Dragon Ball Super nel 2022: tutte le novità sul nuovo film di TOEI

Annunciato un nuovo film per Dragon Ball Super nel 2022. Ripercorriamo l'annuncio per valutare le potenzialità del prodotto.

Dragon Ball Super nel 2022: tutte le novità sul nuovo film di TOEI
Articolo a cura di

È stato tanto atteso dai fan di tutto il mondo. Dopo la conclusione della serie animata a marzo 2018, dopo il lungometraggio proiettato nei cinema tra fine 2018 e 2019, la storia di Dragon Ball Super si arricchisce di un nuovo tassello. Il midquel della storica saga creata da Akira Toriyama tornerà infatti con un altro film, stavolta programmato per il 2022.

Un clamoroso leak da parte di Toei Animation Europa, col sito poi messo completamente offline per fermare la falla di informazioni, ha anticipato i piani rovinando la sorpresa del noto studio d'animazione nipponico. In ogni caso, il dado è tratto: con l'ufficialità, vediamo cosa ci potrebbe proporre Dragon Ball Super il prossimo anno.

Il preludio all'annuncio

Concluso il Torneo del Potere, mentre il manga di Toriyama e Toyotaro decideva di percorrere un altro sentiero con la saga di Molo, il primo lungometraggio della saga Super si focalizzò su Broly, reso per la prima volta canonico nell'universo di Dragon Ball. L'anime è rimasto bloccato a questo punto, lasciando in sospeso le avventure di Goku e Vegeta. Per tutto il 2019 e il 2020, si sono rincorse numerose voci su un seguito che non hanno però trovato riscontro fino al 7 maggio 2021, data in cui è trapelato un clamoroso leak sul sito di Toei Animation Europa. A causa di un articolo già inserito con tanto di descrizione e metatag, è giunta al pubblico con due giorni di anticipo l'annuncio di un nuovo film di Dragon Ball Super. I fan, non sazi, hanno indagato ulteriormente tra le pieghe dell'HTML e hanno trovato anche un'immagine con un messaggio di Akira Toriyama in inglese.

Nel testo scritto dal mangaka è stato fatto intendere chiaramente che lo storico creatore di Dragon Ball sta lavorando duramente sulla sceneggiatura e sui dialoghi del film. Il sensei Toriyama è stato quindi pienamente coinvolto nel progetto e dopo l'ottimo risultato di Dragon Ball Super: Broly ci si può attendere il bis. Partiamo da queste poche informazioni per capire cosa ci sarà nel film del 2022 di Dragon Ball Super.

La dichiarazione di Akira Toriyama

"È in produzione un film completamente nuovo dopo Dragon Ball Super: Broly! Come nel film precedente, mi sto occupando della produzione della storia e dei dialoghi di questo fantastico lungometraggio. Non potrei parlare ancora della trama, ma preparatevi per degli scontri estremi e divertenti, che potrebbero coinvolgere un personaggio inaspettato. Ci dirigeremo verso molti territori inesplorati sul lato estetico per dare un'esperienza fantastica agli spettatori, quindi spero che attendiate con ansia questo film!" Questa è la traduzione del messaggio di Akira Toriyama, inizialmente leakato dal sito europeo di Toei Animation e poi inserito ufficialmente sul sito ufficiale di Dragon Ball, da poco rinnovato.

Ci saranno degli scontri interessanti e, anche senza sbilanciarsi sulla trama, il mangaka fa intendere che vedremo dei personaggi inaspettati. Ciò vuol dire innanzitutto che i personaggi coinvolti potrebbero non essere solo un manipolo, come accaduto in Broly, ma che il cast sarà di più ampio respiro; inoltre gli antagonisti di turno potrebbero essere dei personaggi non inediti dell'universo di Dragon Ball. In più, Toriyama svela che la produzione sta sperimentando una nuova estetica per il film, entrando in "territori inesplorati", in modo tale da portare al pubblico un prodotto visivamente molto appagante. Considerato il livello raggiunto da Dragon Ball Super: Broly, Toriyama inizia già a portare molto in alto l'asticella della produzione e ciò non può essere che un buon segnale, considerata l'importanza del progetto.

