ONE PIECE: recap, ipotesi e previsioni dell'Atto 2 di Wano Country

A ridosso dell'uscita del capitolo 925 di ONE PIECE, dove comincerà il secondo atto del Wano Country, facciamo un breve ripasso.

speciale ONE PIECE: recap, ipotesi e previsioni dell'Atto 2 di Wano Country
Articolo a cura di

Durante l'arco narrativo di Whole Cake Island, molti fan di ONE PIECE lamentavano una certa stanchezza di fondo da parte di Eiichiro Oda. Il noto mangaka, dopo più di vent'anni di pubblicazione pressoché ininterrotta, nel corso della parabola narrativa che ha visto Rufy fronteggiare Big Mom ha effettivamente vissuto una fase discendente del suo lavoro, proponendo ai lettori una storia trascinata, confusionaria e davvero debole se paragonata a quelle del passato. La cosa è più che comprensibile, data l'enormità del franchise in questione, della sua lore e del suo mondo, e può tranquillamente capitare una fase di stanca, ma ciò non toglie che i fan dell'opera avessero cominciato a nutrire dubbi sulla qualità del prosieguo. Tuttavia, Oda è un fine narratore, capace di alternare brillantemente momenti di magra ad altri stracolmi di informazioni e azione. Ecco allora che, prima con la breve parentesi sul Reverie, poi con il primo atto del Wano Country, il noto mangaka è riuscito a spazzare via ogni dubbio che aveva attanagliato i lettori, donando nuova linfa a ONE PIECE e settando quella che promette essere la saga più articolata dell'intero manga. L'unica incertezza è l'enorme mole di personaggi presenti ora a Wano, cast destinato a ingigantirsi nel corso della saga. Gli spoiler del capitolo 925 hanno posto le basi per il futuro dell'intero mondo, generando hype tra i fan ma anche qualche nuovo dubbio sulla gestione della storia, le cui trame convergono sempre più verso una fine (ancora lontana). Andiamo allora a vedere le cose importanti da ricordare prima che il secondo atto del Wano Country cominci ufficialmente con il capitolo 925.
ATTENZIONE: se proseguite nella lettura potreste incappare in spoiler sulla trama di ONE PIECE fino al capitolo 924 del manga.

Il Paese dei Samurai

Prima di tutto è necessario fare un passo indietro. Il Paese di Wa (o Wano Country), similmente al Giappone feudale, è un luogo isolato dal resto del mondo, che non subisce l'ingerenza esterna del Governo e della Marina. Tuttavia, venti anni fa, Orochi (l'attuale Shogun), con l'aiuto esterno di Kaido e del suo esercito, salì al potere uccidendo lo Shogun Sukiyaki e bollendo vivo suo figlio, Kozuki Oden, l'allora Daimyo di Kuri. All'insaputa di Orochi e Kaido, però, la moglie di lord Oden, lady Toki, grazie ai poteri del suo Frutto del Diavolo, spedì suo figlio Momonosuke e quattro fedeli samurai (Kin'emon, Kanjuro, Raizo e O'Kiku) vent'anni nel futuro. Stando a quanto riportato, Toki non apparteneva effettivamente a quel tempo, ma a uno di molto precedente. Si presume che la moglie di lord Oden sia nata e cresciuta in un periodo non specificato facente parte dei Cento Anni di Grande Vuoto, e che in uno momento preciso abbia utilizzato i suoi poteri per spedire se stessa nel futuro. Inoltre, suo figlio Momonosuke ha la capacità di controllare Zunisha, capacità che Oden non aveva e che ha quasi sicuramente ereditato da sua madre. Durante i Cento Anni di Grande Vuoto, Wano era già un paese prospero, e il clan Kozuki aveva perfezionato la realizzazione dei Poignee Griffe, enormi monoliti quasi indistruttibili che avevano lo scopo di tramandare la conoscenza del Regno Antico, cancellato dalla storia dall'ascesa al potere del Governo Mondiale. Per colpa di Kaido, Wano è ora un paese in rovina. L'imperatore ha costruito molte fabbriche su ogni regione (Kuri, Udon, Yo), escluse la capitale e l'isola di Onigashima in cui risiedono rispettivamente Orochi e Kaido. L'industrializzazione selvaggia del paese dei samurai (forte critica che Oda muove verso il mondo reale), ha contaminato le falde acquifere e avvelenato di conseguenza gli animali che si abbeverano su quelle acque, e gli abitanti sono stati dunque ridotti alla fame e costretti a lavorare nella fabbriche di Kaido. Su questo scenario di povertà e miseria si muove la saga di Wano, parabola che per la prima volta nella storia di ONE PIECE è stata suddivisa in atti, in maniera similare alla messa in scena di uno spettacolo Kabuki.

