Da Dragon Ball a Evangelion: le migliori opening degli anime

Cosa sarebbe un bell'anime senza un altrettanto bella opening? Abbiamo raccolto per voi quelle che sono (per noi) quelle più iconiche. Le conoscete?

speciale Da Dragon Ball a Evangelion: le migliori opening degli anime
Articolo a cura di

Ogni storia che si rispetti, specialmente quelle più memorabili, spesso e volentieri diventano tali non soltanto grazie alla qualità della narrazione in sé, ma anche per un insieme di altri fattori, più o meno evidenti ed appariscenti. Questa verità si rispecchia in gran parte anche nel mondo degli anime, divenuti col passare del tempo un vero e proprio pilastro della cultura pop moderna. È innegabile quanto alcuni elementi risaltino maggiormente rispetto ad altri: qualità delle animazioni o dei disegni, livello del character design, originalità della storia, solo per citarne alcuni. Ma cosa sarebbe un bell'anime senza un'altrettanto gradevole opening? Nel corso degli anni tanti artisti hanno realizzato dei pezzi indimenticabili, rimasti indelebili nella mente dei tantissimi fan, sia perché legati all'anime in questione sia, semplicemente, per la beltà del pezzo in sé. Sulla scia del recente successo di Cruel Angel's Thesis, indimenticabile sigla di apertura di Neon Genesis Evangelion, abbiamo deciso di stilare per voi una lista delle opening più belle o che hanno lasciato un segno particolare nella storia dell'animazione giapponese. Siete pronti a lasciarvi trasportare dalla nostalgia?

Tough Boy - Hokuto no Ken

Non avremmo potuto iniziare diversamente questa gigantesca carrellata. I meno giovani ricorderanno sicuramente la splendida opening della seconda stagione di Hokuto no Ken, una delle più iconiche di tutto il panorama dell'industria degli anime giapponesi. Spettacolare ed adrenalinica come poche, la sigla targata Tom Cat, arrivata nel 1987, riesce a trasmettere le stesse sensazioni dell'anime: un mix perfetto tra potenza e creatività, senza mai dimenticare di essere pur sempre una storia basata sui sentimenti, forti e mai banali, che muovono le azioni di tutti i vari protagonisti dell'opera.

Kimi ga Suki Da to Sakebitai - Slam Dunk

Per tutti gli appassionati di basket o di sport in generale (ma non solo), Slam Dunk è uno dei manga/anime di culto degli anni novanta, e probabilmente di sempre. Insomma, non poteva di certo passare inosservato. Impossibile, invero, non ricordare le emozionanti gesta di Hanamichi Sakuragi, teppista di periferia che per amore della bella Haruko Akagi finisce per diventare un grandissimo appassionato e giocatore di basket. Così come la storia, indimenticabili sono anche le sigle dedicate all'anime, in particolare l'opening, curata dalla band rock giapponese Baad, in attività fino al 1999. Un pezzo che trasuda grinta da ogni poro, capace di rendere l'appuntamento con l'opera del maestro Inoue-san ancora più imperdibile!

Dan Dan Kokoro Hikareteku - Dragon Ball GT

Impossibile non ricordare con un sorriso sulle labbra la sigla d'apertura di Dragon Ball GT, uno dei prodotti più controversi dedicati all'opera di Akira Toriyama. Seppur non sia risultata memorabile come Dragon Ball Z, la serie (non curata da Toriyama-san in prima persona) ha proprio nella magnifica opening uno dei suoi pregi maggiori. Il brano, cantato dalla popolare rock band nipponica Field of View, è un singolo uscito nel 1996, e ha una caratteristica peculiare: il testo della canzone non c'entra assolutamente nulla con la storia dell'anime, giacché rappresenta una dichiarazione d'amore. Una chicca di tutto rispetto, ma che non incide più di tanto sull'indice di gradimento di uno dei brani più emblematici per chi mastica pane e anime giapponesi.

Cruel Angel's Thesis - Neon Genesis Evangelion

Qui si gioca veramente duro: il brano in questione, opening dell'apprezzatissimo anime Neon Genisis Evangelion, è recentemente stato premiato come "miglior canzone tratta da un anime degli ultimi trent'anni" e la cosa non ci sorprende più di tanto. Ci troviamo di fronte a uno dei pezzi più emozionanti di sempre, capace di trasportare lo spettatore grazie alla sua melodia inconfondibile (ma non solo), eseguito nell'ormai lontanissimo 1995 dall'artista Yoko Takahashi. Voi lo ricordate?

