I migliori manga del 2018, da Dragon Ball Super a The Promised Neverland

Ripercorriamo alcune delle migliori uscite manga del 2019 a cura dei principali editori italiani, nel segno dei grandi shonen e dell'horror.

speciale I migliori manga del 2018, da Dragon Ball Super a The Promised Neverland
Articolo a cura di

Il flusso di manga arrivati sui nostri scaffali nel corso del 2018 è stato a dir poco mastodontico. Un nuovo anno è iniziato, ma più che mai nel mondo del fumetto è opportuno volgere lo sguardo al futuro tenendo ben piantato un occhio su ciò che è venuto prima. L'annata (ormai) scorsa ha dato il via a una serie di produzioni, portate in suolo italiano dai principali editori nostrani, che ovviamente proseguiranno nel corso del 2019: per questo motivo abbiamo deciso di stilare una rassegna sui migliori manga del 2018. Gli albi e le serie che non dovrebbero mancare nella vostra collezione, a qualunque costo, se siete appassionati di cultura e fumetto orientale.

Dragon Ball

Il 2018, inutile dirlo, è avvenuto all'insegna di Dragon Ball. Edizioni Star Comics ha supportato la trasmissione della serie televisiva di Dragon Ball Super con un'offerta di prodotti che potrà soddisfare ogni tipo di fan. Dalla serializzazione, iniziata già nel 2017, della versione cartacea a cura di Toyotaro, passando per gli anime comics ispirati alla 18esima e alla 19esima pellicola del franchise: La battaglia degli dei e La Resurrezione di F.

Non solo: la vera punta di diamante è Dragon Ball Full Color, una riedizione del manga classico di Akira Toriyama interamente ricolorata in digitale secondo le tavole originali del sensei. Una versione che proseguirà anche nel 2019 (proprio a gennaio comincia la Saga dei Saiyan), e che possiamo considerare a tutti gli effetti l'edizione definitiva dell'epopea del nostro amato Son Goku.

Uzumaki - Spirale

Sempre Star Comics, nel corso di questo 2018, ha dato il via a una nuova iniziativa editoriale: la collana Umami, volta a portare sui nostri scaffali manga d'autore in un elegante volume da libreria. Il primo appuntamento è stato con Uzumaki - Spirale, capolavoro del maestro dell'orrore Junji Ito.

Un sodalizio, quello con Ito, che ha contraddistinto prepotentemente la line-up di uscite dell'editore perugino nel corso dell'anno appena terminato, ma di cui Uzumaki rappresenta finora la più importante e simbolica fiammata: l'opera, datata 1998 in Giappone, ci porta tra le case di una misteriosa cittadina i cui abitanti sembrano essere ossessionati all'inverosimile dalle spirali. Gli eventi soprannaturali che colpiranno la povera Kirie Goshima e i suoi cari daranno vita a un vortice di mostruosità e aberrazioni in quello che possiamo considerare come uno dei racconti più riusciti e intensi del sensei della narrazione horror giapponese.

Jagan

Un seinen che unisce i crismi del battle shonen con quelli di un horror disturbante e grottesco. Shintaro Jagasaki è un poliziotto di pattuglia che vive una condizione di profonda apatia e disprezzo nei confronti del genere umano. Il suo passatempo preferito, oltre a fare l'amore per inerzia con la sua fidanzata, è immaginare di trucidare a colpi di pistola tutte le persone che non gli vanno a genio. Tipico del suo atteggiamento è simulare con le dita lo sparo di un'arma di fuoco e pronunciare "Buppanasu!" alle sue vittime immaginarie.

Shintaro non immagina, però, che ben presto quell'atteggiamento diventerà la sua ragione di vita: scoprirà ben presto che il mondo è stato invaso da creature aberranti chiamate Mad Xenopath, le quali si attaccano come dei parassiti agli individui in possesso di una forte componente emotiva e ne acuiscono al massimo le ossessioni, dando vita a dei mostri grotteschi e letali.

Anche Jagasaki viene posseduto dalle cosiddette "Rane Pazze", ma il propagarsi a rilento dell'infezione gli permette di utilizzare i poteri demoniaci come un'arma. Guidato da Doku, un misterioso esserino dalle sembianze di un gufetto che sembra sapere tutto sul fenomeno, diventerà un vero e proprio anti-eroe a caccia di mostri, una specie di Devilman moderno candidato a conquistare il pubblico italiano. Star Comics ha finora pubblicato due volumi dell'opera, la cui serializzazione continuerà nel 2019.

