Da Naruto a Kill la Kill: 5 anime shonen imperdibili su Crunchyroll

Abbiamo selezionato 5 serie anime di target shonen che non dovete assolutamente perdere, o potreste riguardare, su Crunchyroll.it.

speciale Da Naruto a Kill la Kill: 5 anime shonen imperdibili su Crunchyroll
Articolo a cura di

Il sito web americano Crunchyroll, fondato nel 2006 e appartenente al gruppo WarnerMedia, ospita numerosi contenuti fra manga, anime in streaming on demand, musica e videogames, alcuni dei quali sono fruibili liberamente solo previo abbonamento premium (in Italia il costo è a partire da 4.99 euro al mese), mentre altri diventano disponibili gratuitamente dopo un certo lasso di tempo. Oltre a offrire ai suoi oltre 40 milioni di utenti un'ampia scelta di contenuti, annualmente Crunchyroll assegna i prestigiosi Anime Awards, meglio noti come Crunchyroll Anime Awards. Il catalogo ospita un gran numero di serie, tra le quali quelle appartenenti al blasonato target shonen, dalle più popolari alle meno conosciute. Ma quali sono le serie anime più degne di nota fra le moltissime destinate a un pubblico di ragazzi? Vediamolo insieme.

Naruto e Boruto

Chi al mondo non conosce Naruto? Il popolare personaggio creato da Masashi Kishimoto e protagonista di un battle shonen serializzato sulle pagine di Weekly Shonen Jump dal 1999 al 2014 e conclusosi dopo 700 capitoli e 72 tankobon che raccontano l'ascesa e le lotte del piccolo genin destinato a divenire l'Hokage del Villaggio ninja della Foglia. Dal manga di Masashi Kishimoto sono state tratte due serie anime intitolate Naruto e Naruto: Shippuden composte da oltre settecento episodi che coprono gli eventi narrati nelle due sezioni del manga, rispettivamente pre- e post- timeskip.

Realizzate entrambe dallo studio Pierrot per la regia di Hayato Date (sostituito da Yasuaki Kurotsu in alcuni episodi della seconda serie) sono andate in onda dal 2002 al 2007 e sono state trasmesse in oltre sessanta paesi. Naruto prende il nome dal suo protagonista, Naruto Uzumaki, un giovane ninja del Villaggio della Foglia che, ignorato dai suoi concittadini a causa del fatto che contiene dentro di sé, sigillato, lo spirito di un potente demone, la Volpe a Nove Code, combina dispetti per attirare l'attenzione, coltivando il sogno di divenire un giorno Hokage, il capo della sua comunità. Crescendo e maturando assieme ai suoi compagni, Sasuke Uchiha (un giovane ossessionato della vendetta), Sakura Haruno, Shikamaru Nara, Hinata Hyuga e tanti altri, ma anche grazie all'insegnamento dei maestri Kakashi Hatake e Jiraya, riuscirà infine a salvare il mondo dei ninja e a coronare il proprio sogno.

Divenuto in breve un successo planetario, secondo le logiche produttive di questo decennio appare oggi scontato che si decidesse di realizzarne un seguito, sebbene affidato ad altri autori: intitolato Boruto: Naruto Next Generations, il manga sequel di Naruto (tuttora in corso) è realizzato da Ukyo Kodachi e Mikio Ikemoto con la supervisione dello stesso Kishimoto. Da esso, lo studio Pierrot ha tratto un anime per la regia di Noriyuki Abe, Hiroyuki Yamashita e Toshiro Fujii. Boruto narra le gesta del figlio di Naruto Uzumaki, divenuto nel frattempo Hokage. Le serie sono tutte recuperabili sulla piattaforma Crunchyroll: la saga degli Uzumaki continua a incantare e appassionare milioni di spettatori in tutto il mondo, e continuerà per chissà quanto tempo ancora.

Gintama

Nella nostra rassegna dedicata ai migliori shonen è impossibile non citare la popolarissima serie umoristica divenuta un autentico fenomeno di culto. Gintama ("Anima d'argento") nasce come manga scritto e disegnato da Hideaki Sorachi, serializzato su Shonen Jump a partire dal 2003 e tuttora in corso, con 75 tankobon all'attivo. L'adattamento anime, obbligato dato lo strepitoso successo del manga, è iniziato nel 2006 e ha avuto una storia produttiva travagliata: i primi 265 episodi sono stati realizzati dallo studio Sunrise per la regia di Shinji Takamatsu e Yoichi Fujita, mentre le serie successive sono opera dello studio Bandai Namco Pictures per la regia di Chizuru Miyawaki.

La serie è un'ucronia ambientata in una non ben precisata epoca del passato, nella città di Edo (attuale Tokyo) nel quartiere di Kabuki-cho, negli anni successivi all'invasione di alieni detti Amanto ("gente del cielo") che hanno occupato il Giappone sradicando lo shogunato nonché annullato la casta dei samurai. Il protagonista, Gintoki Sakata, è un ex-samurai dai ricci argentati che si rifiuta di piegarsi ai soprusi degli Amanto e gestisce una Agenzia Tuttofare con l'aiuto del goffo Shinpachi Shimura e della fortissima aliena Kagura. Gintama è un irresistibile mix di azione e umorismo che ha coinvolto e appassionato milioni di fan in tutto il mondo.

