Captain Tsubasa - Holly e Benji, analisi episodio 3: il pallone è tuo amico

Roberto Hongo impartirà la prima lezione ai ragazzi della squadra Nankatsu: galvanizzati da Tsubasa, Ryo e gli altri vanno incontro alla prima vittoria!

speciale Captain Tsubasa - Holly e Benji, analisi episodio 3: il pallone è tuo amico
Articolo a cura di

Prosegue l'appuntamento settimanale con Captain Tsubasa, l'anime remake della serie classica che tutti abbiamo imparato a conoscere in Italia come il nome di Holly e Benji - grazie alla messa in onda di Mediaset e all'edizione italiana del manga originale di Yoichi Takahashi, curata da Edizioni Star Comics. E prosegue, quindi, il sogno del piccolo Tsubasa Ozora, intenzionato a diventare un calciatore professionista e che, trasferitosi con la mamma presso Nankatsu City, sta imparando a confrontarsi con i primi ostacoli e i primi rivali, ma anche i primi insegnamenti, per la strada verso il successo.

Un allenamento istruttivo

Intitolato "Un nuovo inizio per la Squadra Nankatsu", l'episodio 3 di Captain Tsubasa - Holly e Benji aggiunge un altro, piccolo tassello all'avventura del piccolo e promettente Ozora. Dopo aver imparato da Roberto Hongo, ex campione della nazionale brasiliana con origini giapponesi giunto in terra nipponica per faccende personali, la tecnica della rovesciata, sotto lo sguardo stupefatto del calciatore e del suo nuovo amico, Ryo Ishizaki, Tsubasa si prepara a entrare nella squadra di calcio della scuola elementare Nankatsu per partecipare al torneo interscolastico e sfidare i rivali della Shutetsu, di cui Genzo Wakabayashi è il capitano e con il quale il protagonista ha promesso di sfidarsi in un match ufficiale. Inizialmente iscritto alla Shutetsu per l'inizio del nuovo anno scolastico, Holly (Tsubasa) convince la madre a fare domanda di trasferimento per la Nankatsu, in modo da poter competere al fianco di Ryo e sfidare il suo nuovo rivale; intanto, l'aspirante campione riceve una sorpresa: Roberto Hongo è un caro amico di suo padre e, arrivato in Giappone per sistemare degli affari personali, soggiornerà a casa Ozora per tutto il tempo che gli occorre. Tsubasa avrà quindi occasione di vivere costantemente con il suo nuovo allenatore, sia in campo che fuori, imparando ogni segreto sul diventare un vero campione.

Il giorno seguente, Ryo presenta il suo nuovo amico ai compagni di squadra assicurandogli che Tsubasa è di un'abilità stratosferica, ma il gruppo viene interrotto da un'altra squadra rivale: i ragazzi della Nishigaoka, una città limitrofa a Nankatsu City. Capitanati da Hanji Urabe, i nuovi avversari dei protagonisti affermano di voler mantenere una vecchia promessa fatta a Ishizaki, ovvero allenarsi insieme: l'obiettivo, ovviamente, è umiliare i poveri bambini della Nankatsu, che già precedentemente avevano subito una cocente sconfitta contro quelli della Nishigaoka. Raggiunti, poi, da Roberto Hongo, che insieme a Tsubasa li sprona a partecipare al match, i due team si preparano a una sfida in due tempi da venti minuti ciascuno.

A tu per tu col pallone

Gli studenti della Nankatsu accettano a malincuore, convinti di subire l'ennesima disfatta, ma Roberto Hongo cerca di tirarli su di morale, seppur lasciandoli schierare in campo senza dettare le regole su uno schema preciso e permettendogli di prendere la posizione più congeniale a ciascuno degli undici titolari.

L'obiettivo dell'ex campione è quello di osservare le abilità dei suoi nuovi allievi, al fine di carpirne punti di forza e debolezze e conoscerli meglio dal punto di vista atletico e sportivo. Mentre Benji (Genzo) li osserva silenzioso da un'altura, il fischietto dell'arbitro segna l'inizio della partita, con i giocatori della scuola di Nishigaoka che aprono il match in possesso di palla: nonostante Ishizaki e i suoi compagni si cimentino in alcune scivolate per rubare palla agli avversari, gli attaccanti capitanati da Urabe riescono facilmente a dribblarli portandosi nella metà campo dei nostri beniamini.

Ma sarà quando si ritroveranno davanti Tsubasa, notando che si tratta di un nuovo studente, che inizieranno i guai: il nostro eroe riesce facilmente a sradicare il pallone dai piedi degli avversari e mette a frutto il primo insegnamento che Roberto Hongo ha riservato ai suoi calciatori poco prima che iniziasse la sfida. "Il pallone è il tuo migliore amico": Tsubasa è uno che, come si direbbe in gergo calcistico, al pallone gli dà del "tu", motivo per cui - con un gesto provocatorio - retrocede nell'area della sua difesa e, da quella posizione, sferra un calcio potentissimo, spedendo il pallone nella rete avversaria sotto gli occhi increduli di tutti i giocatori in campo. Galvanizzati dalla grinta e dal carisma di Tsubasa, che si rende protagonista di diversi scambi intelligenti con i suoi compagni, i ragazzi della Nankatsu acquistano terreno, prendono coraggio e iniziano a muoversi autonomamente, dimostrando la propria reale abilità e riuscendo a infliggere ai propri rivali una sonora sconfitta. Mentre i suoi allievi celebrano Tsubasa, vero e proprio fuoriclasse che li ha condotti al trionfo, Roberto li osserva orgoglioso, consapevole del fatto che i ragazzi hanno imparato la prima lezione che desiderava impartirgli: essere amici con il pallone, diventando un tutt'uno con esso. Ancora applausi allo staff di David Production, che ancora una volta confeziona un episodio di buon livello, che riesce a raccontarci una partita di calcio con un dinamismo ormai lontano dai match infiniti e caricaturali che "affliggevano" la serie in passato, impreziosendo il tutto con accompagnamenti musicali ben realizzati e decisamente coinvolgenti. I disegni non fanno miracoli, proponendo una versione più rifinita e moderna del character design originale - e questo, ormai, è assodato - ma il tutto viene compensato sempre dalle colorazioni sgargianti e dalla qualità delle animazioni, eccezionalmente fluide e, per questo, godibili.

Holly e Benji - Captain Tsubasa Guardare il nuovo anime di Captain Tsubasa è sempre di più un gran piacere per gli occhi: finora, lo staff di David Production è riuscito a rendere la serie di Holly e Benji al tempo stesso innovativa e rispettosa della tradizione, con disegni che non tradiscono il character design originale ma che vengono impreziositi da animazioni di alto livello, colori sgargianti, un comparto visivo in alta definizione e accompagnamenti musicali altamente coinvolgenti. La strada verso il successo di Tsubasa Ozora prosegue a piccoli passi, ma procede spedita verso match ben più importanti, e noi non vediamo l'ora.