Dr. Stone

Una delle principali rivelazioni dalle pagine di Weekly Shonen Jump passa per un'altra pubblicazione di Star Comics. Dr. Stone è un manga di Riichiro Inagaki e Boichi che ha debuttato sulla rivista nipponica nella primavera del 2018. Ambientata ai giorni nostri, l'opera ci racconta l'epopea di due amici, Taiju e Senku, la cui vita un giorno viene sconvolta da un misterioso fascio di luce che investe l'intera sfera terrestre e trasforma l'intera umanità in pietra.

Dipingendo in poche pagine la tragedia dell'estinzione di una razza intera, gli autori ci portano poi alcuni millenni più avanti, quando il giovane Taiju si risveglia dallo stato di pietrificazione e ritrova l'intelligente Senku intento a ricostruire l'umanità ripercorrendo nel minor tempo possibile milioni di anni di evoluzione. Dr. Stone ha ispirato anche un adattamento anime a cura di TMS Entertainment, che debutterà nel corso dell'estate 2019 in Giappone.

Boruto: Naruto Next Generations

Passiamo adesso a Planet Manga. Lo storico editore italiano di Naruto ha proseguito la sua annata nel segno di Boruto: Naruto Next Generations ospitando finanche a Lucca Comics & Games 2018 il disegnatore dell'opera, Mikio Ikemoto. Quest'anno il manga sequel di Naruto ha raggiunto un giro di boa importante nel corso della sua serializzazione italiana.

Abbandonato il primo arco narrativo, necessariamente erede della conclusione dell'opera di Masashi Kishimoto, Boruto ci ha portato alla scoperta degli attrezzi scientifici ninja e all'ingresso in scena dell'Organizzazione Kara, che giocherà un ruolo fondamentale nell'introdurre il personaggio di Kawaki - il giovane che, nel primo capitolo del manga, abbiamo visto combattere contro Boruto in un flashforward.

Platinum End

Iniziato in Italia nel 2017, Platinum End è il nuovo manga che sigla una collaborazione storica: quella tra Tsugumi Oba e Takeshi Obata, già creatori di serie acclamate come Death Note e Bakuman. Planet Manga ha continuato a pubblicare l'opera, raggiungendo attualmente 7 dei 9 tankobon diffusi sul mercato giapponese. La trama ci porta nella tragica esistenza di Mirai Kakehashi, un giovane orfano che vive insieme a degli zii che abusano di lui. Il protagonista, all'inizio dell'opera, sceglie di suicidarsi gettandosi dall'ultimo piano di un alto palazzo, ma viene fermato dall'intervento di un angelo di nome Nasse.

La misteriosa entità fa dono a Mirai di alcuni poteri che il nostro sceglie di utilizzare per aiutare il prossimo. Kakehashi ignora, però, di essere parte di un disegno più grande di lui e di essere stato selezionato dagli angeli tra 13 possibili contendenti per diventare il nuovo Dio. Platinum End è un'opera matura e intensa che vi consigliamo di recuperare, soprattutto se siete amanti del duo di autori che ha creato Death Note.

Alita

Nel mese di novembre 2018 Planet Manga ha pubblicato una riedizione sontuosa di Alita, il manga cult di Yukito Kishiro che nel mese di gennaio 2019 si prepara ad accogliere un atteso adattamento cinematografico diretto da Robert Rodriguez.

La collection si compone di tre grandi volumi in formato brossurato, raccolti in un box che faranno la felicità dei collezionisti. Rappresenta senza dubbio un'occasione imperdibile sia per permettervi di conoscere l'opera originale che ha ispirato l'imminente film sia per riscoprirla, eventualmente, molti anni dopo la sua pubblicazione originale, che avvenne nel 1990.

The Promised Neverland

J-POP ci ha portato, all'inizio del 2018, alla scoperta di uno dei manga più sorprendenti degli ultimi anni: The Promised Neverland è firmato da Posuka Demizu e Kaiu Shirai ed esordì nel 2016 su Weekly Shonen Jump classificandosi come una vera e propria hit di successo da 2 milioni di copie vendute soltanto in patria.

