell emergeranno verità sulle origini del Mazinger Z, legato a doppio filo all'antica civiltà di Micene e all'Isola di Bardos.

Conan, il ragazzo del futuro (29 marzo)

L'Isola Perduta è un luogo costruito da un gruppo di naufraghi scampati all'esplosione di bombe elettromagnetiche che hanno eliminato gran parte dell'umanità. Dopo 20 anni i naufraghi sono morti, eccezion fatta per Conan, l'unico ragazzo ad essere nato sull'isola, e l'anziano saggio che lo ha cresciuto.

Vivendo unicamente sull'isola, Conan è convinto che quello sia l'unico luogo ancora abitato della Terra, ma si ricrede quando trova sulla spiaggia Lana, la quale è scappata dalle grinfie della nazione di Industria che la vuole prendere come ostaggio, per costringere il nonno ad avviare i macchinari. Improvvisamente, Monsley, il miglior pilota di Industria, rapisce Lana: Conan lascia subito l'isola per intraprendere un viaggio per ritrovare la ragazza e che lo porterà a determinare le sorti del mondo.

Nel 1978, Hayao Miyazaki e Isao Takahata realizzano la loro seconda serie: Conan, il ragazzo del futuro, tratto dall'omonimo romanzo di fantascienza di Alexander Key. In Italia l'anime ha debuttato nel 1981 su alcune emittenti televisive locali. Recentemente Dynit ha annunciato la versione in alta definizione con il doppiaggio del 2007: la nuova versione di Conan, il ragazzo del futuro arriverà in streaming su Amazon Prime Video a partire dal 29 marzo; inoltre, gli appassionati potranno acquistare anche la versione home-video, che permetterà di scegliere tra il doppiaggio storico, e quello più recente.

Eureka Seven (31 marzo)

Renton Thurston vive nella desolata cittadina di Bellforest ed è per questo che decide di dare una scossa alla propria vita abbandonando la sua casa e unendosi al gruppo di mercenari Gekko State. Tuttavia, il protagonista non riesce a lasciare la città, perché da un lato il nonno insiste affinché diventi un meccanico come lui, dall'altro, deve prendersi cura dell'eredità del defunto padre; l'unico momento di svago che il giovane riesce a trovare è quando cavalca le onde Trapar.

Un giorno, Renton vede uno strano oggetto precipitare nel garage: è il Nirvash, il più potente tra i Light Fighting Operation, ovvero particolari mecha in grado di cavalcare le onde Trapar. Dal veicolo esce la giovane pilota Eureka, che si accorda con il Nostro per riparare il robottone.

Questo è solo l'inizio dell'avventura di Renton, che lo porterà ad arruolarsi nei Gekko State e ad essere il co-pilota di Eureka nel Nirvash.
Nel 2005, lo studio Bones realizza Eureka Seven, una serie di 50 episodi che ha riscontrato i favori sia del pubblico che della critica; in Italia è arrivato solo nel 2010 e al momento è disponibile su VVVVID, con doppiaggio italiano, ma a partire da marzo approderà anche su Amazon Prime Video.

Promare

Lo studio d'animazione Trigger è riuscito a conquistare il pubblico non solo per le idee originali dietro i suoi prodotti, ma anche per uno stile artistico a dir poco unico, con un tratto a matita psichedelico.

Dopo il successo di Kill La Kill, nel corso degli anni lo studio si è fatto conoscere con titoli come Little Witch Academia, Darling in the Franxx, e più recentemente con l'esclusiva Netflix BNA: Brand New Animal (queste sono solo alcune delle serie prodotte dallo studio, per approfondire le altre vi rimandiamo al nostro speciale sui migliori anime dello studio Trigger). Nel 2019 Hiroyuki Imaishi, fondatore dell'azienda, decide di fare un passo in avanti e dirige il primo lungometraggio targato Trigger: Promare.

Da tempo, il genere umano è minacciato dai Burnish, mutanti che hanno il potere di controllare il fuoco e che seminano il panico al loro passaggio. Gli unici che possono tenere testa ai Burnish sono i pompieri della Burning Rescue; tra questi vi è Galo Thymos, il quale ha deciso di seguire le orme del suo idolo Kray Foresight dopo che gli ha salvato la vita. Nella sua continua lotta contro i mutanti, Galo s'imbatte in Lio Fotia, il leader dei Mad Burnish, una cellula terroristica che negli ultimi anni sta seminando caos e distruzione.

Dopo essere arrivato nei cinema italiani dal 3 al 5 febbraio 2020, Promare è approdato in streaming prima su Netflix e a partire da febbraio anche su Amazon Prime Video.

Ecco la nostra recensione di Promare.

Devil May Cry

Tratto dal celebre videogioco di CAPCOM, la serie di Devil May Cry segue le vicende dello sterminatore di demoni Dante, proprietario dell'agenzia Devil May Cry, a cui si rivolgono coloro che hanno bisogno del suo aiuto. Il protagonista affronta le creature infernali armato della sua fedele spada Rebellion e delle sue inseparabili pistole Ebony e Ivory.

