Netflix

Netflix Anime: le nuove serie ed i film in arrivo a settembre 2019

Vediamo quali sono gli anime che si aggiungono alla libreria Netflix a settembre, tra cui il nuovo film dello studio Ponoc.

speciale Netflix Anime: le nuove serie ed i film in arrivo a settembre 2019
Articolo a cura di

Tra le numerose produzioni giapponesi approdate ad agosto, non possiamo non ricordare la prima parte della terza stagione de L'Attacco dei Giganti e Goblin Slayer, ma vi è stato spazio anche per alcune esclusive targate Netflix, come Cannon Busters e la seconda parte di Hero Mask. Con tutte le novità approdate questo mese, il tempo sembra essere volato velocemente e l'estate è quasi giunta al termine, ma Netflix è già pronto a rasserenare le prime giornate uggiose di settembre con i nuovi titoli in arrivo: dopo aver dato uno sguardo al Catalogo Film di settembre 2019, è giunto il momento di vedere quali sono i titoli che arricchiranno la libreria anime.

I cieli di Escaflowne (1 settembre)

Hitomi Kanzaki è una ragazza di 15 anni in grado di leggere i tarocchi e di prevedere il futuro. Una sera, vede apparire dal cielo un ragazzo ed un drago famelico: il giovane è Van Fanel, e sta cacciando proprio la creatura. Grazie alla chiaroveggenza di Hitomi, Van riesce a sconfiggere il mostro, quando un fascio di luce li travolge. I due si ritrovano catapultati nel mondo di Gaia, terra di origine di Van. Qui, Hitomi apprende che Van è il principe del regno di Fanelia, distrutto dall'avanzata dell'impero di Zaibach, che vuole conquistare Gaia.

Nel tentativo di tenere testa alle armate del male, il principe sale a bordo del guymelef Escaflowne, un'armatura robotica, appartenente alla sua famiglia da generazioni, ma non vince la battaglia, ed il suo regno viene distrutto.
Hitomi e Van, in fuga dall'esercito di Zaibach, raggiungono Asturia, dove ricevono il supporto del cavaliere Allen Schezar. Con l'aiuto di altri fedeli compagni, Hitomi e Van dovranno fermare l'avanzata dell'armata di Zaibach, e liberare il mondo.

I cieli di Escaflowne è una serie del 1996 creata dal mecha designer Shoji Kawamori, noto per aver partecipato ad alcune opere come Gundam, Macross, e Ghost in the Shell, e diretta da Kazuki Akane, regista che ha raggiunto il successo proprio grazie ad Escaflowne, tanto che in seguito ha diretto l'OVA Code Geass: Akito the Exiled.

Il character design è stato affidato a Nobuteru Yuki, che ha collaborato a numerose opere, tra cui possiamo menzionare Record of Lodoss War, Battle Angel Alita, e Paradise Kiss. Uno staff creativo di tutto rispetto, per un anime che per certi aspetti ha fatto la storia. I cieli di Escaflowne è stato acclamato sia dal pubblico, che dalla stampa specializzata per essere riuscito nell'ardua impresa (almeno negli anni ‘90) di unire in un unico prodotto fantasy, mecha, e battaglie epiche.

In Italia, I cieli di Escaflowne è arrivato per la prima volta nel 2000 su MTV, doppiato da Dynit (all'epoca Dynamic), ed ora è disponibile su VVVVID. Finalmente, una delle opere più apprezzate degli anni ‘90 arricchisce il vasto catalogo Netflix.

Eroi modesti: Ponoc Short Films Theatre (6 settembre)

Lo studio Ponoc è giovane nel mondo dell'animazione: fondato nel 2015 dal regista Hiromasa Yonebayashi, la mente dietro Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento e Quando c'era Marnie, e dall'animatore Yoshiyuki Momose, dopo aver lasciato lo Studio Ghibli. Il primo film realizzato dalla Ponoc, Mary e il fiore della strega, diretto da Yonebayashi, è arrivato nelle sale giapponesi nel 2017, in Italia nel 2018, dopo un'anteprima al Napoli Comicon; la pellicola è caratterizzata da uno stile che rievoca il tratto distintivo dello studio di Miyazaki e Takahata.