Kaido delle Cento Bestie

Kaido è considerato l'essere più forte del mondo, e durante lo scontro con Rufy ha dimostrato ampiamente il suo immenso potere. Prima di diventare Imperatore, insieme a Big Mom faceva parte dei pirati Rocks, una banda di bucanieri che terrorizzava i mari molto tempo prima dell'avvento di Gol D. Roger. Kaido ha la capacità di trasformarsi in un enorme drago cinese che ricorda molto da vicino il Drago Shenron di Dragon Ball. In qualsiasi altra circostanza si crederebbe che i suoi poteri derivino da un Frutto del Diavolo Zoo Zoo ancestrale, ma nel caso di Kaido si sta fortemente speculando sul fatto che la forma di drago sia in realtà la sua reale forma. Questo deriva dal fatto che non è stato specificato da nessuno (ne da Oda, ne da uno dei personaggi nel manga) se l'Imperatore abbia effettivamente ingerito un Frutto del Diavolo. Il suo nome, inoltre, ha una forte assonanza fonetica con la parola giapponese Kaado, che significa carta. A quanto pare, infatti, la piramide composta da Kaido e dai suoi generali prende spunto dalle figure più alte delle carte da gioco, cioè K, Q e J, rispettivamente King, Queen e Jack. Nei passati capitoli abbiamo già fatto la conoscenza di Jack, in grado di trasformarsi in Mammut grazie ai Poteri di uno Zoo Zoo ancestrale. Jack, che è alla base di questa piccola piramide, ha già dato prova del suo potere distruttivo, e i suoi "fratelli", che compariranno nel capitolo 925, dovrebbero essere addirittura più forti. Al di sotto dei tre generali troviamo poi un esercito fatto di possessori di Frutti del Diavolo artificiali, cioè gli Smile. Questi elementi vengono chiamati "User" (utilizzatori), e stando al soprannome di Kaido dovrebbero essere in totale cento. Tutti loro risiedono nell'enorme palazzo che sorge nell'isola Onigashima, dove il cibo non manca mai grazie alle fattorie sparse per Wano. Oltre a questo gruppo di fedelissimi, l'Imperatore Drago si è assicurato la lealtà di altri importanti elementi, due dei quali appartengono alla Peggiore Generazione: Basil Hawkins e X Drake. Inoltre, c'è un personaggio che potrebbe creare non pochi problemi se dovesse rivelare ciò che sa all'Imperatore. La figura in questione è Caribu, che nelle miniavventure del manga è stato catturato da Drake e portato a Wano. Caribou conosce la verità dietro Poesidon, e se Shirahoshi dovesse finire nelle mani di Kaido, questo renderebbe il despota di Wa ancora più potente. Unitamente al folto esercito di Kaido, poi, pare che Big Mom (e parte della sua famiglia) sia in viaggio per il paese dei samurai, e la sua presenza non farà altro che peggiorare la situazione dei nostri Mugiwara (ampliando ulteriormente il già vasto ventaglio di personaggi presenti). L'alleanza tra Rufy e i samurai di Oden è forte, ma gli ultimi eventi che hanno chiuso il primo atto del Wano Country hanno complicato di molto la riuscita del piano di Kin'emon.

Profezia

Quando lady Toki spedì i fedeli di suo marito nel futuro, poco prima di morire fece una profezia: "Sei come la luna che non conosce l'alba. Se c'è un desiderio ardente che può essere adempiuto, allora sarà quello in cui verranno lanciate nove ombre, intrecciate insieme in venti anni di notti illuminate dalla luna. Solo allora conoscerai lo splendore dell'alba.". La profezia si riferisce a nove samurai che in una notte di luna sconfiggeranno Kaido e riporteranno Wano al suo fulgido splendore. Per ora abbiamo conosciuto solo quattro di questi nove samurai (cinque se si conta Momonosuke). Durante il primo atto abbiamo scoperto però dell'esistenza di altri tre fedeli di Oden che ora sono divenuti Ronin (samurai senza padrone): Ashura Douji, Denjirou e Kawamatsu.