Kill la Kill

Di tutte le serie che abbiamo citato sinora, Kill la Kill è la prima ad essere un prodotto televisivo originale. La serie è infatti il primo progetto televisivo anime originale dello studio Trigger, diretto da Hiroyuki Imaishi e scritto da Kazuki Nakashima, i quali avevano già lavorato insieme a Sfondamento dei cieli Gurren Lagann. La serie, che si compone di 24 episodi più un OAV, è andata in onda fra il 2013 e il 2014 e da essa è stato tratto un manga realizzato da Ryo Akizuki. Kill la Kill è ambientato nell'Istituto Honnoji, immaginario liceo di Tokyo i cui studenti indossano particolari uniformi (chiamate ultra-uniformi) in biofibre da guerra che gli conferiscono abilità sovrumane.

La protagonista Ryuko Matoi è una ragazza ossessionata dalla vendetta: suo padre infatti è stato assassinato da una studentessa dell'Istituto Honnoji e lei tenterà di vendicarlo grazie a una spada a forma di forbice, capace di tagliare le ultra-uniformi, e a un'uniforme alla marinara che sembra dotata di una propria volontà. Kill la Kill narra della fantasmagorica battaglia fra lei e i membri del Consiglio Studentesco, che controllano l'Istituto Honnoji con il pugno di ferro. Entusiasmante via di mezzo fra uno shonen classico e un majokko di alto livello, la folle serie anime dello Studio Trigger ha tutti i numeri per diventare la vostra serie preferita.

Ace Attorney

Dopo una serie originale, ecco un anime tratto da un videogame. Ace Attorney è infatti prodotto da A-1 Pictures nel 2016 e basato sull'omonima serie di videogiochi Capcom. In Italia e nel resto del mondo gli episodi sono stati trasmessi in streaming, in contemporanea col Giappone, proprio da Crunchyroll. La seconda serie dell'anime, prodotta da CloverWorks, viene trasmessa a partire dal 2 ottobre 2018. Entrambe vedono alla regia Ayumu Watanabe e Kaoru Wada alle musiche. Divertentissima, Ace Attorney è una serie shonen ambientata nel mondo delle cause legali.

Il protagonista Phoenix Wright, detto Nick, è infatti un giovane avvocato che si batte per difendere gli innocenti, tra situazioni paradossali, personaggi complessi e qualche interrogativo morale non banale. Ace Attorney è una serie che può facilmente coinvolgere uno spettatore che voglia rilassarsi e divertirsi senza eccedere e il suo difetto principale risiede nel comparto grafico, evidentemente votato al risparmio, che penalizza l'anime senza però danneggiarlo gravemente. Un gustoso diversivo per spezzare la monotonia, consigliato soprattutto a chi conosce e ama la serie di vedeogames da cui è tratto.

Mob Psycho 100

Partorito della mente geniale del misterioso ONE, "mangaka per hobby" già autore del dirompente One-Punch Man, Mob Psycho 100 è uno shonen improntato sulla vita e sul mondo di un gruppo di potenti esper. Serializzato sulla webzine Ura Sunday di Shogakukan dal 2012 al 2017, il manga è stato portato in Italia da Star Comics ed è tuttora in corso. La serie è stata adattata in un live-action disponibile per lo streaming su Netflix, mentre un adattamento anime in 12 episodi più un OAV è stato realizzato dallo studio BONES (Fullmetal Alchemist, Eureka Seven, Space Dandy, Wolf's Rain, My Hero Academia) per la regia di Yuzuru Tachikawa, composizione serie di Hiroshi Seko e musiche di Kenji Kawai. La prima stagione della serie anime copre circa un quarto della storia e c'è grande attesa per il secondo blocco di episodi, che dovrebbe essere diffuso nel gennaio del 2019. Protagonista di Mob Psycho 100 è il piccolo e insicuro Shigeo Kageyama, un ragazzino delle medie tanto anonimo e insignificante soprannominato "Mob", cioè massa, che raggranella qualche spicciolo extra lavorando dopo la scuola per il biondo Arataka Reigen, un aspirante affarista che gestisce una losca attività chiamata Ufficio Consulenze Spiriti e Affini.

Reigen si definisce uno spiritista ma in verità è proprio il piccolo Mob a essere dotato di straordinari poteri esp, tanto vasti da dover essere costantemente repressi per evitare di causare danni involontari. Mentre Reigen si approfitta dei suoi poteri e un'oscura organizzazione criminale briga nell'ombra, Shigeo combatte contro la frustrazione che deriva dal non sentirsi all'altezza nelle piccole sfide quotidiane. Mob Psycho 100 è un anime coloratissimo, divertente e più profondo di quanto sembri, caratterizzato da un riuscito mix di umorismo e combattimenti mozzafiato a suon di poteri mentali.