Nel 2018, invece, Yonebayashi e Momose uniscono le forze con Akihiko Yamashita, animatore che ha lavorato a Il castello errante di Howl, per realizzare l'antologia, ancora in fase di produzione, Ponoc Short Films Theatre. Al momento, però, è stato distribuito nei cinema giapponesi solo il primo capitolo: Eroi modesti. La pellicola è una raccolta di tre cortometraggi diretti da Yonebayashi, Momose, e Yamashita, di circa 15 minuti l'uno. Arriva in Italia grazie a Netflix, dove sarà disponibile anche con doppiaggio italiano.

Il primo segmento, Kanini e Kanino, segue le vicende dei fratelli granchi dall'aspetto umanoide, Kanini e Kanino, appunto, che vivono assieme ai genitori nel fondale di un fiume. La madre sta per partorire, quindi i due fratelli restano da soli con il padre, quando una forte corrente d'acqua lo trascina via. Kanini e Kanino intraprendono un lungo viaggio pieno d'insidie, per ritrovarlo.

Il secondo corto, La vita è imbattibile, invece, vede come protagonista Shun, un bambino con la passione per il baseball, allergico alle uova; la madre dovrà prendersi cura di lui, evitando che mangi le uova, in qualunque modo.
La terza ed ultima storia, Invisibile, si focalizza su un uomo invisibile che vorrebbe tanto essere notato dagli altri, e per questo inizia una piccola avventura affinché ciò accada; però, un giorno, la sua vita cambia, quando incontra un cieco che riesce a vederlo.

Lo stesso giorno, sarà disponibile anche Gli eroi modesti di Studio Ponoc: documentario in cui gli autori raccontano la nascita dello studio e spiegano quali sono state le maggiori fonti d'ispirazione che hanno influenzato Eroi Modesti.

Kabaneri of the Iron Fortress: The Battle of Unato (13 settembre)

Sebbene l'anime Kabanari of the Iron Fortress sia in esclusiva su Prime Video, il film conclusivo arriverà su Netflix.
Kabaneri of the Iron Fortress può essere considerato come il sequel spirituale de L'attacco dei giganti: di fatti, dietro a questo progetto vi sono i ragazzi di Wit Studio, gli stessi che hanno adattato le battaglie di Eren e dei Giganti.
La serie è ambientata nel periodo della rivoluzione industriale. Il mondo è minacciato da strane creature che si nutrono di carne umana: i kabane.

Quando i simil-zombie azzannano una vittima, questa si trasforma in uno di loro; l'unico modo per sconfiggere i mostri è trafiggere il cuore, protetto da una spessa gabbia toracica d'acciaio. L'umanità si è organizzata in città-fortezze, come l'isola di Hinomoto, che ha innalzato solide mura per difendersi dalle orde di non morti; l'unico modo per raggiungere l'avamposto è un treno corazzato, che trasporta anche viveri per gli abitanti.

La maggior parte dei cittadini di Hinomoto lavora alla manutenzione del treno, e tra di loro vi è anche il protagonista, Ikoma, un tuttofare inventore, che sta progettando un'arma basata su una sparachiodi, in grado di penetrare la gabbia toracica degli zombie. La sera in cui un'orda di kabane irrompe ad Hinomoto, Ikoma è pronto a testare l'arma, ma viene morso: il virus inizia a diffondersi nel suo corpo; per rallentare il contagio, il giovane indossa una particolare bardatura.

I cittadini vengono fatti evacuare a bordo del treno corazzato, per raggiungere una città più sicura. A bordo del treno, Ikoma incontra Mumei, con la quale dovrà difendere i rifugiati, assieme ad altri abili guerrieri.
A seguito del successo di Kabaneri of the Iron Fortress, Wit Studio ha realizzato due film riassuntivi: Gathering Light e Burning Life. The Battle of Unato, invece, è una pellicola sequel (uscita nei cinema giapponesi lo scorso maggio), ambientata sei mesi dopo il viaggio di Ikoma e Mumei.

Un fantasy che ha lasciato il segno, il nuovo film di Yonebayashi e dello studio Ponoc, e la pellicola sequel di una delle serie più apprezzate dell'ultimo periodo: queste, al momento, sono le novità previste per il mese di settembre. Voi quale attendete maggiormente?