One Piece Stampede: cosa aspettarsi dal nuovo lungometraggio animato

Dopo il teaser trailer d'annuncio, vediamo insieme cosa aspettarci da ONE PIECE: STAMPEDE, nuovo lungometraggio animato dedicato alla serie.

speciale ONE PIECE STAMPEDE: cosa aspettarsi dal nuovo lungometraggio animato
Articolo a cura di

Con un teaser trailer a sorpresa diffuso nella serata di martedì 11 Dicembre, Toei Animation ha rivelato cosa bolliva in pentola per il ventennale dell'anime di ONE PIECE. In occasione dei due decenni di trasmissione ininterrotta, infatti, la nota casa di produzione si è messa al lavoro su una nuova pellicola dedicata all'opera di Eiichiro Oda, ossia ONE PIECE: STAMPEDE, quattordicesimo lungometraggio animato che arriverà nelle sale giapponesi il prossimo 9 Agosto 2019. Il teaser trailer in questione è un rapido excursus nelle passate avventure di Rufy e compagni, ed è particolarmente povero di dettagli inerenti il film, eppure gli ultimi secondi del video hanno voluto lasciare i fan con il fiato sospeso, rivelando quello che potrebbe essere il nemico della nuova produzione.
L'enorme figura composta di macerie e rottami, che si staglia anche nel poster del film, ha generato subito milioni di domande negli appassionati, interrogativi che purtroppo non troveranno un'immediata risposta, ma sui quali è possibile speculare fin da subito. Ben consci della povertà di informazioni, ma comunque galvanizzati dall'annuncio, vediamo insieme cosa possiamo aspettarci da ONE PIECE: STAMPEDE.

STAMPEDE

Partiamo subito dal titolo. Con il termine inglese "stampede" si vuole descrivere una folle corsa verso la salvezza, e a giudicare dalla gargantuesca sagoma del teaser poster, non facciamo fatica a credere che il sottotitolo sia quantomai esplicativo di ciò che vederemo nel film. Tutto sembra ruotare intorno alla misteriosa figura, la quale è composta da rottami di navi. In ONE PIECE, l'anatomia dei personaggi è da sempre molto labile, e le diverse razze che popolano il mondo creato da Oda (come i Giganti ad esempio) sono soggette a diverse grandezze. Non è dunque così strano vedere una tale mole per un personaggio, ma è strana la sua natura. Quasi certamente, l'enorme ammasso di rottami è figlio di un qualche Frutto del Diavolo (presumibilmente un Paramisha), ma non è chiaro se simili resti ricoprano qualcuno come un'armatura o se si possano muovere in totale autonomia. Nella prima ipotesi, avremmo già visto qualcosa di molto simile con Eustass Kid, che con i suoi poteri legati al magnetismo è in grado di creare estensioni metalliche del suo corpo. Tuttavia, l'ipotesi che Kid possa in qualche modo comparire nella pellicola, a giudicare dal piazzamento temporale che avrà il film (dopo Whole Cake Island), è da scartare, perché in quel lasso di tempo la Supernova si trova in carcere a Wano, dopo essere stato sconfitto dall'Imperatore Kaido.

La seconda ipotesi è insomma quella preferibile, e si può tranquillamente presupporre che il villain di STAMPEDE abbia la capacità di ammassare rottami per formare un immenso burattino manovrabile (o un robot) con il quale scatenare il panico nel Nuovo Mondo. Ma che tipo di potere potrebbe essere? Sappiamo che la gravità è prerogativa di Barbanera, e che alcune varianti sono già state mostrate con Shiki (nel film STRONG WORLD) e con l'Ammiraglio Fujitora, così come il magnetismo è stato utilizzato solo con Kid. Tuttavia, le macerie sono composte anche da parti non metalliche, e quindi ci si potrebbe sbilanciare su qualche potere telepatico, ma è un grosso azzardo data la stazza in questione. Non è dunque ben definibile la tipologia di abilità che verrà utilizzata, ma una certezza, anche a fronte di così poche informazioni, c'è: il villain.

VILLAIN

I lungometraggi animati di ONE PIECE escono da un vero periodo d'oro (in tutti i sensi). A partire dal decimo film, infatti, Eiichiro Oda ha supervisionato la produzione di ogni pellicola, e il suo apporto ha regalato ai fan tre nemici encomiabili, sfaccettati e iconici. Come avrete intuito, parliamo di Shiki il Leone Dorato, Black Arm Zephyr e Gild Tesoro. I tre sono stati gli avversari principali delle ultimi tre film, Cioè STRONG WORLD, Z e GOLD, e sono a tutti gli effetti alpha e omega dei rispettivi lungometraggi. A un'attenta analisi, infatti, si nota come i Mugiawara, nonostante il minutaggio e il loro ruolo da protagonisti, restino sempre alla stregua di comprimari nelle storie dei loro avversari, villain che danno del filo da torcere anche ai nemici canonici della serie cartacea.

Da qui è possibile intuire che anche in STAMPEDE si dovrebbe seguire questa scia, e che ci troveremo davanti un nemico a tutto tondo, con il quale sarà possibile empatizzare come già successo in passato. La certezza deriva dal fatto che Oda dovrebbe supervisionare nuovamente la produzione (sono pur sempre i vent'anni dell'anime), regalandoci così un nuovo villain da antologia in occasione di questo straordinario anniversario. C'è però qualcuno che nutre dei dubbi in merito, più che leciti e giustificati. Come è possibile notare dal titolo, infatti, la dicitura "FILM" è assente, a differenza di STRONG WORLD, Z e GOLD. Al contrario, si fa riferimento all'opera con il termine "Gekijoban", esattamente come per le pellicole che non avevano coinvolto direttamente il sensei Oda nella produzione.

Da un lato pare strano che l'autore non venga attivamente coinvolto nel progetto per i vent'anni dell'anime, ma dall'altro è pur vero che si festeggia la serie animata e non quella cartacea, e quindi sarebbe ammissibile un nuovo progetto in "solitaria". Solo il tempo ci darà la riposta.
Ciò che è certo, e che il teaser trailer di ONE PIECE: STAMPEDE è stato come un fulmine a ciel sereno. L'annuncio, che ci ha riproposto vari momenti dell'anime aggiornati con il moderno stile della serie (e non sappiamo se saranno nel film), ha volutamente omesso ogni tipo di informazione sulla trama, ma ci ha voluto dire sin da subito, con il titolo e quell'immagine finale, che questa volta il villain potrebbe spingere i nostri Mugiwara verso qualcosa di già visto - e contemplato - ma che qui potrebbe assumere nuovi connotati: la fuga. Non ci resta che attendere il 9 Agosto 2019.