ONE PIECE: i 10 migliori cattivi nell'opera di Eiichiro Oda

Dopo oltre due decenni di interminabili avventure, i protagonisti di One Piece hanno affrontato numerosi avversari. Ma chi sono quelli più iconici?

speciale ONE PIECE: i 10 migliori cattivi nell'opera di Eiichiro Oda
Articolo a cura di

ONE PIECE è un manga che non ha certamente bisogno di presentazioni, forte del successo planetario capace di fargli infrangere numerosi record. L'opera di Eiichiro Oda, serializzata a partire dal 1997 e ancora oggi in corso di pubblicazione, vanta oltretutto un numero davvero elevato di personaggi, partendo dal protagonista Monkey D. Rufy (e la sua ciurma) fino ad arrivare ai numerosi antagonisti con cui i Mugiwara hanno dovuto confrontarsi nel corso della storia.
Ed è proprio sui nemici di Cappello di Paglia che vogliamo concentrarci in questo articolo, elencando alcuni tra i villain più iconici della saga.

Bagy

Il clown-pirata possessore dei poteri del frutto Puzzle Puzzle, oltre a essere uno dei primissimi avversari di Rufy, è anche uno dei suoi nemici più spassosi e iconici (è infatti uno dei personaggi preferiti di Oda). Nonostante in gioventù abbia militato nella ciurma del Re dei pirati insieme a Shanks, il villain non è mai riuscito davvero a farsi prendere sul serio (nonostante il suo carisma). Sconfitto senza troppi problemi da un Rufy ancora inesperto, il personaggio è ritornato più volte nel corso della saga, senza perdere mai la sua particolare verve sopra le righe. Seppur non sia di fatto uno degli avversari più pericolosi incontrati dalla ciurma di Cappello di paglia, il personaggio ha saputo ritagliarsi un posto di tutto rispetto nel pantheon dei personaggi più famosi di ONE PIECE, proprio per via dei suoi modi di fare buffi e per certi versi maldestri.

Kuro

Il capitano della ciurma di pirati Kuroneko è un altro dei primi avversari incontrati da Rufy, capace di dimostrarsi un avversario tanto abile quanto scaltro. Infiltratosi nel villaggio di Shirop sotto falsa identità, il pirata ordisce un pericoloso inganno ai danni di Kaya, una giovane ragazza amica di Usopp. Il villain sfrutta la sua straordinaria abilità di movimento combinata ai suoi guanti affilati, ma non fa della forza bruta il suo unico asso nella manica.
Kuro infatti è anche un abile stratega, capace di ordire elaborate macchinazioni ai danni del prossimo per ottenere il pieno controllo della situazione senza doversi per forza sporcare le mani.

Arlong

L'uomo-pesce a capo di Arlong Park è uno degli avversari più brutali e feroci incontrati da Rufy durante la prima parte dell'avventura, capace di assoggettare al suo volere interi villaggi facendo leva sul terrore e la disperazione. Macchiatosi dell'omicidio della madre adottiva di Nami, prova un profondo odio verso gli umani, che reputa esseri inferiori.

Completamente amorale e privo di senso dell'onore, viene anche meno alla parola data relativa al patto fatto con la gatta ladra, particolare capace di renderlo un personaggio estremamente malvagio e spietato. Seppur non possegga alcun potere derivato dai frutti del mare, si rivela un nemico pericoloso tanto sulla terraferma quanto in acqua, luogo dove il suo potere aumenta a dismisura.

Crocodile

Detentore dei poteri del frutto Sand Sand, è uno degli avversari più pericolosi incontrati da Rufy in rapporto al loro divario di forza durante la storia (soprattutto per quanto riguarda il loro primo incontro).
Infatti, prima che lo stesso protagonista comprendesse l'enorme potenziale dato dall'Ambizione, qualsiasi detentore di un frutto Rogia (capace di rendere inefficaci gli attacchi fisici) era in grado di sovrastarlo senza troppi problemi.

Da questo punto di vista, lo scontro nel deserto tra Crocodile e Rufy risulta per quest'ultimo un'insindacabile sconfitta, capace però di permettere al pirata protagonista di comprendere i propri limiti per migliorarsi.
Crocodile comunque, oltre ad avere piena padronanza dei propri poteri, risulta anche un abile (quanto subdolo) calcolatore, capace di tenere in scacco addirittura un regno (quello di Alabasta) riuscendo anche a sfruttare sapientemente il fatto di essere all'interno della Flotta dei Sette.