E per quanto riguarda l'estetica, vale la pena soffermarsi anche su un certo nome: Naohiro Shintani. Il lavoro dell'animatore di Dragon Ball Super: Broly è stato parecchio apprezzato e non è un segreto che Akira Toriyama stesso lo tenga in gran considerazione, avendolo scelto personalmente durante i colloqui per il ruolo. Per questo Shintani potrebbe tornare all'opera sul film del 2022 di Dragon Ball Super per sperimentare questa nuova estetica di cui ha parlato il mangaka. Considerato che il film è in produzione dal 2018, potrebbe essere questo il motivo per cui l'animatore non è comparso in altre grosse produzioni negli ultimi anni. Al suo fianco non è detto però che ci sarà Tatsuya Nagamine.

Il regista ha diretto il progetto di Dragon Ball Super dall'episodio 77 fino alla fine, portandolo avanti nella fase più concitata e amata dai fan, ovvero il Torneo del Potere, ritornando poi per il film su Broly. Al momento però Nagamine è già impegnato su un'altra hit di Toei Animation, ONE PIECE. Dall'inizio della saga di Wano è infatti proprio lui a dirigere l'anime e di recente ha rivelato pubblicamente che la qualità di ONE PIECE incrementerà ancora, facendo intuire che ha piani di lunga durata per l'anime che potrebbero mal sposarsi con la produzione del film di Dragon Ball Super.

I personaggi coinvolti

Nuovi o vecchi personaggi? La frase di Toriyama fa pensare che sarà coinvolto qualcuno che già conosciamo, anche se non sappiamo con quale ruolo. Con il responso dei vecchi film e delle ultime novità, non sarebbe strano se a fare capolino nel mondo delle Sfere del Drago ci fossero personaggi del calibro di Cooler e Bojack. Broly ha fatto da apripista per quei nemici storici dei vecchi film di Dragon Ball Z e c'è un terzetto in particolare da osservare con attenzione.

Partiamo con Cooler: il fratello maggiore di Freezer è stato antagonista non per uno ma per ben due film. È quindi un personaggio papabile per un'apparizione canonica e, insieme a Freezer, potrebbe sia innescare delle interazioni interessanti all'interno dell'impero galattico, sia portare a una battaglia in tag team contro Goku e Vegeta. Tra i personaggi inseriti nei vecchi lungometraggi è sicuramente tra i villain più apprezzati, e il doppio match tra i fratelli figli di Re Cold contro i due protagonisti di Dragon Ball Super potrebbe portare agli scontri visivamente appaganti di cui parlava Toriyama.

Un altro personaggio che potrebbe essere ripreso dai vecchi film è Bojack. Il bandito spaziale e la sua ciurma diedero del filo da torcere a Gohan e compagni, e fu proprio il giovane mezzo saiyan a sbarazzarsene. Far tornare Bojack però implicherebbe un ruolo di maggior peso in Dragon Ball Super 2022 per Gohan, cosa che non sembra possibile data la necessità di un Goku e di un Vegeta sempre al centro degli eventi. Cambiare il destino dell'antagonista, relegando Gohan non più al ruolo di eroe ma semplicemente a quello di spalla potrebbe essere un altro duro colpo per i fan del ragazzo. Se tuttavia Bojack fosse non il vero antagonista bensì il soldato di qualcuno più importante di lui, allora le cose potrebbero cambiare.

Infine un altro personaggio che potrebbe essere ripescato dai vecchi film è Janenba, il demone degli inferi che mise a dura prova i saiyan. Il ritorno del demone implicherebbe però una trama che porti Goku e Vegeta nell'aldilà con tutto ciò che ne consegue, e inoltre le meccaniche potrebbero essere fin troppo simili al film Dragon Ball Super: Broly, con il duo che necessiterebbe di far ricorso ancora una volta alla fusione.