Nella prima missione, Dante deve scortare la piccola Patty Lowell alla villa di famiglia per riscuotere l'eredità che le spetta, ma durante il tragitto deve affrontare i demoni che cercano di uccidere la bambina. Al termine dell'incarico, Patty diventa una presenza costante nella vita di Dante. Ovviamente, nel corso delle puntate faranno la loro apparizione anche Lady e Trish, figure storiche della saga videoludica.

La serie è realizzata dallo studio Madhouse ed ha debuttato in Giappone nel 2007, per un totale di 12 episodi; in Italia, invece, è andata in onda nel 2010 sul canale SKY Man-Ga, con doppiaggio italiano. Dopo essere approdato per lo streaming su Netflix (dove non è più disponibile), Devil May Cry si aggiunge alla libreria anime di Amazon Prime Video.

Per approfondire meglio l'avventura dello sterminatore di demoni Dante, vi rimandiamo alla nostra recensione di Devil May Cry.

Inuyasha - dalla stagione 5 alla 7

Rumiko Takahashi è nota come la Regina dei manga, perché nel corso della sua lunga carriera ha pubblicato fumetti che sono entrati ormai nell'immaginario comune di molti appassionati: basti pensare a Lamù, Ranma ½, Maison Ikkoku - Cara dolce Kyoko, e più recentemente Mao, che è ancora in fase di pubblicazione (a proposito, per conoscere meglio il nuovo progetto di Rumiko Takahashi vi rimandiamo alla nostra anteprima di Mao).

Tra le varie opere realizzate dalla mangaka, Inuyasha è una di quelle che è riuscita a conquistare una buona fetta di pubblico; a seguito del successo ottenuto, nel 2000 lo studio d'animazione Sunrise realizza una trasposizione animata, arrivata in Italia nel 2001 su MTV. Nei mesi precedenti, le prime 4 stagioni di Inuyasha hanno arricchito Amazon Prime Video, ma nel corso di febbraio sono state aggiunte le stagioni mancanti, ovvero dalla 5 alla 7.

Kagome Higurashi è una studentessa che vive nel tempio shintoista di famiglia. Un giorno, la protagonista viene trascinata all'interno di un pozzo dal demone millepiedi Joro, che vuole impadronirsi della Sfera dei Quattro Spiriti: un potente manufatto che può conferire ai demoni un potere incommensurabile. Quando si risveglia, la giovane si ritrova nel Giappone dell'era Sengoku, dove incontra la sacerdotessa Kaede, che si rende conto che la ragazza è la discendente della sorella Kikyo.

Kagome viene nuovamente aggredita dal demone millepiedi: sembra che l'unica speranza di sopravvivenza sia un mezzo-demone incatenato ad un albero, Inuyasha. Circa 50 anni prima, il mezzo-demone venne imprigionato dalla sacerdotessa Kikyo poiché aveva cercato di impossessarsi della Sfera dei Quattro Spiriti per diventare un demone completo. Una volta libero, Inuyasha elimina Joro e tenta di rubare il gioiello.

La situazione prende una piega inaspettata quando una creatura alata trafuga la Sfera: Kagome cerca di ucciderla con una freccia, ma per sbaglio colpisce il manufatto rompendolo in piccoli frammenti, che si disperdono nelle varie regioni del Giappone.

Kagome ed Inuyasha intraprendono un lungo viaggio per recuperare le schegge della Sfera dei Quattro Spiriti: incontreranno fedeli compagni come la volpe Shippo, il monaco Miroku e la sterminatrice di demoni Sanko; allo stesso tempo, però, dovranno affrontare anche minacciose creature infernali, alcune delle quali agiscono in nome del demone Sesshomaru, fratello di Inuyasha.

Qui potete recuperare la nostra recensione di Inuyasha.

Alpen Rose

Mentre sta passeggiando per la campagna Svizzera, Lundi trova una ragazza, che sembra aver perso la memoria dopo essere sopravvissuta ad un incidente aereo. Il giovane decide di accoglierla a casa sua e di darle il nome di Judy. I due crescono insieme, ma quando la ragazza raggiunge i 16 anni si rende conto che vuole scoprire il suo passato; Lundi accetta di aiutarla.

L'unico indizio che Judy ha è una canzone che le rimbomba nella testa: Alpen Rose. In un'Europa devastata dalla Seconda Guerra Mondiale, Judy e Lundi intraprendono un viaggio per raggiungere il loro obiettivo, ritrovandosi da soli ad affrontare ogni ostacolo, grazie alla forza di un amore che sta sbocciando.

Alpen Rose, serie del 1985, è l'adattamento dell'omonimo manga shojo ad opera di Tatsunoko Production; in Italia l'anime è arrivato nel 1986 su Rete 4, ma nel 2006 Yamato Video pubblica i DVD della versione integrale e con un nuovo doppiaggio. A partire da febbraio, la nuova versione di Alpen Rose è disponibile a tutti gli abbonati Amazon Prime Video.