Ener

Il villain autoproclamatosi dio di Skypiea, l'isola nel cielo, ha dato numerosi grattacapi a tutta la ciurma di Rufy. Possessore dei poteri del frutto Rombo Rombo, capace di donare all'utilizzatore la potenza e la velocità del fulmine, il personaggio sfrutta i suoi impressionanti poteri per instaurare un vero e proprio clima di terrore all'interno dell'isola nel cielo. Oltre a questo, la sua capacità di avere una straordinaria percezione di quello che accade attorno a lui (anche a distanze molto elevate) lo rende capace di conoscere qualsiasi stortura all'interno del suo regno, particolare che lo ha reso uno dei pochi personaggi in grado di mettere fuori gioco tutta la ciurma di Rufy senza troppi sforzi.

Rob Lucci

L'enigmatico capo dell'organizzazione segreta CP9, forte dei poteri del frutto Felis Felis, ha rappresentano per Rufy una delle più ardue sfide relative ai combattimenti corpo a corpo.
Le sue pericolosissime tecniche di lotta lo rendono un avversario particolarmente ostico, soprattutto nella sua forma animalesca. Seppur in un primo momento presentato come un innocuo carpentiere, una volta rivelata la sua vera natura il personaggio fa sfoggio di tutta la sua cattiveria intrinseca, dimostrandosi un individuo spietato e desideroso (più di molti altri villain) di uccidere a sangue freddo chiunque gli capiti a tiro.

Akainu

L'ammiraglio della marina è un personaggio spietato e a tratti insensibile, che uccide a sangue freddo chiunque non incarni gli ideali di giustizia assoluta a cui ha deciso di aderire. Inflessibile anche con i propri sottoposti, è colui che uccide Portuguese D. Ace, fratello adottivo di Rufy, durante la saga di Marineford, in cui perde la vita anche il leggendario pirata Barbabianca.

Dotato dei poteri del frutto Magma Magma, in seguito alle dimissioni di Sengoku ottiene la carica di grand'ammiraglio, diventando a conti fatti uno dei più forti avversari che Rufy (così come tutti gli altri pirati) si ritroveranno ad affrontare nelle nuove avventure.

Donquijote Do Flamingo

Il personaggio incarna perfettamente lo spirito iconoclasta dei pirati di nuova generazione; totalmente insensibile ai bisogni del popolo su cui regna incontrastato, si pone come un individuo irrispettoso verso tutti e dal carattere volubile. Forte dei poteri del frutto Filo Filo, è in grado di controllare a piacimento le persone (trattandole come delle vere e proprie marionette) oltre a possedere numerose altre abilità.

Il personaggio, per la sua indole spietata e calcolatrice (oltre alla sua presenza nella Flotta dei Sette), risulta per certi versi simile a Crocodile. La sua immensa forza, capace di fargli tenere testa tanto a Rufy quanto a Trafalgar Law, lo rende a oggi uno degli avversari più pericolosi incontrati dai Mujiwara.

Kaido

Considerato da tutti come l'essere vivente più forte del pianeta, il suo passatempo preferito è quello di provare a suicidarsi (inutilmente) vista la sua straordinaria resistenza a qualunque tipo di minaccia. Tremendamente annoiato dal mondo che lo circonda, è senza ombra di dubbio uno degli avversari più forti e pericolosi incontrati da Rufy.

Ultimo dei quattro imperatori a mostrarsi, è capace di trasformarsi in un enorme drago cinese grazie ai poteri del frutto del diavolo che ha ingerito.
Incontrarlo di persona pone l'avversario di fronte a una semplice scelta: unirsi a lui oppure morire!

Barbanera

Marshall D. Teach, ex membro della ciurma di Barbabianca, subentra a quest'ultimo nel ruolo di Imperatore dopo averlo ucciso (assorbendone oltretutto i poteri) durante la saga di Marineford. Capace di controllare la materia oscura generando buchi neri attraverso i poteri del frutto Dark Dark, è diventato con il tempo l'antagonista principale della serie, risultando di fatto uno dei personaggi più forti in assoluto del manga.

Nonostante all'apparenza possa sembrare un personaggio poco lungimirante, nel corso della serie si è invece dimostrato un abile stratega e manipolatore, capace di ricorrere a qualsiasi mezzo (anche il più sleale) per raggiungere il suo sogno: diventare il Re dei pirati.