Quindi, all'appello manca ancora un solo nome, ma potrebbe essere Rufy stesso l'ultimo elemento (pura speculazione). Nel capitolo 924, intanto, si è scoperto che Shutenmaru, il capo dei Banditi della Montagna, è in realtà Ashura Douji, e Kin'emon dovrà entrare in contatto con lui per convincerlo a prendere parte al piano. Rufy, che è stato catturato e portato nella fabbrica di Udon, potrebbe invece fare la conoscenza dei due restanti ronin (o di uno solo di essi) durante il secondo atto della saga, ma non è certo. In questo momento, l'unico con cui è entrato in contatto è Eustass Kid, anch'esso imprigionato a Udon. Da questo incontro nascerà quasi certamente un'alleanza simile a quella che Rufy ha con Law, e sarà interessante vedere che tipo di rapporto si svilupperà tra le due Supernove. Tornando alla profezia, ci sono ulteriori precisazioni da fare. La prima, è che la scelta della notte di luna potrebbe essere legata sia all'aiuto della stirpe dei visoni, che come sappiamo durante le notti di luna piena possono assumere la Forma Sulong, sia al tatuaggio che i ribelli portano sulla caviglia. La seconda, invece, è che le nove ombre citate nel testo possano essere semplicemente i nostri Mugiwara. Comunque vadano le cose, prima di tutto, i membri di questa alleanza devono radunarsi e incontrarsi al porto di Habu, da dove salperanno per l'isola Onigashima e porre finalmente in essere le parole di lady Toki.

Atto Secondo

Con il capitolo 925, come detto in apertura, prenderà ufficialmente il via il secondo atto del Wano Country, e gli spoiler rilasciati ieri online hanno rivelato lo scheletro di quella che sarà la struttura narrativa che avrà questa saga. In pratica, le pause tra un capitolo e un altro si concentreranno su quello che capita nel resto del mondo, che a quanto pare è in completo subbuglio. Oltre all'entrata in scena di King e Queen (riportata nel secondo paragrafo), il capitolo mostrerà varie figure che da tempo non facevano la loro comparsa nel manga di ONE PIECE. Il primo e più importante ritorno è quello di Gekko Moria, il quale è ancora vivo e si trova a capo del suo esercito di zombie. Moria è alla ricerca di Absalom sull'isola di Barbanera, ma si scoprirà che il subordinato con la bocca di tigre è stato ucciso. Non si capisce come - forse per merito di Barbanera stesso - ma i poteri del Frutto Suke Suke sono ora nelle mani di Shiryu, il quale è divenuto ancora più potente. Si verrà inoltre a conoscenza che Devon, un altro subordinato di Teach, ha ingerito il Frutto del Diavolo Zoo Zoo Ancestrale della Volpe a Nove code, i cui poteri pare gli permettano di mutare forma. Parallelamente a ciò, pare che durante il quarto giorno del Reverie, i comandanti dell'Armata Rivoluzionaria abbiano avuto uno scontro con Fujitora e Ryokugyu per recuperare Orso Bartholomew, scatenando un vero e proprio putiferio. Il mondo è pronto a esplodere insomma, e la miccia potrebbe essere accesa proprio durante la saga del Wano Country.

ONE PIECE Come detto in apertura, con il primo atto di questa parabola narrativa Eiichiro Oda è riuscito a dirimere i dubbi che attanagliavano i lettori, i quali erano preoccupati per il futuro della serie. Il merito va forse al fatto che, sin dagli inizi di ONE PIECE, il mangaka ha sempre voluto raccontare questa storia e dei personaggi che ne fanno parte. Dopo ventun'anni di pubblicazione, Oda mostra ancora una visione d'insieme encomiabile, la stessa visione che ha reso ONE PIECE quel gargantuesco franchise che è oggi.