JoJo: Vento Aureo, la Recensione in anteprima dell'episodio 5

Abbiamo visto in anteprima il quinto episodio di Vento Aureo durante Lucca Comics & Games 2018, grazie a un evento di Crunchyroll.

speciale JoJo: Vento Aureo, la Recensione in anteprima dell'episodio 5
Articolo a cura di

L'energia di JoJo's Bizzarre Adventures ha invaso l'Italia, e non soltanto grazie a Vento Aureo - che, come tutti i fan ben sanno, è la quinta serie anime ispirata al manga di Hirohiko Araki, ambientata nella soleggiata città di Napoli. L'edizione 2018 di Lucca Comics & Games, grazie al supporto dei ragazzi di Crunchyroll, ha infatti ospitato un evento d'eccezione: presso il Cinema Astra, situato nel centro cittadino tra le mura lucchesi, i fan e la stampa specializzata hanno avuto accesso a un'anteprima di livello mondiale. L'oggetto di visione era proprio il quinto episodio della serie, attualmente in corso in Giappone e disponibile ogni venerdì sera in streaming grazie al simulcast di servizi come Crunchyroll e VVVVID.it. Abbiamo potuto visionare la puntata numero 5 in anticipo di qualche ora rispetto alla release e l'occasione è dunque piuttosto ghiotta per gettarci in una disamina dell'episodio, così come delle premesse gettate dal nuovo lavoro dello staff di David Production per questo quinto adattamento che traspone le gesta dei bizzarri eroi dipinti da Araki.

Bruno e la sua gang

Giorno Giovanna è intenzionato a scalare le gerarchie della mafia italiana. Il suo obiettivo è creare una società in cui vige la giustizia e gli oppressi non vengono più maltrattati. L'unico modo perché ciò avvenga, secondo il protagonista de Le Bizzarre Avventure di JoJo: Vento Aureo, è proprio quello di prendere il posto dell'organizzazione chiamata Passione, il cui boss malavitoso non si è mai mostrato in pubblico e risulta ignoto persino ai suoi subalterni più vicini. Nei primi quattro episodi di Golden Wind abbiamo fatto la conoscenza del nostro nuovo eroe: Giorno è figlio illegittimo di Dio Brando, eppure possiede il potere di uno Stand e il sangue dei Joestar. Ciò è possibile perché il celebre villain della saga, molti anni prima, si era impossessato del corpo del suo defunto e odiato fratellastro, generando un erede con il DNA e i geni del grande Jonathan Joestar. Golden Wind è lo Stand di Giorno, un essere dalle sembianze dorate che trasforma in esseri viventi tutto ciò che tocca e che, per questo, aiuta non poco il protagonista nelle sue scorribande illegali. I nemici del nostro avranno poi modo di sperimentare, a proprie spese, gli effetti devastanti del potere di Golden Wind in combattimento, che è in grado di ridirigere la portata e la potenza dei colpi subiti direttamente sui propri avversari. È quanto ha provato Bruno Bucciarati, un mafioso di medio rango che si è messo sulle tracce del nuovo GioGio dopo che quest'ultimo ha eliminato un capogang locale. Abbiamo visto come tra i due sia nata un'alleanza, sancita al termine di uno scontro acceso e mortale, e soprattutto di come Giorno Giovanna ha dovuto guadagnarsi un posto in Passione dopo aver superato una prova piuttosto ardua al cospetto di Polpo, uno dei generali dell'organizzazione malavitosa che sia Giorno che Bruno vogliono smantellare dall'interno. Dopo aver provocato la morte di Polpo, dunque, il figlio di Dio Brando è pronto a essere introdotto alla squadra di Bucciarati.