A due anni dalla fine del Torneo del Potere non sarebbe impensabile anche un'apparizione di personaggi come Jiren, Kale o Caulifla, e quindi una trama che riporterebbe al centro il multiverso di Dragon Ball Super. In questo caso ci sarebbero fin troppi sentieri percorribili, ma una situazione del genere è anche la più gettonata dato che riprenderebbe direttamente la trama dell'anime concluso nel 2018.

Un accenno di trama

Ovviamente, come accaduto per Broly, ci sarebbe una mescolanza di personaggi nuovi e vecchi. Il bilanciamento tra inediti e vecchie conoscenze spingerà in avanti la trama, e qui vale la pena soffermarsi anche su un altro punto: chi sconfiggerà il cattivo? Ovviamente Goku in qualche modo: se nel film precedente ha dovuto fare ricorso alla fusione, stavolta il protagonista dovrà però utilizzare qualche altra tecnica per non ripetere lo stesso procedimento. Se non si vuole ricorrere ancora all'Ultra Istinto, che se introdotto male potrebbe generare qualche attrito con gli eventi della saga di Molo, potrebbe anche arrivare l'esordio di una nuova trasformazione come il Super Saiyan Blue di terzo livello.

E ciò fa sorgere anche delle domande sulla canonicità del nuovo film di Dragon Ball Super. Al momento, la trama di Broly è ufficialmente posta tra la fine del Torneo del Potere e l'inizio della saga di Molo. Lo stregone non è ancora apparso nell'anime e difficilmente sarà coinvolto considerata la lunghezza dell'arco narrativo disegnato da Toyotaro e recentemente concluso su V-Jump. Il film dovrebbe quindi situarsi ancora una volta prima della saga in questione e per lo stesso motivo sarebbe una sorta di sequel diretto di Broly, cosa che ne garantirebbe la presenza nell'universo canonico.

La data di uscita

Come annunciato, questo nuovo lungometraggio arriverà nei cinema nipponici circa quattro anni dopo Dragon Ball Super: Broly. Confermato il 2022 come anno, resta solo da capire il mese di uscita. Per il momento non ci sono stati indizi di nessun genere, vale la pena ricordare però che Broly fu annunciato a dicembre 2017 e fu poi proiettato la prima volta a dicembre 2018. Un anno di distanza tra annuncio e distribuzione; una cosa del genere potrebbe accadere anche con Dragon Ball Super 2022.

Ciò porrebbe la data di uscita del nuovo film di Dragon Ball Super nella primavera del prossimo, tra marzo e giugno, data tra l'altro spesso usata dai vecchi film. In passato infatti, i numerosi lungometraggi di Dragon Ball Z venivano proiettati in Giappone o a marzo o a inizio luglio e, se sarà coinvolto uno dei personaggi dei vecchi film, potrebbe essere ripresa una data simile in modo da omaggiare la pellicola originale.

Non va tuttavia messo da parte l'effetto pandemia. Attualmente il Covid-19 ha già portato problemi a varie produzioni e, nonostante il lavoro sia in corso sin dal 2018, anche il film di Dragon Ball Super avrà avuto rallentamenti di vario genere. In più, al momento in Giappone è stato varato un nuovo stato d'emergenza per varie prefetture che potrebbero imporre altri rallentamenti nella produzione.

Dragon Ball Super 2022 A prescindere da qualunque tipo di speculazione, adesso una cosa è certa: dopo anni di misterioso silenzio, il futuro dell'anime di Dragon Ball Super è finalmente concreto. Sembra realistica una data di uscita nella prossima primavera per il film del 2022, sappiamo che sarà coinvolto qualche personaggio che già conosciamo e visivamente possiamo aspettarci un ulteriore passo in avanti rispetto a Dragon Ball Super: Broly. Non resta che attendere ulteriori informazioni, e magari del materiale visivo, da parte di Toei Animation e Akira Toriyama.