L'opera, la cui serializzazione continua tanto in Italia quanto in Giappone, è ambientata in un futuro distopico in cui i bambini vivono chiusi all'interno di orfanotrofi prima di essere affidati a una famiglia una volta compiuto il dodicesimo anno di età. La protagonista Emma, insieme ai suoi due migliori amici Norman e Ray, è la bambina più grande dell'istituto Grace Field House nonché una dei più brillanti.

Scoprirà ben presto che la realtà in cui vivono nasconde una grande e letale bugia, poiché i pargoli rinchiusi nell'orfanotrofio non sono altro che carne da macello che viene data in pasto dalla loro madre adottiva, Isabella, a delle mostruose creature. Scopo di Emma e dei suoi amici, dunque, sarà scappare dalla Grace Field House per sottrarsi a un destino gramo. Ma non sarà facile: tra complotti, tradimenti e una ricerca costante della verità dietro il mondo in cui vivono, i protagonisti dovranno sopravvivere alle insidie dei mostruosi adulti.

Tomie

Altro grande capolavoro di Junji Ito, questa volta targato J-POP. Anche l'editore, come Star Comics e Planet Manga, ha celebrato quest'anno l'attenzione mediatica nei confronti del sensei dell'horror nipponico dando vita a una serie di pubblicazioni e riedizioni di alcuni dei più grandi classici dell'autore.

Tomie narra la storia di una ragazza arrogante e vanitosa invaghitasi del suo professore e che un giorno viene uccisa dal fidanzato per poi esser fatta a pezzi dai suoi compagni di classe. La giovane tornerà in vita in circostanze misteriose per tormentare i suoi assassini, facendoli innamorare di sé per poi costringerli a ucciderla all'infinito.

Goblin Slayer

Tratto dalla serie di light novel scritta da Kumo Kagyu e illustrata da Noboru Kannatsuki, il manga di Goblin Slayer è realizzato da Kosuke Kurose ed edito in Italia da J-POP. L'opera, che ha ispirato un popolare anime prodotto da White Fox e trasmesso in simulcast su VVVVID.it, ci porta in un mondo dark fantasy dalle tinte crudeli e violente, i cui personaggi seguono le più classiche regole di un gioco di ruolo: ognuno specializzato in una "classe" particolare, possono poi riunirsi in gilde per partire all'avventura, migliorare i propri bottini e sgominare mostri di ogni tipo.

La trama è vissuta dal punto di vista di una giovane sacerdotessa che, avventuratasi nella tana di un branco di goblin, vede i suoi compagni venire uccisi e violentati dinnanzi ai suoi occhi. Verrà salvata da un misterioso individuo in armatura, il Goblin Slayer: un guerriero dal passato tragico che ha votato la sua vita allo sterminio dei perfidi mostri. L'opera è diventata molto popolare e, dal manga, il successo dell'anime è stato tale da spingere White Fox a proseguire le avventure televisive del Goblin Slayer, anche se al momento non sappiamo se verrà prodotta una seconda stagione animata o magari degli episodi speciali, OVA o possibili lungometraggi.

I Tre Adolf

Altra sontuosa riedizione, I Tre Adolf è al momento la storia più intensa della nuova e fiammante Osamushi Collection: J-POP sta infatti pubblicando le opere del leggendario Osamu Tezuka, denominato anche il Dio dei Manga, portando nel nostro paese anche storie che finora erano totalmente inedite.

Tra quelle diffuse fino a questo momento, I Tre Adolf (disponibile in due volumi) rappresenta un must have imprescindibile. Opera mastodontica, tra le più intense e crude dell'intera industria nipponica, tratteggia finemente il quadro storico della Seconda Guerra Mondiale e del nazismo, focalizzando la trama sue due giovani che portano entrambi il nome di Adolf.

Uno di essi è il figlio di un ufficiale nazista, destinato a scalare le vette della Hitler Jugend e a sedere al fianco dello spietato Fuhrer; l'altro è invece il suo migliore amico d'infanzia, un ebreo che vive con la sua famiglia in Giappone. Sullo sfondo di questa storia intima, delicata e terribile allo stesso tempo si staglia un sottotesto da thriller politico, in cui i protagonisti devono proteggere a tutti i costi un segreto che può porre fine per sempre alla Grande Guerra.