È qui, insomma, che si iniziano a vederne delle belle. Il quinto episodio di Vento Aureo ci ha permesso di conoscere a fondo tutti i membri della gang di Bruno: Guido Mista, individuo superstizioso che vede il malocchio in qualunque cosa venga associata al numero quattro; Narancia Ghirga, un ragazzo di 17 anni che non ha mai terminato gli studi e che, per questo, cerca di mettersi in pari studiando la matematica; Leone Abbacchio, un individuo misterioso e cupo che più di tutti fatica ad accettare Giorno come nuovo compagno. E infine c'è Pannacotta Fugo, colui che ha ricevuto forse meno spazio rispetto agli altri ma di cui possiamo già intuire la caratterizzazione: un tipo apparentemente tranquillo e paziente che, tuttavia, nasconde un'indole brutale e violenta se essa viene scatenata. Tra gag esilaranti, tutte dedicate alle principali ossessioni di ciascuno di questi pittoreschi personaggi, i primi minuti scorrono tra divertimento e risate non-sense com'è nei canoni della produzione. Quando, poi, Giorno si è finalmente presentato al team, il carisma del protagonista di Vento Aureo è emerso ancora una volta nel confronto con la diffidenza e la boria altrui, ingurgitando con uno stratagemma le urine di Abbacchio, il quale aveva deciso di servire questo scherzo beffardo al suo nuovo compagno facendogli credere che fosse tè. Dopo aver dato prova della sua abilità, quindi, Giorno, Bruno e gli altri si dirigono verso l'isola di Capri: qui è sepolto un tesoro lasciato da Polpo e di cui soltanto Bucciarati conosce l'ubicazione. Prima di vedere i nostri eroi sbarcare nella splendente isola turistica, però, li vedremo alle prese con uno Stand misterioso: qualcuno, nell'ombra, si è deciso a braccarli, rimandandoci a una battaglia che promette di esplodere nel prossimo episodio...

L'arte di JoJo

Quello a cui abbiamo assistito è stato un episodio perlopiù di preparazione: non viene messa in scena, nel quinto episodio di Vento Aureo, alcuna battaglia pomposa o uno scontro particolarmente spettacolare. Eppure la narrazione è scorsa in un attimo, così densa di personaggi e di carisma. Si sono intravisti, in questi 23 minuti circa, personaggi ben caratterizzati che ci terranno compagnia per tutta la durata della serie: guerrieri atipici, la cui vena pittoresca deve ancora emergere totalmente e di cui, soprattutto, attendiamo di conoscere gli Stand.

Se siamo già pienamente soddisfatti dei toni del racconto, dunque, non possiamo che inchinarci ulteriormente di fronte alla direzione artistica della produzione: lo staff di David Production ci sta regalando una perla visiva in grado di coniugare lo stravagante character design originale di Araki con un "fotorealismo" che ha senza precedenti per quanto riguarda scenari e fondali della serie. La Napoli di Vento Aureo è una vera e propria cartolina in movimento, riesce a portarci tra le piazze più iconiche della città così come tra i suoi vicoli, restituendo a tutti coloro che ne conoscono le strade un profondo e amorevole senso di familiarità.

Le Bizzarre Avventure di JoJo: Vento Aureo, dunque, è finora promosso su ogni fronte, e possiamo dirlo al termine della visione dei primi cinque episodi: tolta qualche punta di amarezza che avevamo esplicato in occasione della release della prima puntata - perplessità derivate soprattutto da un racconto apparentemente frettoloso - il nostro responso sulle avventure napoletane dell'ultimo discendente della famiglia Joestar (anche se indiretto e illegittimo) per ora non può che essere un grande sì. Accompagnato, magari, da posa roboante e spettacolare in pieno stile "Jojoiano".

JoJo's Bizzarre Adventure Part 5: Vento Aureo Il quinto episodio di Vento Aureo, che abbiamo visionato con qualche ora di anticipo rispetto all'uscita in simulcast italiano, conferma l'ottima qualità artistica e getta nuove e intriganti basi per il racconto tratto dalle gesta cartacee degli eroi bizzarri disegnati da Hirohiko Araki. Una puntata perlopiù di preparazione, ma densa di carisma e divertimento, che corona un inizio di serie entusiasmante. Siamo sicuri, però, che il meglio deve ancora venire.