Sign - Naruto Shippuuden

L'opening theme della sesta stagione di Naruto Shipuuden è probabilmente una delle più belle tra quelle riguardanti l'anime dedicato al ninja più amato del mondo. La splendida canzone è firmata dai Flow, una delle band più famose nel Paese del Sol levante, e si sposa perfettamente con la drammaticità degli eventi narrati nella serie in questione, in particolare con la tristissima dipartita di uno dei personaggi più amati dell'intero universo creato dal maestro Kishimoto: Jiraya. Per quanto ci riguarda, è praticamente un delitto non emozionarsi sulle note di questo splendido brano, magari ripensando - con tanto di lacrima sul viso - al grandissimo Ero Sennin, passato ormai a miglior vita per far pervenire al suo allievo il segreto per battere Pain..

We Are! - One Piece

Emozionante, dinamico e orecchiabile, We Are!, brano eseguito da Yoko Ishida nel 2005, è destinato a rimanere nella storia, giacché rappresenta la prima opening di quello che poi sarebbe diventato uno dei prodotti più incredibili di sempre nel settore: One Piece. Qualcuno può veramente affermare di non averla mai ascoltata, almeno una volta, o di non averla messa, magari, come suoneria del proprio cellulare? Difficile da credere...

Pegasus Fantasy - Saint Seiya

La versione originale di Pegasus Fantasy, eseguita dalla band Make-Up, è un vero e proprio omaggio al manga (e ovviamente all'anime) del maestro Masami Kuramada, capace di diventare, in breve tempo, una delle opening più apprezzate di sempre. Il brano in questione è stato cantato anche in versione italiana, eseguito da Giacinto Livia, e in entrambi i casi rappresenta un vero pezzo da novanta del genere.

The Hero !! - One Punch Man

"Un pugno ed è finita! Una vittoria dopo l'altra!". Scritta appositamente per l'anime dedicato al capolavoro realizzato da One e disegnato da Yusuke Murata-san, The Hero !!, canzone della longeva rock band nipponica JAM Project fondatasi nel lontano 2002, è uno dei più esplosivi di tutto il panorama e si cala perfettamente negli stessi ritmi frenetici ed esagerati dell'anime. Per la serie: impossibile levarsela dalla testa.

Kiri - Ergo Proxy

Romantico e solenne sia nel testo sia nell'esecuzione, il brano eseguito dalla band MONORAL penetra direttamente all'interno dell'anima, risultando quasi impossibile da dimenticare e da non apprezzare. Ci troviamo di fronte, ancora una volta, a un pezzo che riesce a racchiudere splendidamente in sé le stesse sensazioni che si provano guardando l'anime, risultando così quasi una parte aggiuntiva della storia.

Flyers - Death Parade

Frizzante e scoppiettante, Flyers è l'opening di uno dei prodotti più particolari del mondo dei prodotti made in Japan, Death Parade. Il frenetico brano è interpretato dall'altrettanto scoppiettante band funk rock BRADIO, in attività dal 2010. L'opening theme, seppur non direttamente collegata alle vicende dell'anime, risulta comunque ben adeguato e funzionale ma soprattutto (grazie anche ad alcune immagini che si susseguono nella sigla), riesce a strappare un sorriso in più di un'occasione. Non la conoscete? Male! Recuperatela quanto prima.

Guren no Yumiya - Attack on Titan

Questa particolare rassegna non poteva che concludersi con una melodia ormai indimenticabile, uno dei più iconici e solenni in circolazione. Per chi non lo sapesse, il brano eseguito dai Linked Horizon accompagna la prima stagione dell'anime de L'attacco dei giganti. Il testo sembra riflettere appieno le stesse emozioni che pervadono gli episodi della serie. Dal nostro punto di vista Guren no Yumiya è uno dei tasselli più importanti della storia recente del settore.

Dopo avervi elencato le nostre opening preferite, passiamo a voi la palla: quali sono le vostre? Fatecelo sapere!